Britannico (Racine)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Britannico
Tragedia in cinque atti
Statua ritraente Britannico
Statua ritraente Britannico
Autore Jean Racine
Titolo originale Britannicus
Lingua originale Francese
Genere Tragedia storico-politica
Ambientazione Roma
Composto nel 1669
Prima assoluta 13 dicembre 1669
Personaggi
  • Britannico
  • Agrippina
  • Nerone
  • Giunia
  • Narciso
  • Burro
 

Il Britannico è una tragedia in cinque atti di Jean Racine.

Dopo una serie di scontri con Corneille, il 13 dicembre 1669 Racine decide di fare rappresentare una tragedia romana e politica ispirata a Tacito, il Britannicus.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Agrippina, imperatrice, riesce a far nominare imperatore non Britannico, figlio legittimo di Claudio, ma il fratellastro di questo, Nerone, figlio di Agrippina stessa. Nerone, anziché essere grato alla madre la tiene in disparte, facendo rapire Giunia, segretamente innamorata di Britannico, per la quale ha un'infatuazione nonostante il matrimonio lo leghi ad Ottavia, discendente di Augusto e sorella di Britannico.

Giunia è quindi costretta a ripudiare Britannico nonostante ne sia sinceramente ricambiata, poiché Nerone esige la fine del rapporto con lui: così facendo Giunia lo salverà dalla morte che l'imperatore ha in serbo per lui. Con Nerone nascosto, la donna mostra freddezza verso Britannico. Mentre gli intrighi diventano sempre più complicati e si moltiplicano man mano, i due giovani però si incontrano e si confermano il loro amore.

Nerone se ne accorge e li fa arrestare insieme ad Agrippina.

Nerone finge poi di riconciliarsi col suo rivale. Il suo istitutore Burro cerca di farlo desistere dal suo progetto, ovvero quello del delitto, e così in un primo momento Nerone ha un'esitazione ma poi si decide al fratricidio, organizzando un banchetto avvelenato. Agrippina prima si rallegra della riconciliazione ma poi viene a sapere di Britannico morto avvelenato. Giunia a questo punto fugge rifugiandosi tra le vestali mentre Narciso, perfido consigliere, viene ucciso dalla folla. Nerone si abbandona allo sconforto e alla disperazione.

teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro