Bristol Hercules

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bristol Hercules
Bristol.hercules.arp.750pix.jpg
Un Bristol Hercules esposto al Bristol Industrial Museum, Bristol, Inghilterra.
Descrizione
Costruttore Bristol Aeroplane Company
Tipo motore radiale a doppia stella
Numero di cilindri 14
Raffreddamento ad aria
Alimentazione carburatori Claudel-Hobson
Distribuzione valvole a fodero
Dimensioni
Cilindrata 38.7 L
Alesaggio 146 mm
Corsa 165 mm
Rap. di compressione 7:1
Peso
A vuoto 764 kg (1 680 lb)
Prestazioni
Potenza fino a 1 650 hp (1 230 kW) a 2 800 giri/min
voci di motori presenti su Wikipedia

Il Bristol Hercules era un motore radiale prodotto dalla Bristol Aeroplane Company a partire dal 1939. Il motore disponeva di 14 cilindri sistemati su una doppia stella.

Venne utilizzato su molti velivoli nel periodo centrale della seconda guerra mondiale. Fu il primo motore ad entrare in servizio con il sistema delle valvole a fodero. Il primo Hercules fu disponibile nel 1939. La prima versione, Hercules I, forniva 1 280 hp (960 kW) che subito arrivarono ai 1 375 hp (1 025 kW) dell'Hercules II.

La versione principale di questo motore sarà la IV che erogava 1 650 hp (1 230 kW). Nelle ultime versioni, la XVII, la potenza di questo motore raggiunse i 1 735 hp (1 294 kW). Il Bristol Hercules venne utilizzato su molti velivoli. Tra questi il caccia pesante Bristol Beaufighter, sui quadrimotori da bombardamento Short Stirling e Avro 683 Lancaster (solo sulla versione Mk. II), sulle ultime versioni dell'Handley Page Halifax e sul bimotore da bombardamento Vickers Wellington. In campo civile il motore verrà installato sull'Avro York, sul Bristol Freighter, sull'idrovolante Short Solent e sui velivoli prodotti dalla Handley Page, l'Hermes e Hastings.

L'Hercules era molto affidabile e fu amato da piloti e meccanici. Verrà anche prodotto sul licenza in Francia dalla Snecma che lo utilizzerà sul velivolo Nord Noratlas.

Velivoli utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Francia Francia
Regno Unito Regno Unito

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Bill Gunston. (1995), Classic World War II Aircraft Cutaways. Osprey. ISBN 1-85532-526-8
  • (EN) Leonard Bridgman, ed. Jane’s All The World’s Aircraft 1945-1946. Londra: Samson Low, Marston & Company, Ltd 1946.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]