Bringin' On the Heartbreak

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bringin' On the Heartbreak
Artista Def Leppard
Tipo album Singolo
Pubblicazione 13 novembre 1981
1984 (Remix)
Durata 4 min : 34 s
Album di provenienza High 'n' Dry
Dischi 1
Tracce 3
Genere Heavy metal
Hard rock
Album-oriented rock
Power ballad
Etichetta Mercury Records
Produttore Robert John "Mutt" Lange
Registrazione 1981
Formati Vinile
Def Leppard - cronologia
Singolo precedente
(1981)
Singolo successivo
(1983)
Def Leppard - cronologia
Singolo precedente
(1983)
Singolo successivo
(1987)

Bringin' On the Heartbreak è una canzone del gruppo hard & heavy britannico Def Leppard. È il secondo singolo estratto dal loro album High 'n' Dry del 1981.

Si tratta con molto probabilità della prima power ballad di genere metal mai realizzata.[1]

Nel 2014 è stata indicata come la seconda più grande power ballad di tutti i tempi da Yahoo! Music.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente, il titolo previsto dai Def Leppard per Bringin' On the Heartbreak era quello provvisorio di "A Certain Heartache". Il produttore Mutt Lange ha confermato di come la band aveva inizialmente avuto l'idea di produrre "qualcosa alla Stairway to Heaven", cosa a cui teneva in particolar modo Steve Clark. Pare che Pete Willis fosse imbarazzato all'idea di produrre il brano, in quanto si trattava di una ballata. Cliff Burnstein, manager del gruppo, era convinto che la canzone avesse potuto avere potenziale per essere un singolo di successo solo se registrata da un'artista come Bonnie Tyler.

L'album High 'n' Dry venne pubblicato negli Stati Uniti nel luglio del 1981. Bringin 'On the Heartbreak venne distribuita commercialmente il 13 novembre dello stesso anno negli Stati Uniti, con Me & My Wine (una traccia non presente nell'album) e You Got Me Runnin' come lati b. Non riuscì a posizionarsi in classifica, ma il suo video musicale iniziò a essere regolarmente trasmesso dalla neonata emittente musicale MTV[3]. La popolarità del video e la conseguente esposizione televisiva della band, portò l'album a ottenere buone vendite negli Stati Uniti, dove riuscì a raggiungere la cifra di 2 milioni di copie vendute e due dischi di platino[4].

High 'n' Dry venne poi ristampato nel maggio del 1984 con l'aggiunta di due tracce bonus, una delle quali un remix proprio di Bringin' On the Heartbreak, con l'aggiunta di qualche sintetizzatore. Pubblicato dal gruppo con il nuovo chitarrista Phil Collen, la versione remix venne accompagnata da un nuovo video appena girato, e raggiunse la posizione numero 61 della Billboard Hot 100 negli Stati Uniti[5]. La versione originale del brano è stata poi inclusa in tre raccolte del gruppo: Vault (1995), Best of (2004) e Rock of Ages (2005). La versione presente in quest'ultima raccolta si conclude con l'introduzione della traccia strumentale Switch 625, come in High 'n' Dry. Steve Huey di Allmusic ha definito la canzone come una "ballata rock senza vergogna drammatica[6].

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il primo videoclip di Bringin' On the Heartbreak è stato girato da Doug Smith presso il Royal Court Theatre di Liverpool, il 22 luglio 1981, insieme ai i video di Let It Go e High 'n' Dry (Saturday Night)[7]. Il secondo è stato diretto da David Mallet e realizzato nel febbraio del 1984 presso la Jacob's Biscuit Factory nel lago di Dublino, Irlanda[8].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Bringin' on the Heartbreak
  2. Me & My Wine
  3. You Got Me Runnin'

Posizioni in classifica[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1984) Posizione
Stati Uniti (Billboard Hot 100) 1 61

1 Remix.

Cover di Mariah Carey[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002, Bringin' On the Heartbreak è stata coverizzata dalla nota cantante Mariah Carey all'interno del suo album Charmbracelet. La cover ottenne buon successo, venendo anche lodata dal cantante dal cantante Joe Elliott[9].

La Carey cita la canzone originale dei Def Leppard come una delle preferite della sua adolescenza, e ha affermato che l'dea di realizzarne una cover le venne la prima volta mentre realizzava il servizio fotografico di Charmbracelet, e nel frattempo ascoltava la raccolta Vault del gruppo.

« Appena messa su la musica e iniziata ad ascoltarla, mi son detta: "sai una cosa? avrei potuta farla a modo mio!" »
(Mariah Carey[10])

È una delle poche canzoni della Carey con influenze rock, e vede la partecipazione del chitarrista Dave Navarro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Death by Power Ballad: Def Leppard, "Bringin' on the Heartbreak" | Popdose
  2. ^ (EN) The Top 25 Power Ballads of All Time, Yahoo!, 19 novembre 2014. URL consultato il 4 dicembre 2014.
  3. ^ Daniel Bukszpan, Ronnie James Dio (2003) The Encyclopedia of Heavy Metal
  4. ^ RIAA Certifications, Recording Industry Association of America. URL consultato il 24 giugno 2008.
  5. ^ Artist Chart History - Def Leppard (Singles), Billboard. URL consultato il 19 febbraio 2008.
  6. ^ High 'N' Dry review, allmusic. URL consultato il 15 settembre 2007.
  7. ^ Def Video 1 - High 'N' Dirty 1981 Era, Def Leppard UK.com. URL consultato il 15 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2007).
  8. ^ Def Video 2 - Pyromania 1983/High 'N' Dirty 1984 Era, Def Leppard UK.com. URL consultato il 15 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2007).
  9. ^ Patterson, Spencer. "Leppard's spots". Las Vegas Sun. December 6, 2002 (weekend edition: December 8, 2002). Retrieved January 26, 2006.
  10. ^ LAUNCH Radio Networks. "Mariah Carey Says She Loves Def Leppard Cover". LAUNCHcast. June 30, 2003. Retrieved January 26, 2006.