Brasiliani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Template-info.svg

I brasiliani rappresentano il gruppo etnico e la nazionalità del Brasile. Il Brasile ha una società multirazziale, e la maggior parte dei suoi abitanti sono un mix di indios, europei e africani. Gli studi genetici indicano che ascendenza europea predomina in Brasile, nel suo complesso, anche se origini africane sono molto presente nel Nord-est e nel Sud-est, discendenti degli indios nel Nord, mentre ascendenza europea è dominante nel Sud.[1]

Quasi tutti i brasiliani parlano il portoghese come lingua madre, e questa è la lingua ufficiale del Paese.

Origini[modifica | modifica sorgente]

Brasiliani in base al colore della pelle (1835, 1940, 2000 e 2008)[2][3]
Anno Bianca Parda (marrone) Nera
1835 24.4% 18.2% 51.4%
1940 64% 21% 14%
2000 53.7% 38.5% 6.2%
2008 48.8% 43.8% 6.5%

Prima della colonizzazione portoghese, il Brasile era abitato da un numero imprecisato di persone, note come indios. Gli indios sono discendenti di persone che sono giunte centinaia di anni fa dal continente asiatico. I portoghesi arrivarono nel 1500. Si stima che circa 500.000 portoghesi arrivarono nel Brasile fra il 1500 e il 1808. Hanno colonizzato il Paese ed influenzato la composizione etnica del Brasile. Dalla metà del XVI secolo, gli africani sono stati portati in Brasile per lavorare nelle fattorie di canna da zucchero e, successivamente, nelle miniere d'oro e diamanti e nelle piantagioni di caffè. Documenti storici indicano che fra il 1550 e il 1850 (quando il commercio degli schiavi è stato abolito), circa quattro milioni di africani sono arrivati in Brasile.

Fino alla metà del XIX secolo, la maggior parte della popolazione brasiliana era composta di neri e mulatti.[4]

Una grande immigrazione europea ha avuto luogo in Brasile, soprattutto fra il 1880 e il 1930. Quella italiana è la prima minoranza tra gli immigrati in Brasile; seguono i portoghesi, gli spagnoli, i tedeschi e i giapponesi.[5]

Schiavi africani in Brasile, 1500-1855[6]
Periodo 1500–1700 1701–1760 1761–1829 1830–1855
Numeri 510,000 958,000 1,720,000 618,000

Nel periodo di circa 100 anni (1872-1975), il Brasile ha ricevuto almeno 5,5 milioni di immigrati provenienti da Europa e da altre parti del mondo. Questi erano, in ordine decrescente, il 34% italiani, il 29% portoghesi, il 14% spagnoli, il 5% giapponesi, il 4% tedeschi, il 2% libanesi e siriani, e il 12% di altre nazionalità. Questo fenomeno è stato denominato lo "sbiancamento" del Brasile.

Secondo una ricerca condotta nel 2008, il 48.8% dei brasiliani ritengono di essere bianco, il 43.8% marrone e il 6.5% nero. Il resto di altre origini.

Immigrazione verso il Brasile[7]
Origine Periodo Totale
1884-1893 1894-1903 1904-1913 1914-1923 1924-1933 1934-1944 1945-1949 1950-1954 1955-1959
Tedeschi 22.778 6.698 33.859 29.339 61.723 N/D 5.188 12.204 4.633 176.422
Spagnoli 113.116 102.142 224.672 94.779 52.405 N/D 4.092 53.357 38.819 683.382
Italiani 510.533 537.784 196.521 86.320 70.177 N/D 15.312 59.785 31.263 1507.695
Giapponesi - - 11.868 20.398 110.191 N/D 12 5.447 28.819 188.723
Portoghesi 170.621 155.542 384.672 201.252 233.650 N/D 26.268 123.082 96.811 1391.898
Siriani e libanesi 96 7.124 45.803 20.400 20.400 N/D N/A N/A N/A 189.727
Altri 66.524 42.820 109.222 51.493 164.586 N/D 29.552 84.851 47.599 596.647
Totale 979.572 852.11 1006.617 503.981 713.132 N/D 92.412 338.726 247.944 4734.494

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Allele frequencies of 15 STRs in a representative sample of the Brazilian population
  2. ^ Thomas E. Skidmore, Fact and Myth: Discovering a Racial Problem in Brazil (PDF) in Working Paper, vol. 173, aprile 1992.
  3. ^ Brasil perde brancos e pretos e ganha 3,2 milhões de pardos
  4. ^ ILARI, Rodolgo, BASSO, Renato. O Português da Gente. Editora Contexto (2006)
  5. ^ Immigrazione Italiana nell’America del Sud (Argentina, Uruguay e Brasile)
  6. ^ IBGE - Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística
  7. ^ Brasil: 500 Anos de Povoamento. Povoamento 1500-1700 (visitado em 16 de outubro de 2008)]