Bubble Bobble II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bubble Bobble II
Sviluppo Taito
Pubblicazione Taito
Data di pubblicazione 1994
Genere Piattaforme
Piattaforma Arcade, Sega Saturn, PlayStation, Microsoft Windows, Xbox, PlayStation 2
Periferiche di input Joystick, 2 pulsanti
Preceduto da Bubble Bobble
Seguito da Bubble Memories - The Story of Bubble Bobble III
Specifiche arcade
CPU Motorola 68EC020
Processore audio Motorola 68000
Risoluzione 320×224×8192

Bubble Bobble II, noto anche come Bubble Symphony (バブルシンフォニー Baburu Shinfonī?), è il primo seguito "ufficiale" del celebre platform game Bubble Bobble, nel senso che personaggi, ambientazioni e gameplay si rifanno direttamente ad esso, ma in realtà è il quarto gioco della serie, dopo Rainbow Islands e Parasol Stars.

Il gioco è gremito di numerosissimi omaggi e citazioni ad altri famosi giochi della Taito, talora omaggiati con l'apparizione dei loro protagonisti a mo' di "guest star".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I protagonisti del gioco stavolta sono quattro: Bubblun e Bobblun (figli rispettivamente di Bub e Bob, i due protagonisti di Bubble Bobble), con le amichette Kululun e Cororon.

Un giorno i quattro bambini trovano un libro magico e lo aprono, senza sospettare che si tratti di una trappola ordita da Super Drunk (il boss finale del primo Bubble Bobble): per vendicarsi di Bub e Bob, che lo avevano sconfitto, Super Drunk fa in modo che i bimbi subiscano la loro stessa maledizione, trasformandoli in draghetti sparabolle (esattamente come capitò a Bub e Bob). In Bubble Bobble II, Super Drunk è solo il primo di una serie di boss.

Gameplay[modifica | modifica wikitesto]

Il gameplay è analogo a quello di Bubble Bobble, con alcune piccole differenze. Innanzitutto, ora è possibile scegliere tra i 4 personaggi disponibili il proprio preferito all'inizio della partita; le differenze tra di essi non sono soltanto cosmetiche, ma influenzano le abilità di ciascuno di essi, incluso l'attacco speciale, ottenuto tenendo premuto a lungo il pulsante di sparo. Le statistiche:

  • Bubblun (draghetto verde) - velocità, rapidità e gittata dello sparo medi; attacco speciale: tre bolle in linea.
  • Bobblun (draghetto blu) - velocità alta, scarsa gittata di sparo e rapidità di sparo media; attacco speciale: tre bolle che si dipartono da lui.
  • Kululun (draghetto arancio) - velocità media, sparo con lunga gittata ma bassa rapidità; attacco speciale: bolle in formazione a "T".
  • Cororon (draghetto rosa) - scarsa velocità, sparo molto rapido ma a breve gittata; attacco speciale: bolle in formazione a "T" rovesciata.

A differenza degli altri giochi della serie, una volta sconfitto il boss di un livello si potrà scegliere quale sia il successivo livello da affrontare, secondo uno schema ad albero simile a quello proposto in altri giochi della casa (ad es. Darius).

Livelli[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni dei livelli nel gioco sono basati su precedenti videogames Taito. Il primo livello non ha nome ed è suddiviso in tre possibili zone, che portano tutte al boss Super Drunk, dove una zona scelta corrisponde (quando appunto si arriva a Super Drunk) ad un'arma diversa per poterlo sconfiggere. Di seguito sono elencati i successivi livelli:

