Breda Folgore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Breda Folgore
Breda folgore.jpg
Tipo Cannone senza rinculo
Origine Italia Italia
Impiego
Utilizzatori Italia Esercito Italiano
Descrizione
Peso su bipiede: 18,9 kg
su treppiede: 25,6 kg
Lunghezza 1,80 m
Calibro 80 mm
Tipo munizioni SNIA/BPD - Breda
Velocità alla volata 500 m/s (di bocca)
Tiro utile 700-1000 m

[senza fonte]

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

Il Folgore è un sistema d'arma leggero per la fanteria, sviluppato dalla Breda, che consiste in una sorta di cannone senza rinculo, più leggero del normale, con una munizione calibro 80mm, con carica HEAT o HE. Il raggio di tiro è di circa 1000 metri che diventano 4,5 km mediante l'impiego di proietto razzo. Nella pratica la carica HE può utilmente essere impiegata fino a 2000 m, mentre la HEAT solo fino a 1000m. Molto simile allo RPG-7 sovietico, ma molto più pesante, somiglia molto anche al Carl Gustav svedese ed ai meno noti cannoni senza rinculo sovietici B10 e B11.

Nonostante la presunta validità del sistema d'arma, sottoposto a lunghe prove di valutazione ed ordinato in ben 800 sistemi (bisogna considerare che si tratta di un'arma riutilizzabile), con un costo di diverse decine di miliardi, il Folgore non ha avuto successo pratico. Gli articoli sulla stampa specializzata, assai laudativi sulle sue doti e possibilità di successo nel mercato (RID 6/86), hanno in seguito lasciato il posto a diverse perplessità quando si è visto che questa arma tendeva ad essere troppo grossa e pesante, specie col treppiede, per essere gradita come arma per fanteria, e che la granata da 80mm era insufficiente contro i carri armati moderni. Il proietto HEAT ha infatti capacità perforante di circa 450 mm di acciaio balistico omogeneo.

Effettivamente, il Folgore riempiva la "zona morta" tra gli RPG/lanciarazzi da fanteria ed i ben più costosi missili controcarro, ma nemmeno nei conflitti a bassa intensità si è avuta la dimostrazione della sua validità. Attualmente l'arma, probabilmente mai esportata, è stoccata in riserva nei magazzini dell'Esercito o di qualche unità di addestramento. Il pezzo necessita di due uomini per essere gestito: sembra più un'arma dedicata alla difesa statica che un'arma concepita per essere rapidamente spostata.

Al 2012 il 4º reggimento genio guastatori ha ancora in dotazione tale arma, con cui svolge le sue attività addestrative anche per missioni future, come facente parte del Joint Rapid Reaction Force che sarà previsto ad inizio 2013.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'AOSTA IN POLIGONO su esercito.difesa.it
guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra