Brenno il nemico di Roma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brenno il nemico di Roma
Paese di produzione Italia
Anno 1963
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35 : 1
Genere epico, storico, azione
Regia Giacomo Gentilomo
Sceneggiatura Adriano Bolzoni, Arpad DeRiso
Casa di produzione Alta Vista
Interpreti e personaggi

Brenno il nemico di Roma è un film del 1963 diretto da Giacomo Gentilomo. Appartiene al genere storico romanzato e il cast comprende, tra gli altri, Massimo Serato, Tony Kendall, Gordon Mitchell e Nerio Bernardi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Roma, primi anni del IV secolo a.C. Il re gallico Brenno muove dal nord Europa verso la città eterna. Nell'Urbe le alte sfere politico-militari si perdono in tresche con le nobildonne locali e il barbaro ha vita facile. I Romani riconoscono la sconfitta e gli promettono una sacerdotessa. Il fidanzato, Quinto Fabio, saputa la cosa, la rapisce suscitando la reazione di Brenno, che affronta e sconfigge i Romani. Ma Quinto Fabio lo affronta e lo uccide[senza fonte]. La trama del film non corrisponde alla reale vicenda del sacco di Roma del 390 a.C., quando i Galli Senoni guidati da Brenno saccheggiarono e occuparono la città.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]