Buckcherry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Buckcherry
I Buckcherry in un'apparizione live del 2007.
I Buckcherry in un'apparizione live del 2007.
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Hard rock[1][2]
Sleaze metal[3][4][5][6]
Alternative metal[1]
Periodo di attività 19952002
2005in attività
Etichetta DreamWorks
Eleven Seven
Atlantic
Century Media Records
Album pubblicati 6
Studio 5
Live 1
Raccolte 0
Sito web
Buckcherry.png

I Buckcherry sono una band sleaze rock di Los Angeles formatasi nel 1995 e nominata ai Grammy. Prima dello scioglimento, avvenuto nell'estate 2002, la band ha pubblicato l'album di debutto omonimo, nel 1999, e Time Bomb, nel 2001.

Nel 2005 il cantante Josh Todd ed il chitarrista solista Keith Nelson hanno formato una nuova band con il nome Buckcherry, pubblicando il 16 aprile 2006 un nuovo album, intitolato 15, che contiene le hit "Crazy Bitch" e "Sorry". Quest'ultima è giunta nella top ten della Billboard Hot 100, la classifica dei 100 singoli più venduti e più trasmessi dalle radio negli Stati Uniti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi e il successo (1997-2002)[modifica | modifica sorgente]

I Buckcherry si formarono dopo che il cantante Josh Todd incontrò il chitarrista Keith Nelson in un negozio di tatuaggi. Entrambi si resero conto del loro amore comune per gli AC/DC. Il duo registrò qualche demo prima dell'entrata nel gruppo da parte del bassista Jonathan Brightman e del batterista Devon Glenn, che portò alla formazione degli Sparrow. Gli sparrow cominciarono ad esibirsi nei locali di Hollywood, ottenendo un forte seguito grazie al loro rock 'n' roll vecchio stile, e poco dopo vennero messi sotto contratto dalla major DreamWorks Records. La band cambiò nome in Buckcherry dopo aver ricevuto una lettera da parte di un'etichetta discografica chiamata Sparrow, che minacciava di intentare una causa legale se non avessero cambiato nome. Anche se Buckcherry è un anagramma di Chuck Berry, il gruppo ha dichiarato di essere stato ispirato da una drag queen chiamata Buck Cherry. La band ha pubblicato il loro album omonimo di debutto nel 1999 diventato poi disco d'oro. L'album, prodotto da Terry Date, già produttore di Soundgarden e Pantera include le tre rock hits "lit up", "For The Movies" e "Check Your Head". Dopo l'entrata nel gruppo del chitarrista ritmico Yogi Lonich nel 1999, I Buckcherry iniziarono un lungo tour per supportare il loro album di debutto, aprendo i concerti di Lenny Kravitz nel 1999, prima di tornare in studio nel 2000 per registrare il loro secondo album Time Bomb. Purtroppo questo non ottenne molto successo e venne molto criticato. Allmusic fece notare che "per un secondo album, è davvero sorprendente scoprire quanto già siano disperati e nichilisti". Nella primavera del 2000 aprirono i concerti degli AC/DC. Nell'agosto del 2001, a causa delle tensioni interne al gruppo, tutti i componenti decisero di abbandonare il gruppo lasciando Josh Todd e Keith Nelson da soli. I due non si scoraggiarono e decisero di portare avanti il progetto Buckcherry iniziando le registrazioni di un terzo album, durante il quale però anche Keith Nelson decise di lasciare il gruppo, portando allo scioglimento dello stesso.

Dopo lo scioglimento (2002-2004)[modifica | modifica sorgente]

Nel 2002 Josh Todd e Keith Nelson suonarono insieme con gli ex membri dei Guns N' Roses Slash, Duff McKagan e Matt Sorum al Randy Castillo Benefit Concert. In seguito, Josh Todd si unì al gruppo messo in piedi dai già citati tre ex membri dei Guns, ma dopo un mese di lavoro in studio e una decina di canzoni registrate, viene bruscamente licenziato da Slash. Todd dirà della vicenda: "È stato incredibile, la band si stava sbattendo, poi un giorno è arrivato Slash e ha buttato tutto l'intero lavoro". In risposta, nella sua autobiografia Slash spiegherà che la voce di Todd non era quella adatta per il progetto e in seguito venne scelto Scott Weiland come frontman del gruppo che divenne noto come Velvet Revolver.

