Bristol Phoenix

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bristol Phoenix
Descrizione
Costruttore Regno Unito Bristol
Tipo motore radiale
Numero di cilindri 9
Raffreddamento ad aria
Alimentazione iniezione meccanica
Distribuzione OHV 4 valvole per cilindro
Dimensioni
Cilindrata 28,7 L (1 753 in³)
Alesaggio 146 mm (5,75 in)
Corsa 191 mm (7,5 in)
Rap. di compressione 14:1
Peso
A vuoto 484 kg (1 067 lb)
Prestazioni
Potenza 380 hp (283 kW) a 2 000 rpm al livello del mare
Potenza specifica 0,22 hp/in³ (9,9 kW/L)
Rapporto potenza-peso 0,36 hp/lb (0,6 kW/kg)
Combustibile gasolio
Note
dati relativi alla versione Phoenix I estratti da British Piston Engines and their Aircraft[1]
voci di motori presenti su Wikipedia

Il Bristol Phoenix era un motore radiale 9 cilindri raffreddato ad aria a ciclo Diesel sviluppato dall'azienda britannica Bristol Engine Company nei tardi anni venti e rimasto allo stadio di prototipo.

Sviluppo del radiale Pegasus a ciclo Otto del quale manteneva l'architettura venne realizzato in un numero limitato di esemplari.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dopo il termine della prima guerra mondiale, negli anni che seguirono l'aviazione ebbe un notevole sviluppo essendosi creati i presupposti per aziende commerciali di trasporto che vedevano nel mezzo aereo una nuova fonte di reddito. Uno dei problemi che in quegli anni le compagnie aeree dovevano affrontare era la necessità di aprire nuove rotte a medio raggio al minor costo possibile, opportunità offerta da velivoli che potessero offrire una capacità sempre maggiore contenendo nel contempo i consumi di carburante, sia per aumentare l'autonomia che per diminuire gli scali tecnici e, di conseguenza, i costi d'esercizio.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

A tal fine la Bristol Engine Company, divisione motoristica della Bristol Aeroplane Company, decise di avviare una sperimentazione nell'utilizzo di un combustibile alternativo ancora poco utilizzato, il gasolio, adattando un radiale Pegasus alla tecnologia del ciclo Diesel. Il vantaggio principale che si cercava di ottenere era legato al minore consumo di carburante, che poteva raggiungere il 35%.

Ne furono costruiti pochissimi esemplari tra gli anni 1928 e il 1932. Il Phoenix venne montato solo sul Westland Wapiti, velivolo con il quale nel 1934 conquistò il record di altezza per motori diesel che mantenne fino alla seconda guerra mondiale.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

Phoenix I
versione a ciclo Diesel del Pegasus IF, 380 hp.
Phoenix IIM
versione a ciclo Diesel e sovralimentata del Pegasus IM, 470 hp.

Velivoli utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Regno Unito Regno Unito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lumsden 2003, British Piston Engines and their Aircraft, p.114.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Bill Gunston, World Encyclopedia of Aero Engines, Cambridge, England, Patrick Stephens Ltd, 1989, ISBN 1-85260-163-9.
  • (EN) Alec Lumsden, British Piston Engines and their Aircraft, Marlborough, Wiltshire, Airlife Publishing, 2003, ISBN 1-85310-294-6.
  • (EN) The Bristol "Phoenix" Diesel in Flight, 24 maggio 1934, p. 504. URL consultato il 3 marzo 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]