  • Radish Land: il surreale mondo in cui è ambientato il bizzarro picchiaduro a scorrimento PuLiRuLa. Come in quel gioco, il boss è Jack O'Colson, il mago dalla testa a mappamondo.
  • KiKi KaiKai: basato sul gioco omonimo, include come in esso numerose creature ispirate ai mostri della mitologia giapponese. Il boss è Manuke, una ragazza simile a Sayo-chan (la protagonista di Kiki KaiKai), che però in realtà è un tanuki, animale che secondo la stessa mitologia è in grado di trasformarsi in qualunque cosa (tra l'altro questo tanuki è simile al tanuki che accompagna Sayo-chan come secondo giocatore in KiKi KaiKai).
  • Sun "A" Zone: livello ispirato alla serie di sparatutto Darius, in cui svariati nemici comuni hanno l'aspetto di boss di quel gioco, però, rifacendosi all'estetica della saga di Bubble Bobble, in versione minuscola e kawaii. Il nome del livello è basato sul fatto che in Darius i livelli sono noti come "zone" contrassegnate da lettere dell'alfabeto, e in Darius II la zona A è ambientata appunto sul Sole. Il boss a sua volta è ripreso da Darius II: si tratta di Yamato, un paguro robotico che ha come "casa" l'omonimo incrociatore giapponese della II Guerra Mondiale. Yamato riproduce ogni aspetto della sua controparte "seria", a partire dal testo tratto dalla saga di Darius (WARNING: a Huge Battleship ecc.) che accompagna l'entrata in scena di ogni boss.
  • TV Machine: un livello in cui tutti gli stage hanno il nome di vecchi giochi Taito, e che spesso riflettono l'aspetto di questi tramite la disposizione delle piattaforme. Il boss è una parodia della formazione di alieni di Space Invaders, con tanto di disco volante che appare ogni tanto in cima allo schermo.
  • Forest Land: un livello ambientato in una foresta.
  • Central Park: un livello ambientato in un parco cittadino. Il boss è quello già visto nel livello "TV Machine".
  • Sky Palace: un livello ambientato in un castello volante.
  • Treasure Desert: un livello di ambientazione desertica.
  • Pyramid Land: un livello d'ispirazione egizia. Il boss è un drago-robot.
  • Japanesque: un livello ambientato nel Giappone feudale. Il boss è Queen Monsta, ovvero una versione al femminile dei Monsta, dalle dimensioni gigantesche (mentre i nemici comuni sono simili ai pesci viola presenti nel primo Bubble Bobble, e prima ancora in Chack'n Pop).

In ogni livello del gioco sono presenti delle note musicali: esse sono nascoste e ce n'è una per ogni sua zona. Trovando e raccogliendo tre note si ottiene una chiave d'oro (in tutto sono 4), che una volta ottenute serviranno per poter accedere al livello finale (privo di denominazione) ambientato in un palazzo Maya: lo scontro conclusivo è col boss Hyper Drunk, fratello gemello di Super Drunk. Dopo la morte di Hyper Drunk, i quattro draghetti vengono portati in trionfo dai nemici comuni sopravvissuti: si scopre dunque che questi erano stati costretti dai due gemelli Drunk a combattere contro la loro volontà. Nell'immagine conclusiva gli eroi hanno ripreso nuovamente aspetto umano.

Bonus speciali[modifica | modifica wikitesto]

Tra i numerosi bonus speciali disponibili nel gioco, alcuni di essi hanno una particolarità: evocano i personaggi di alcuni precedenti giochi Taito, i quali possono essere controllati con gli stessi comandi del giocatore, aiutandolo a eliminare tutti i nemici dello stage corrente. Da notare come i vari sprites di questi personaggi non siano stati rimodernati graficamente, ma siano quelli originali dei vari giochi in cui sono apparsi. Un altro particolare curioso è che quando essi entrano in scena si odono degli applausi.

Di seguito sono elencati alcuni dei vari bonus speciali:

  • Pergamena verde: evoca Bob, uno dei protagonisti del platform Don Doko Don, il quale schiaccia i nemici col suo martello.
  • Pergamena grigia: evoca la navetta di Space Invaders, che come nel gioco originale può spostarsi solo sull'asse orizzontale. Con i suoi spari trasforma i nemici colpiti in diamanti.
  • Pergamena viola: evoca Ptolemy, la streghetta del platform The Fairyland Story, la quale trasforma i nemici in dolcetti proprio come nel gioco originale.
  • Pergamena rosa: evoca Tiki, il kiwi di The New Zealand Story, che colpisce i nemici con le frecce del suo arco.
  • Pergamena blu: evoca Hipopo da Liquid Kids, le cui "bombe d'acqua" agiscono come le bolle piene d'acqua in questo gioco, trascinando via i nemici con il flusso dell'acqua e tramutandoli in diamanti blu.
  • Bastone della purificazione: evoca Sayo-chan, la piccola sacerdotessa shintoista di KiKi KaiKai (noto anche come Pocky & Rocky in occidente), che scaglia talismani.
  • Scudo rosso: evoca la Silver Hawk, l'astronave protagonista della saga di Darius. Come nei giochi di quella serie, la Silver Hawk spara laser frontalmente e sgancia bombe.
  • Bastone da passeggio: evoca casualmente un personaggio tra due, i quali sono Mr. Mikata (dal picchiaduro a scorrimento PuLiRuLa) e Peppl (invece dal gioco arcade a quiz Yūyu no Quiz de Go! Go!). Entrambi i personaggi trasformano con un solo tocco i nemici in fragole.
  • Cuore: evoca un draghetto gigante femmina che non appartiene a nessun gioco, ma che appare in uno dei finali dello stesso Bubble Bobble II. Essa elimina i nemici calpestandoli.