Brunori Sas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brunori Sas
Dario Brunori frontman della Brunori Sas
Dario Brunori frontman della Brunori Sas
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica d'autore
Pop
Periodo di attività 2003 – in attività
Etichetta Pippola Music, Picicca Dischi
Album pubblicati 3
Studio 3
Sito web
Brunori Sas (logo).jpg

Brunori Sas, pseudonimo di Dario Brunori (Cosenza, 28 settembre 1977), è un cantautore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dario Brunori nasce a Guardia Piemontese, in provincia di Cosenza, il 28 settembre 1977.

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Esordisce discograficamente nel 2003 con il collettivo virtuale italo-svizzero Minuta, con cui firma tre brani in altrettante compilation tematiche. Nel 2005 fonda con Matteo Zanobini e Francesca Storai la dream-pop band Blume, con cui pubblica l'album In tedesco vuol dire fiore, che riceve un grande consenso in ambito indipendente e che viene premiato nel 2006 da una giuria di esperti in occasione del Meeting delle Etichette Indipendenti. Sempre nel 2005 con Matteo Zanobini scrive e interpreta la indie-hit 90210, un divertissement sulla serie tv Beverly Hills 90210 a nome di The Minnesota's e diventa autore di canzoni e musiche per alcune serie d'animazione televisive, collaborando attivamente a tutt'oggi con Andrea Zingoni, per le serie di Gino il Pollo, Arturo e Kiwi e Dixiland.

Vol. 1[modifica | modifica sorgente]

È nel 2009 che Dario Brunori si affaccia all'universo cantautorale italiano, adottando il soprannome Brunori Sas, ironicamente mutuato dalla piccola ditta di famiglia (una rivendita di materiali da costruzione), luogo d'ispirazione per molti dei brani contenuti nel suo album d'esordio, Vol. 1, pubblicato nel giugno del 2009: un vero e proprio canzoniere italiano fatto di brani semplici e diretti, filtrati attraverso sonorità retrò e pieni di quell'immaginario dei ricordi dei trentenni di oggi, ossia i primi anni '90. Il racconto è squisitamente popolare: palloni bucati e ragazzi di provincia, il mare d'inverno e le cotte d'agosto. Il consenso è unanime da parte di pubblica e critica specializzata. Il disco si aggiudica il Premio Ciampi 2009 come "miglior disco d'esordio" e la Targa Tenco 2010 come "miglior esordiente". Accompagnato da Simona Marrazzo (cori e percussioni), Dario Della Rossa (piano e tastiere), Mirko Onofrio (sax e fiati) e Massimo Palermo (batteria), percorre l'intera penisola con un tour di oltre 140 date che lo porta a vincere il premio di KeepOn come "miglior personaggio live della stagione".

Vol. 2 - Poveri Cristi[modifica | modifica sorgente]

Brunori Sas in concerto a Roma nel 2012

A due anni esatti da "Vol. 1" Dario Brunori torna con Vol. 2 - Poveri Cristi[1][2]. In questo lavoro lascia alle spalle la nostalgia e il racconto autobiografico e sposta lo sguardo verso le storie di vita altrui. I quasi due anni di tour regalano al nuovo disco una struttura più articolata, complice l'intervento della band[3] e l'ospitata degli amici Dente e Dimartino. La scrittura è insieme amara e speranzosa, la forma canzone è melodica e all'italiana. Il disco segna l'ingresso in pianta stabile nella band del violoncellista Stefano Amato ed inaugura Picicca Dischi, nuova etichetta discografica che Brunori fonda con Simona Marrazzo e Matteo Zanobini. L'accoglienza rivolta al secondo album è sorprendente. Nel 2012 una sua canzone, Una domenica notte, ispira il lungometraggio di Giuseppe Marco Albano in cui Dario e l'intera band compaiono anche in un cammeo.

È nata una star?[modifica | modifica sorgente]

Nello stesso anno Brunori Sas è autore della colonna sonora di È nata una star?, opera cinematografica di Lucio Pellegrini, con protagonisti Rocco Papaleo e Luciana Littizzetto[4]. La colonna sonora è una raccolta di canzoni inedite e di brani strumentali che vanno a formare a tutti gli effetti un nuovo LP, pubblicato sempre da Picicca Dischi nel 2013. Alla carriera di musicista Brunori affianca in questo periodo quella di produttore artistico. Oltre a quella dei tre album “brunoriani”, è sua anche la produzione artistica dei lavori discografici di Maria Antonietta e Dimartino, primi artisti ad entrare nella scuderia di Picicca Dischi.

Brunori senza baffi[modifica | modifica sorgente]

Alla stregua di Groucho Marx, con cui condivide l’amore per la battuta e il nonsense, baffi e occhiali caratterizzano l’immagine di Dario Brunori sin dagli esordi. Proprio per emanciparsi ironicamente da questo stereotipo nasce nel 2013 il Brunori senza baffi, un tour teatrale in trio, in cui viene riproposto tutto il repertorio dei suoi tre album e alcune cover con un’attitudine più acustica e suggestiva. Il tour è ovunque sold-out e si chiude a settembre 2013, data in cui ufficialmente termina quello che a tutti gli effetti è stato un “never ending tour” di più di tre anni.

Vol. 3[modifica | modifica sorgente]

Nell'ottobre 2013 comincia le registrazioni del terzo album.[5] Il 16 dicembre seguente vengono comunicati la data ed il titolo del terzo album in studio: si tratta di Vol. 3 - Il cammino di Santiago in taxi, che verrà pubblicato il 4 febbraio 2014.[6] L'album è stato registrato in un convento di Belmonte Calabro con il produttore giapponese Taketo Gohara.[7] Il 7 gennaio esce il video del primo singolo Kurt Cobain, dedicato al cantante dei Nirvana e intitolato appunto Kurt Cobain.[8].

Partecipazioni e collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

Calca il palco del Teatro Petruzzelli di Bari per partecipare a Meraviglioso Modugno, evento inaugurale del Medimex, dedicato al compianto cantautore. Caterpillar e Twilight, trasmissioni di Rai Radio 2, utilizzano come contenuti speciali i suoi brani. Suoi featuring sono in brani di Marco Notari, Nicolò Carnesi, i Gatti Mézzi. Nel 2013 partecipa al video di Eugenio Finardi Passerà. Nello stesso anno entra a far parte del progetto musicale Stazioni Lunari, format che porta la direzione artistica di Francesco Magnelli, in cui divide il palco con la padrona di casa, Ginevra Di Marco, e con artisti quali Cristina Donà, Dente, Simone Cristicchi, Nada, il Coro dei Minatori di Santa Flora, Cisco, Max Gazzè e Enzo Avitabile. Sostiene attivamente numerose campagne sociali: suona a favore dell'Unicef, di cui diventa ambasciatore calabrese, per Emergency, al Teatro Valle Occupato, al Teatro Coppola di Catania, nella città di Mormanno dopo le devastazioni del terremoto. Nel 2013 collabora con il rapper cosentino Kiave nel brano Identità. Compare in un cammeo del film di Marco Caputo e Davide Imbrogno L'attesa, e nel lungometraggio di Fabrizio Nucci e Nicola Rovito Goodbye Mr. President.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Solista[modifica | modifica sorgente]

Con i Blume[modifica | modifica sorgente]

Colonne sonore[modifica | modifica sorgente]

Videoclip[modifica | modifica sorgente]

Produzioni artistiche[modifica | modifica sorgente]

Partecipazioni e collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Formazione Live[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Brunori Sas - Recensione - Vol 2: Poveri Cristi, rockit.it, 25-6-2011.
  2. ^ Brunori Sas Vol. 2: Poveri Cristi, ondarock.it, 1-6-2011.
  3. ^ Brunori Sas ovvero l’azienda musicale di successo, rollingstonemagazine.it, 4-8-2011.
  4. ^ Intervista a Brunori Sas: Quando ci accorgeremo che è nata una star?, amolamusica.com, 5-2012.
  5. ^ Brunori Sas, nuovo video
  6. ^ Musica: esce il 4 febbraio il nuovo album di Brunori Sas adnkronos.com
  7. ^ Brunori S.A.S. - Intervista, rockit.it
  8. ^ Kurt Cobain: il nuovo singolo di Brunori Sas, dedicato al cantante dei Nirvana (video), radiomusik.it, 7 gennaio 2014.
  9. ^ Creatività made in Calabria: Rosa il nuovo video di Brunori Sas, tv.wired.it, 25-6-2011.
  10. ^ Le targhe di Mdb 2012, Musica da Bere, 15 aprile 2012. URL consultato il 18-10-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]