Bruno Visentini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bruno Visentini
Bruno Visentini Camera VI Legislatura.jpg

Ministro delle Finanze
Durata mandato 23 novembre 1974 –
12 febbraio 1976
Presidente Aldo Moro
Predecessore Mario Tanassi
Successore Gaetano Stammati

Durata mandato 4 agosto 1983 –
17 aprile 1987
Presidente Bettino Craxi
Predecessore Francesco Forte
Successore Giuseppe Guarino

Ministro del Bilancio
Durata mandato 26 marzo 1979 –
4 agosto 1979
Presidente Giulio Andreotti
Predecessore Ugo La Malfa
Successore Beniamino Andreatta

Dati generali
Partito politico Partito Repubblicano Italiano (fino al 1993)
Sinistra Democratica (1993-1995)
on. Bruno Visentini
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Luogo nascita Treviso
Data nascita 1º agosto 1914
Luogo morte Roma
Data morte 13 febbraio 1995
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato, dirigente d'azienda
Partito Partito Repubblicano Italiano
Legislatura VI, IX
Gruppo Repubblicano
Collegio Venezia
Incarichi parlamentari
  • VI
    • membro della VI commissione finanze e tesoro (25 maggio 1972 - 4 luglio 1976)
    • membro della commissione speciale per l'esame dei disegno di legge di conversione del decreto-legge concernente modifiche e integrazioni in materia di riforma tributaria (6 giugno 1972 - 4 luglio 1976)
    • membro della commissione parlamentare per il parere al governo sulle norme delegate relative alla riforma tributaria (25 luglio 1972 - 23 novembre 1974, 27 febbraio 1976 - 4 luglio 1976)
    • membro della commissione parlamentare per il parere al governo sulle norme delegate in materia di interventi per la salvaguardia di Venezia (1º agosto 1973 - 4 luglio 1976)
    • membro della commissione parlamentare per il parere al governo in materia di mercato mobiliare e di società per azioni (4 luglio 1974 - 23 novembre 1974)
  • IX
    • membro della VI commissione finanza e tesoro (12 luglio 1983 - 1º luglio 1987)
Pagina istituzionale
sen. Bruno Visentini
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Luogo nascita Treviso
Data nascita 1º agosto 1914
Luogo morte Roma
Data morte 13 febbraio 1995
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Legislatura VII, VIII, X, XI, XII (sino al 13 febbraio 1995)
Gruppo Misto
Coalizione Progressisti

Bruno Visentini (Treviso, 1º agosto 1914Roma, 13 febbraio 1995) è stato un politico e imprenditore italiano.

Militò nel Partito d'Azione e poi nel Partito Repubblicano del quale fu uno dei principali esponenti accanto a Ugo La Malfa. Allievo di Ezio Vanoni, fu per due volte ministro delle Finanze, rinnovando la struttura amministrativa del ministero e riformando profondamente il sistema fiscale. A lui si deve la disciplina delle società per azioni, l'obbligatorietà dello scontrino fiscale e la spinta all'introduzione di una normativa antitrust anche in Italia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo la maturità classica, studiò legge presso la facoltà di giurisprudenza di Padova, dove si laureò nel 1935. Sin da quegli anni si dedicò all'antifascismo militante. Agli inizi del 1943 venne arrestato a Roma e accusato di propaganda contro il regime; rimase recluso fino al 26 luglio 1943, l'indomani della caduta del fascismo. Avvocato e professore universitario, ha insegnato diritto commerciale all'università di Urbino.

Tra i fondatori del Partito d'Azione insieme a Ugo La Malfa, Parri e Ragghianti; in occasione della scissione romana di questo passò al Partito Repubblicano. Per il PRI fu deputato dal 1972 al 1976 e dal 1983 al 1987 e senatore dal 1976 al 1979 e dal 1987 al 1994. Di quel partito fu anche presidente dal 1979 al 1992. Nel 1994 fu rieletto al Senato con i Progressisti e ricoprì la carica fino alla morte. Fu inoltre deputato al Parlamento Europeo dal 1979 al 1983 e dal 1989 al 1994.

Il suo primo incarico di governo fu quello di sottosegretario alle Finanze nel primo governo De Gasperi (dicembre 1945-luglio 1946). Successivamente fu ministro delle Finanze nel quarto governo Moro (novembre 1974-gennaio 1976), del Bilancio nel quinto governo Andreotti (marzo-agosto 1979) e nuovamente delle Finanze nel primo e nel secondo governo Craxi (agosto 1983-aprile 1987). Tra il 1950 al 1972 ricoprì la carica di vicepresidente dell'IRI. Fu anche presidente dell'Olivetti S.p.A. quasi ininterrottamente dal 1964 al 1983.[1] Nel 1974 divenne vicepresidente di Confindustria, dimettendosi però pochi mesi dopo. Il 29 novembre 1976 Bruno Visentini fu chiamato nel consiglio della fondazione "Giorgio Cini", e ne fu eletto presidente l'11 marzo 1977, rimanendo in carica sino al 1995.