Keith Nelson invece, continuò la sua carriera come produttore discografico e occasionalmente come songwriter apparendo insieme a Todd tra gli autori della canzone dei Velvet Revolver Dirty Little Thing.

Nel 2003 esce il primo, e fino ad ora unico, album solista di Josh Todd intitolato You Made Me.

La Reunion (2005-2012)[modifica | modifica sorgente]

Nel 2005 Josh Todd si riunisce a Keith Nelson riformando i Buckcherry insieme ai tre nuovi membri Stevie D., Jimmy Ashurst, and Xavier Muriel.

L'anno seguente esce l'atteso nuovo album 15 che riporta i Buckcherry al successo portandoli vincere dischi di platino sia negli Stati Uniti che in Canada. Il disco contiene ottime canzoni come Next 2 You, Everything, Sorry, Broken Glass ma soprattutto l'hit single Crazy Bitch che arriva alle vette delle 'singles pop chart' raggiungendo il doppio disco di platino.

Nel 2008 la band annuncia la propria presenza insieme a gruppi come Papa Roach, Sixx:A.M. e Trapt al Crue Fest tour, un festival che vede come organizzatori ed headliner i Motley Crue. Nello stesso anno esce Black Butterfly, quarto lavoro della band, che debutta al numero 8 della top 200 charts. Tra il 2008 e il 2009 la band gira il mondo contituamente in tour, suonando insieme a Kiss, The 69 Eyes, Dead Superstar, Limp Bizkit, Lacuna Coil e molti altri.

Nel settembre del 2009 pubblicano il primo album dal vivo Live & Loud 2009, registrato nel maggio dello stesso anno durante il loro tour in Canada.

Il 2010 è l'anno di All Night Long, quinto lavoro in studio che, trainato dal singolo intitolato come l'album, debutta al decimo posto della Top 200 Billboard Chart risultando l'album rock che ha venduto di più nella prima settimana dall'uscita in quell'anno.

L'anno seguente partono per lo Jägermeister Music Tour insieme a Hellyeah e All That Remains.

Nel 2012 appaiono nella colonna sonora del film The Avengers, con la canzone intitolata "Wherever I Go".

Confessions (2012-presente)[modifica | modifica sorgente]

Nel 2013, pubblicano il loro quinto album, intitolato Confessions.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Attuale[modifica | modifica sorgente]

  • Josh Todd – voce (1995 – 2002, 2005 – presente)
  • Keith Nelson – chitarra solista, cori (1995 – 2002, 2005 – presente)
  • Stevie D. – chitarra ritmica, cori (2005 – presente)
  • Kelly LeMieux – basso, cori (2013 – presente)
  • Xavier Muriel – batteria, percussioni (2005 – presente)

Ex membri[modifica | modifica sorgente]

  • Jonathan Brightman – basso, voce (1995 – 2002)
  • Devon Glenn – batteria, percussioni (1995 – 2002)
  • Yogi Lonich – chitarra ritmica, voce (1999 – 2002)
  • Jimmy "Two Fingers" Ashhurst – basso, cori (2005 – 2013)

Discografia[modifica | modifica sorgente]

In studio[modifica | modifica sorgente]

Live[modifica | modifica sorgente]

Apparizioni in compilation[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b allmusic.com - Buckckcherry
  2. ^ rockdetector.com - Buckcherry
  3. ^ rollingstone.com - Recensione "Buckcherry"
  4. ^ norespect.it - Recensione "15"
  5. ^ sputnikmusic.com - Recensione "Time Bomb"
  6. ^ tunelabmusic.com - Recensione "Black Butterfly"

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal