Bruno Padulazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bruno Padulazzi
Football Club Internazionale 1951-1952.jpg
Padulazzi (accosciato, secondo da sinistra) nell'Inter della stagione 1951-1952
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo terzino
Ritirato 1958
Carriera
Giovanili
Arona Arona
Squadre di club1
1947-1948 Arona Arona  ? (?)
1948-1949 Legnano Legnano 32 (0)
1949-1950 Lucchese Lucchese 38 (1)
1950-1955 Inter Inter 95 (1)
1955-1956 Torino Torino 11 (0)
1956-1958 Marzotto Marzotto 49 (1)
Carriera da allenatore
1970-1972 Cossatese Cossatese [1][2]
1978-1981 Borgomanero Borgomanero [3][4][5]
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Bruno Padulazzi (Lesa, 3 settembre 1927Lesa, 27 febbraio 2005) è stato un calciatore italiano.

Aveva il ruolo di terzino di difesa. Spesso ebbe una carriera condizionata da numerosi infortuni che di conseguenza, gli diedero un ritmo di prestazione altalenante, ma quando viene chiamato in causa, riuscì a fornire un valido contributo.

Nella sua carriera vestì le maglie di Arona (1947-1948), Legnano (1948-1949), Lucchese (1949-1950), Inter (1950-1955), Torino (1955-1956, in prestito[6]) e Marzotto (1956-1958). Con l'Inter conquistò due scudetti consecutivi nelle stagioni 1952-53 e 1953-54.

Ha totalizzato complessivamente 144 presenze e 2 reti in Serie A e 81 presenze e 1 rete in Serie B.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Scudetto.svg Campionato italiano: 2

Inter: 1952-1953, 1953-1954

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1971, edizioni Panini, pag. 309
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1973, edizioni Panini pag. 306
  3. ^ Almanacco illustrato del calcio 1980, edizioni Panini pag. 348
  4. ^ Almanacco illustrato del calcio 1979, edizioni Panini pag. 335
  5. ^ Almanacco illustrato del calcio 1981, edizioni Panini, pag. 353
  6. ^ Le liste di trasferimento della Lega Nazionale, Il Corriere dello Sport, 2 settembre 1955, pag.3

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]