L'attività nelle commissioni ministeriali e parlamentari[modifica | modifica sorgente]

Fece parte di numerose commissioni ministeriali, in particolare delle commissioni presiedute da Francesco Santoro Passarelli (1959), da Alfredo de Gregorio (1964 e 1967) e da Dino Marchetti (1973), che furono incaricate di redigere un progetto di riforma del diritto societario. La riforma, sia pure circoscritta alle sole società per azioni, fu portata a compimento dalla legge del 7 giugno 1974 n. 216 (conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 8 aprile 1974 n. 95), a cui Visentini diede un apporto significativo in quanto membro autorevole della commissione Finanze e Tesoro della Camera. Dal confronto tra il testo della legge di conversione - che recepiva quasi integralmente le proposte in materia di sociatà per azioni contenute nel progetto Marchetti [2] - e il decreto-legge, appare evidente come il contenuto di quest'ultimo sia stato interamente riscritto nel corso dei lavori parlamentari. Nel 1972 fece parte della commissione ministeriale incaricata di redigere il Testo Unico delle Imposte dirette del 1973. Si devono a Visentini, in particolare, l'introduzione dell'IRPEF e del sostituto d'imposta per i redditi da lavoro dipendente. Nel 1985 promosse inoltre la normativa che obbligava i commercianti al dettaglio all'utilizzo del registratore di cassa con emissione dello scontrino fiscale; ciò rese immediatamente verificabili gli effettivi incassi e ridusse l'evasione, ma il fatto che la ditta leader nella produzione dei registratori di cassa fosse la Olivetti, di cui Visentini era stato presidente, diede origine a polemiche.

Le "leggi Visentini"[modifica | modifica sorgente]

Bruno Visentini fu l'ispiratore di alcune leggi, la "Legge Visentini" del 1975 e la "Visentini-bis" del 1983, che riformarono le norme per la stesura dei bilanci societari. Queste introdussero una disciplina delle riserve che le imprese potevano accumulare. Le riserve erano: "riserva da sovrapprezzo azioni" per gli aumenti di capitale sopra la pari (con prezzo maggiore del valore nominale), "riserva legale" obbligatoria, "riserve statutarie" aggiuntive che l'azienda poteva introdurre fino ad un massimo del 5% del capitale sociale.

Con un duplice strumento di un limite all'entità delle riserve e di trasparenza con l'obbligo di evidenziarle a parte in bilancio, questa riforma contabile ostacolava la creazione di conti per nascondere utili all'erario, o la creazione di fondi neri, di cui agli azionisti non era nota l'esistenza e tanto meno la destinazione. La riforma assumeva un ruolo importante nel settore bancario, dove l'ammontare di queste riserve era particolarmente consistente, così come un uso dei fondi estraneo alla mera attività d'impresa.

La proposta di "governo istituzionale"[modifica | modifica sorgente]

Nel 1980 Visentini, contro la pratica della partitocrazia che si esprimeva negli estenuanti negoziati tra le segreterie dei partiti per arrivare alla composizione del governo, indicò un "ritorno alla Costituzione" nella forma di un "governo istituzionale": secondo Visentini, il governo avrebbe dovuto essere nominato autonomamente dal Presidente della Repubblica e insediato a seguito del voto di fiducia del Parlamento. Il governo istituzionale doveva trasformare la concezione del bene comune della maggioranza parlamentare in provvedimenti legislativi e amministrativi sotto il controllo del Parlamento.

Il ruolo dei partiti doveva limitarsi alla raccolta del consenso popolare e alla sua discussione in Parlamento.[3] Il dibattito sul "governo istituzionale" vide contrari quasi tutti i partiti, compreso lo stesso PRI di Visentini; l'unico appoggio, ma non incondizionato, venne espresso dal PCI di Luigi Longo ed Enrico Berlinguer.[3] Secondo Eugenio Scalfari, la proposta di Visentini ha trovato applicazione nel governo Monti.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Olivetti, storia di un'impresa - Cronologia Olivetti 1908-1977
  2. ^ Giuseppe Ferri: La filosofia della mini riforma delle società per azioni, Rivista di diritto commerciale, vol. 1975 7-8, pag. 209
  3. ^ a b c La Repubblica, 20 novembre 2011

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Ministro delle Finanze Successore Emblem of Italy.svg
Mario Tanassi 23 novembre 1974 - 12 febbraio 1976
governo Moro IV
Gaetano Stammati I
Francesco Forte 4 agosto 1983 - 1º agosto 1986
governo Craxi I
Bruno Visentini II
Bruno Visentini 1º agosto 1986 - 17 aprile 1987
governo Craxi II
Giuseppe Guarino III
Predecessore Ministro del Bilancio Successore Emblem of Italy.svg
Ugo La Malfa 26 marzo 1979 - 4 agosto 1979
governo Andreotti V
Beniamino Andreatta


Controllo di autorità VIAF: 45195996 LCCN: n2001113822