Broken Sword 5: La maledizione del serpente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Broken Sword 5: La maledizione del serpente
Brsw5.png
Nico e George in cima ad un palazzo in fiamme!
Titolo originale Broken Sword 5: The serpent's curse
Sviluppo Revolution Software
Pubblicazione Revolution Software
Ideazione Charles Cecil
Serie Broken Sword
Data di pubblicazione Flags of Canada and the United States.svg 4 dicembre 2013
Flag of Europe.svg 4 dicembre 2013
Genere Avventura
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Microsoft Windows, Mac OS X, Linux, PlayStation Vita, Android, iOS
Fascia di età ESRB: T
PEGI: 12+
Periferiche di input Tastiera, mouse
Preceduto da Broken Sword: L'angelo della morte

Broken Sword 5 è una avventura grafica di tipo punta e clicca, basato sul franchise di Broken Sword e sviluppato partendo come progetto sul sito di raccolta fondi Kickstarter e raggiunta la somma richiesta (400.000$) contribuita da 14.032 backers, e abbondantemente superata (raccolti 771.560$), si è dato inizio al progetto.[1] Broken Sword 5 è sviluppato e distribuito interamente da Revolution Software, scritto e diretto da Charles Cecil e disponibile inizialmente per PC Windows e Playstation Vita in download digitale da Steam, su GOG.com e in Get Games. Inoltre la versione del videogioco è disponibile per sistemi iOS, uscita il 6 febbraio 2014, e Android, prevista per la fine dello stesso mese. Il gioco è distribuito con il parlato in tedesco, francese, inglese, italiano, spagnolo i sottotitoli sono disponibili nelle stesse lingue e in russo. Claudio Beccari è il doppiatore di George, Francesca Perilli è la doppiatrice di Nicole. Il 16 aprile 2014 è uscita la seconda parte del videogioco per sistemi Windows, MacOS e Linux, la quale comprende anche la prima parte dell'avventura e il doppiaggio in Italiano, Spagnolo e Tedesco.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Le vicende ruotano intorno ad un misterioso dipinto, La maledicciò, dopo un breve antefatto che spiega l'origine del quadro, la storia riparte dallo stesso che viene esposto in una mostra alla galleria d'arte Le lezard bleu di Parigi. I due protagonisti delle vicende, George Stobbart e Nicole Collard Nico, sono presenti alla mostra quando ad un certo punto irrompe un malvivente armato che ruba il suddetto quadro e commette un omicidio. George in qualità di assicuratore e Nico come giornalista freelance inizieranno delle indagini private per scoprire l'autore del misterioso furto.

Gameplay[modifica | modifica sorgente]

Il videogioco è una classica avventura grafica punta e clicca, si utilizzeranno i personaggi George e Nico a turno o a seconda dei casi. Gli enigmi che si incontreranno via via con il proseguire della storia sono molto svariati, come sabotare un quadro elettrico, ripristinare una insegna al neon o ricostruire una lettera tagliata. L'interazione con gli oggetti e sfondi è semplice con il puntatore si ci dirige su un oggetto e a seconda dei casi si potrà usarlo, raccoglierlo, esaminarlo o uscire dal luogo dove si ci trova. L'inventario si trova in basso a sinistra ed è rappresentato da una borsa. In alto con un menù a scomparsa si potrà accedere alle opzioni ed al salvataggio/caricamento della partita.

Personaggi principali[modifica | modifica sorgente]

  • George, l'eroe della storia lavora in una agenzia di assicurazioni.
  • Nico, amica di George e giornalista freelance, è la co-protagonista dell'avventura.
  • Medovsky, ricco magnate russo e appassionato d'arte. Vuole impadronirsi della Maledicciò ad ogni costo e con ogni mezzo.
  • Eva, figlia di Marquès molto abile con le armi da fuoco, darà una mano a George e Nico.
  • Langham, ispettore dell'Interpol investigherà sul caso. Si rivelerà un tipo molto sospetto.
  • Rastrello, giardiniere tuttofare di casa Medovsky. Verso la fine dell'avventura e per merito di Nico, aiuterà George.

Personaggi secondari[modifica | modifica sorgente]

  • Henri, viene freddato subito dal ladro.
  • Bijou, compagna di Henri, adora gli anni '70 e nasconde qualcosa.
  • Navet, ispettore di polizia dai metodi investigativi futuristici e bizzarri.
  • Moue, sergente di polizia, anche se risulta distratto è molto dedito al dovere.
  • Laine, critico d'arte e testimone dell'omicidio, vecchia conoscenza di George e Nico.
  • Simeon, un sacerdote dominicano che assiste al crimine. Ha una parte rilevante nell'avventura.
  • Wilfy Hobbs, restauratore di opere d'arte e pittore londinese.
  • Marquès, è spagnolo e si dichiara il vero proprietario del dipinto La maledicciò.
  • Adam, vicino di casa di Nico.
  • Annette, segretaria presso la Vera Security, cela un segreto.
  • Bassam, venditore ambulante.
  • Fleur, ha un negozio di Fiori sotto casa di Nico, già presente in altri videogiochi della serie.
  • Duane e Pearl, una coppia di turisti e vecchie conoscenze di George, lo aiuteranno di nuovo.
  • Kat, addetta al funzionamento della teleferica.

Locations[modifica | modifica sorgente]

  • Località imprecisata in Catalogna, qui si svolge l'antefatto della storia, poi vi si recheranno Nico e George.
  • Parigi, Francia, dove si svolge quasi tutta la prima parte del videogioco.
  • Londra, Inghilterra, dove George e Nico si recheranno per cercare indizi.
  • Montserrat, località della Catalogna rappresentata fedelmente.
  • Iraq, località imprecisata.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Viene citato l'uroboro, è un simbolo antico che rappresenta un serpente che si morde la coda, da qui il titolo del videogioco.
  • Ad un certo punto si potrà notare un quadro dove è rappresentato Gheddafi e George farà domande su di esso.
  • Rue d'Orsel la via dove sono situati la galleria d'arte Le lezard bleu e il bar Le Tricolore esiste veramente a Parigi ed è vicino alla basilica del Sacro Cuore come viene esposta nel videogioco.
  • I fatti citati nel videogioco riguardanti Montségur, sono realmente accaduti.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Progetto su Kickstarter, 23 agosto 2012..

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi