Brigata "Catanzaro"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brigata "Catanzaro"
Cartolina brigata catanzaro.JPG
Una cartolina d'epoca dedicata alla Brigata
Descrizione generale
Attiva 1º Marzo 1915 - giugno 1920
Nazione Regno d'Italia
Servizio Regio Esercito italiano
Tipo Brigata
Ruolo Fanteria
Dimensione 6.000 uomini circa

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Brigata "Catanzaro" fu una Grande Unità di fanteria del Regio Esercito italiano attiva nel corso della prima guerra mondiale e con il nome di 64ª Divisione fanteria "Catanzaro" un'unità motorizzata operante durante la seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Venne costituita il 1º marzo 1915 a Catanzaro Lido in due reggimenti, il 141º e il 142º. I soldati (circa 6.000) che ne facevano parte erano in maggioranza calabresi.

All'atto della mobilitazione del 24 maggio 1915 fu dapprima inquadrata nelle truppe a disposizione del Comando Supremo poi, dopo pochi giorni, fu inviata in Friuli dove fu inquadrata nella 3ª Armata.

La «Catanzaro» fu una delle più sfruttate unità dell'Esercito. Logorata dai lunghissimi turni in trincea di prima linea nei settori più contesi, essa venne impiegata come brigata d’assalto sul Carso dal luglio 1915 al settembre 1917. In prima linea a Castelnuovo, ed a Bosco Cappuccio, nel 1916 combatté a Oslavia, e durante la Strafexpedition sul monte Mosciagh e sul monte Cengio. Tornò poi sul monte San Michele, a Nad Logen, a Nova Vas, sul Nad Bregom e a Hudi Log. Prima di Caporetto fu a Lucatic, sul monte Hermada ed infine a San Giovanni di Duino.

Nel 1918 dopo Caporetto combatté sul Pria Forà, in Val d'Astico ed in Val Posina. Nel giugno del 1920 fu sciolta. La bandiera del 141º fanteria fu decorata con la Medaglia d'Oro al Valore Militare e quella del 142º ebbe la Medaglia d'Argento. Considerata dal comando italiano tra le Brigate più valorose e tenaci (giudizio condiviso dagli austriaci).

«Su monte Mosciagh la baionetta ricuperò il cannone»[modifica | modifica wikitesto]

Questa voce è parte della serie
Motto catanzaro.jpg
Storia di Catanzaro
Storia della Calabria

Copertina de La Domenica del Corriere dedicata alla Brigata Catanzaro

Numerose furono le località che videro in azione i reggimenti della Brigata Catanzaro, ma, sicuramente, vanno ricordati i fatti che si svolsero sul monte Mosciagh. Questo monte fu scenario di aspre lotte.

I fanti recuperarono alcuni pezzi d'artiglieria da una posizione ancora tenuta dagli Austriaci sulla vetta della montagna e dopo circa due ore di attacchi alla baionetta, riuscirono a cacciare definitivamente il nemico dalle posizioni iniziali conquistandone in definitiva anche l'armamento. L'episodio meritò la seguente citazione sul bollettino di guerra del 29 maggio 1916 n.369 a firma del generale Luigi Cadorna: «Sull'altopiano di Asiago, le nostre truppe occupano attualmente, affermandovisi, le postazioni a dominio della conca di Asiago. Un brillante contrattacco delle valorose fanterie del 141º reggimento (Brigata Catanzaro) liberò due batterie rimaste circondate sul M. Mosciagh, portandone completamente in salvo i pezzi».

La cosa fu ripresa dalla stampa nazionale dell'epoca tanto da meritare la prima pagina su La Domenica del Corriere, che con una bella illustrazione di Achille Beltrame fece conoscere all'Italia intera come «Un brillante contrattacco dei valorosi calabresi del 141º fanteria libera due batterie rimaste circondate sul monte Mosciagh».

Da questo glorioso fatto d'armi il 141º trasse quello che da allora fu il suo motto: «Su Monte Mosciagh la baionetta ricuperò il cannone». Il Re, con decreto del 28 dicembre 1916, concesse motu proprio alla bandiera del glorioso 141º Reggimento la Medaglia d'Oro al Valore Militare con questa motivazione: «Per l'altissimo valore spiegato nei molti combattimenti intorno al San Michele, ad Oslavia, sull'Altopiano di Asiago, al Nad Logem, per l'audacia mai smentita, per l'impeto aggressivo senza pari, sempre e ovunque fu di esempio ai valorosi (luglio 1915 – agosto 1916)».

Anche la bandiera del 142º ebbe la sua meritata decorazione con la concessione della Medaglia d'Argento al Valor Militare.

La decimazione della Brigata "Catanzaro"[modifica | modifica wikitesto]

Motto della Brigata Catanzaro

Diversi mesi dopo i soldati dei due reggimenti della "Catanzaro" furono protagonisti della più grave rivolta nell'esercito italiano durante il conflitto. Questo episodio si svolse a Santa Maria la Longa dove la brigata era stata acquartierata a partire dal 25 giugno 1917 per un periodo di riposo. La notizia di un nuovo reimpiego nelle trincee della prima linea fece pian piano montare quella che in poche ore sarebbe diventata una vera e propria rivolta.

I fanti della Catanzaro protestarono e la protesta passò in rivolta. Alle ore 22.00 del 15 luglio 1917 iniziò il fuoco che durò tutta la notte. I caporioni di ogni reggimento assaltarono i militari dell'altro inducendo gli stessi ad ammutinarsi e ad unirsi a loro. Molti caddero morti sotto il fuoco dei rivoltosi, altri ne rimasero feriti. La rivolta durò tutta la notte. Per sedare la rivolta vennero impiegati una compagnia di Carabinieri, quattro mitragliatrici e due autocannoni con il preciso ordine di intervenire in modo fulmineo e con estremo rigore. La lotta durò tutta la notte e cessò all'alba.

Sedata la ribellione, il comandante della Brigata ordinò la fucilazione di quattro fanti, colti con le canne dei fucili ancora calde, e la decimazione della compagnia. All'alba del 16 luglio dodici fanti più i quattro colti in flagranza, alla presenza di due compagnie, una per ciascun reggimento, vennero fucilati a ridosso del muro di cinta del cimitero di Santa Maria La Longa e posti in una fossa comune.

I soldati della Brigata Catanzaro, dopo questi gravi fatti, continuarono a battersi con disciplina per tutta la durata della guerra, tanto da ottenere una seconda citazione sul bollettino di guerra del 25 agosto 1917, nel quale si riportava che: «Sul Carso la lotta perdura intorno alle posizioni da noi conquistate, che il nemico tenta invano di ritoglierci. Negl'incessanti combattimenti si distinsero per arditezza e tenacia le Brigate Salerno (89° - 90°), Catanzaro (141° -142°) e Murge (259° e 260°)».

La 64ª Divisione Catanzaro nella Seconda Guerra Mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Parata su Corso Mazzini ad inizio Novecento

La Divisione Catanzaro fu inviata in Libia nell'ottobre 1939. Venne riorganizzata nel maggio del 1940 inquadrando al suo interno il 203º Reggimento Artiglieria ed altri reparti logistici provenienti dalla disciolta 3ª Divisione CC.NN. "XXI Aprile". Venne quindi posta a disposizione del XXII Corpo d'Armata (generale Pitassi Mannella) della 10ª Armata e prese parte all'avanzata italiana in Egitto del settembre 1940 seppure nella riserva. L'unità al momento dell'impiego era ancora semimotorizzata, con solamente 39 camion funzionanti sui 105 disponibili.

Il 13 settembre, iniziata l'offensiva contro le posizioni inglesi dell'Egitto, la divisione venne impiegata lungo la via Balbia, tra Gambut e Sidi Bu Amud ,a protezione delle retrovie da attacchi provenienti dal deserto. Nei giorni successivi, sempre in posizione di retroguardia, si spostò a Sidi el Barrani, in territorio egiziano, a difesa della viabilità delle rotabili costiere. Con l'inizio dell'Operazione Compass e l'ampio movimento della Western Desert Force del maggior generale Richard O'Connor, la Catanzaro venne investita già dal 9 dicembre nel settore delle saline di Bug Bug, zona Alam Salamus. Il caposaldo di Alam ci Rimth, sottoposto a martellante bombardamento e violentemente investito da forze corazzate, riuscì a resistere e a respingere gli attaccanti. Ma la situazione divenne particolarmente delicata, per cui il giorno 10 si unì ai reparti che difendevano Bug Bug per contenere ulteriori pressioni nemiche in attacco lungo la rotabile costiera.

L'11 dicembre nuclei meccanizzati della 7ª Brigata Corazzata britannica, infiltratisi tra i capisaldi della divisione, vennero arrestati e messi fuori uso dal buon lavoro dell'artiglieria divisionale. Poche ore dopo una nuova violenta azione di un altro squadrone corazzato britannico portò alla resa di centinaia di uomini e costrinse le rimanenti unità divisionali a ripiegare verso Bir Tishdida. Su questa posizione si accentuarono gli attacchi nemici, che culminarono, nei giorni 13 e 14, in una violenta pressione, ancora una volta esercitata da numerosi mezzi corazzati. La lotta, imperniata da parte della divisione solo sull'impiego dell'artiglieria, costrinse ad un ulteriore ripiegamento verso Sollum prima e, il 15, all'interno della cinta fortificata di Bardia. I rimanenti reparti della divisione, fortemente decimati dalla lotta aspra e intensa durata oltre venti giorni, vennero riordinati e continuarono ad operare per la difesa del forte di Bardia fino al 5 gennaio, dopo di che la divisione venne considerata sciolta per eventi bellici e i resti di essa vennero ripartiti fra le altre grandi unità.

A causa del controverso comportamento dell'unità e dei suoi ufficiali, se si eccettua l'artiglieria, lo Stato Maggiore non intese riformare questa unità negli anni successivi di conflitto.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

  • Colori mostrine: rosso e nero
  • Motto: «Portiamo i colori del sangue e della morte: ovunque vincitori.»

Ricompense al Valore Militare[modifica | modifica wikitesto]

Alla Brigata

  • 141º Reggimento: 1 Medaglia d'Oro - 1 Cav. Ord. Mil. Savoia
  • 142º Reggimento: 1 Medaglia d'Argento - 1 Cav. Ord. Mil. Savoia

Individuali

  • 3 Medaglie d'Oro
  • 152 Medaglie d'Argento
  • 204 Medaglie di Bronzo
  • 2 Ordine Militare di Savoia

Perdite complessive della Brigata[modifica | modifica wikitesto]

  • 2.468 morti
  • 12.867 feriti
  • 2.203 dispersi

Movimenti della Brigata tra il 1915 e il 1918[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal 24/05/15 al 21/07/15 Da Catanzaro a Udine poi Zugliano - Terenzano - Borgnano - Ruda - S. Nicolò di Rud - Turriaco
  • Dal 22/07/15 al 26/08/15 in linea Sdraussina - Castelnuovo del Carso - Azione su Bosco Cappuccio - Sella San Martino del Carso
  • Dal 27/08/15 al 17/09/15 riposo Mariano
  • Dal 18/09/15 al 04/11/15 in linea Sella San Martino del Carso - Pendice del San Michele
  • Dal 05/11/15 al 31/12/15 riposo Nogaredo - Sevegliano - Risano - Ontagnano - Felettis - Chiopris - Medeuzza ­ Lavariano ­ Carpeneto - Cuccana - S. Maria La Longa
  • Dal 01/01/16 al 18/01/16 riposo Lavariano - Felettis - Cuccana - Medeana
  • Dal 19/01/16 all'11/02/16 in linea Q.112 - attacco alla q.133
  • Dal 12/02/16 al 01/03/16 riposo Settore di S. Maria La Longa
  • Dal 02/03/16 al 13/05/16 in linea Azione dimostrativa sulla destra del fiume Isonzo - trinceramenti di Mochetta
  • Dal 14/05/16 al 23/05/16 riposo Palmanova - Vicenza - Marostica - Osteria di Granezza - Pria dell'Acqua - Villa del Brun
  • Dal 24/05/16 al 08/06/16 in linea Presidio della linea km 40 Val Canaglia - malga del Gallo - M. Pau - M.Busibollo - Pozzo Favaro - Canusino - Calvene
  • Dal 24/05/16 al 08/06/16 in linea M. Interrotto - M. Catz - alture N.E. del Gallio - Mosciagh ­ Ripiegamento su Gallio, Bertigo Turcio, M. Mochetta, Mezzavia - M.Sprunck - M. Cengio
  • Dal 24/05/16 al 08/06/16 in inea M. Belmonte - attacco su Cesuna Casera - M. Magnaboschi - Lemerle ­ ripiegamento su M. Pau ­ strada di Campiello e M. Panoccio
  • Dal 09/06/16 al 04/07/16 riposo Trasferimento Breganze Trevignano ­ Fontaniva ­ Palmanova - Chiopris - Versa
  • Dal 05/07/16 al 14/08/16 in linea Groviglio - settore di Peteano, Rocce Rosse - azione sul San Michele costone Viola alto cima 1 e cima 2 - sella di M. S. Michele tra cima 2 e 3
  • Dal 05/07/16 al 14/08/16 in linea Occupazione di Cotici q.242 e 193 -Brestovic - attacco del Nad Logem - attacco del Pecinca
  • Dal 15/08/16 al 15/09/16 riposo Villesse -pressi di Salicetto - Polazzo
  • Dal 16/09/16 al 20/09/16 in linea Bonetti - attacco alla quota 208 sud Nova Vas
  • Dal 21/09/16 al 24/09/16 riposo Polazzo
  • Dal 25/09/16 al 07/11/16 in linea Q.208 nord di Nova Vas -Bonetti, Ferleti - occupazione del Nad Bregom e della q. 206 ­ occupazione della q. 238
  • Dal 08/11/16 al 01/12/16 riposo Campolongo - Perteole
  • Dal 02/12/16 al 26/12/16 in linea Settore di Lukatic
  • Dal 27/12/16 al 31/12/16 riposo Sevigliano - Perteole - S. Petro -Turriaco
  • Dal 01/01/17 al 08/01/17 riposo Sevigliano - Perteole - S. Petro - Turriaco
  • Dal 09/01/17 al 22/01/17 riposo S. Elia - S. Pietro - Polazzo
  • Dal 23/01/17 al 07/02/17 in linea Hudi Log
  • Dal 08/02/17 al 19/03/17 riposo Polazzo - S. Elia -Vallone
  • Dal 20/03/17 al 09/04/17 in linea Hudi Log
  • Dal 10/04/17 al 01/05/17 riposo S. Elia - Polazzo - Ruda - Perteole
  • Dal 02/05/17 al 24/05/17 in linea Hudi Log - occupazione di quota 247 e di q. 224
  • Dal 25/05/17 al 06/06/17 riposo S.Elia - Ruda - Perteole - trasferimento a Gonars - Moresco di Strada - Vallone di Ferleti
  • Dal 07/06/17 al 24/06/17 in linea Settore di Jamiano
  • Dal 25/06/17 al 15/08/17 riposo S. Canziano
  • Dal 16/08/17 al 07/09/17 in linea Passaggio del Locavac - attacco a q.40 q.175 sud q.145 Nord di S. Giovanni - viadotto di q.36 - fortino di Flondar
  • Dal 08/09/17 al 15/10/17 riposo Bertiolo - Lonca - Trasferimento: zona di Schio (valle dei Mercanti) Torre Belvicino ­ trasferimento in Vallarsa - Val Leogra -zona di Arsiero
  • Dal 16/10/17 al 31/12/17 in linea Settore di Posina fiume Astico
  • Dal 01/01/18 al 26/03/18 in linea Settore di Posina e fiume Astico
  • Dal 27/03/18 al 14/05/18 riposo Casale Maglio -Campo Jolanda - Montagnola
  • Dal 15/05/18 al 30/08/18 in linea Settore Astico -Schiri - sett. Rio Freddo - S.Rocco Casale - C. Peon - Montagnola ­ Schiri - Seghe - Pria Forà - Novegno - R. Bagattini - M.Aralta - Perlona - P.Campiello
  • Dal 31/08/18 al 04/11/18 riposo C. da Maggiore - trasferimento Morano Vicentino Thiene Mason Vicentino -pressi di Cittadella - Zona Barcon Fossalunga - trasf. Ovest di Treviso

Fonte: Stato Maggiore Centrale, Ufficio Storico, Riassunti storici dei corpi e comandi nella guerra 1915–1918: brigate di fanteria, 8 volumi, Roma, Libreria dello Stato, 1924-1929.

Ordine di Battaglia[modifica | modifica wikitesto]

  • 141º Reggimento Fanteria Catanzaro
  • 142º Reggimento Fanteria Catanzaro
  • 203º Reggimento Artiglieria
  • 64º Battaglione Mitragliatrici
  • 64º Battaglione Genio
  • 64ª Compagnia Anticarro

(Il Reggimento Artiglieria era per lo più composto da Camicie Nere)

Comandanti (1940-1941)

  • Gen. B. Nicola Spinelli
  • Gen. B. Giuseppe Stefanelli
  • Gen. B. Lorenzo Mugnai
  • Gen. B. Giuseppe Amico

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adolfo Zamboni, Fasti della Brigata Catanzaro – Il 141º Reggimento Fanteria nella Grande Guerra, Guido Mauro Ed., Catanzaro, 1933.
  • Marco Pluviano-Irene Guerrini, Le fucilazioni sommarie nella prima guerra mondiale, Paolo Gaspari Ed., Udine, 2004
  • La Domenica del Corriere (supplemento illustrato del Corriere della Sera), Anno XVIII n.24 (11-18 giugno 1916).
  • Adolfo Zamboni, Pellegrinaggio al Carso, Guido Mauro Editore, Catanzaro, 1934
  • colonnello Basilio di Martino, La guerra della fanteria 1915 – 1918: Carso – Oslavia – Altopiano di Asiago – Val d’Astico, Gino Rossato Editore, Valdagno, 2002
  • Mario Saccà, 4 novembre: In ricordo della Brigata Catanzaro in: "La Gazzetta del sud", 6 novembre 2003
  • Giovanni Quaranta, Un Reggimento di calabresi alla Grande Guerra - La Brigata Catanzaro in: "Calabria Sconosciuta", Anno XXVIII n. 106 aprile-Giugno 2005
  • G. Saitto, Un fante in rosso e nero. Omaggio al soldato Placido Malerba, del 142° RGT. FTR. "Brigata Catanzaro", Edizioni del Poggio, 2006, pp. 125
  • M.Pluviano - I.Guerrini, Fucilate i fanti della Catanzaro. La fine della leggenda sulle decimazioni della Grande Guerra, Gaspari editore, 2007
  • Vincenzo Santoro, La Decimazione. Amore e morte sullo sfondo della Grande Guerra (Romanzo storico), Città del Sole Edizioni, 2008
  • G. Costantini - E. Stamboulis, Officina del macello. 1917:la decimazione della Brigata Catanzaro (Fumetto storico), Edizioni del vento, 2009

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]