Branta sandvicensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Oca delle Hawaii
Branta sandvicensis -Kilauea Point National Wildlife Refuge, Hawaii, USA-8.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Anseriformes
Famiglia Anatidae
Sottofamiglia Anserinae
Tribù Anserini
Genere Branta
Specie B. sandvicensis
Nomenclatura binomiale
Branta sandvicensis
(Vigors, 1834)

L'oca delle Hawaii (Branta sandvicensis Vigors, 1834), nota anche come nene o nēnē, è una specie di oca endemica delle Hawaii[2]. Uccello ufficiale dello stato delle Hawaii, in natura è presente esclusivamente sulle isole di Maui, Kauai e Hawaii. Il nome Nēnē, di origine hawaiiana, è onomatopeico, e si riferisce al suo debole richiamo[3].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La nene si è evoluta a partire da alcuni esemplari di oca del Canada (Branta canadensis), che molto probabilmente migrarono verso le Hawaii 500.000 anni fa, poco dopo la formazione dell'isola di Hawaii. Questi antenati furono i progenitori della nene, così come di due forme preistoriche, l'oca delle Hawaii gigante[4] e la nēnē-nui (Branta hylobadistes). La nēnē-nui era più grande della nene ed era in grado di volare o no a seconda degli esemplari; viveva sull'isola di Maui. Resti fossili di oche simili ritrovati su Oahu e Kauai potrebbero appartenere a membri della stessa specie. L'oca delle Hawaii gigante era relegata all'isola di Hawaii, e con una lunghezza di 1,2 m e un peso di 8,6 kg era oltre quattro volte più grande della nene. Si ritiene che l'oca delle Hawaii gigante, erbivora, occupasse la stessa nicchia ecologica delle anatre simili a oche conosciute come moa-nalo, che non erano presenti su Hawaii[5]. Analizzando il DNA mitocondriale prelevato dai fossili, si è scoperto che tutte le oche delle Hawaii, sia viventi che scomparse, sono strettamente imparentate con l'oca del Canada gigante (B. c. maxima) e con l'oca del Canada scura (B. c. occidentalis)[4].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Un giovane esemplare a Kauai.

Con un'altezza di 41 cm, la nene è un'oca di medie dimensioni. Sebbene trascorra la maggior parte del tempo al suolo, è in grado di volare, e alcuni esemplari si spostano tutti i giorni in volo tra le aree di nidificazione e quelle di foraggiamento. Le femmine pesano 1,5-2,5 kg, mentre i maschi, con un peso di 1,6-3,0 kg, sono più grandi dell'11%[6]. I maschi adulti hanno la testa e la parte posteriore del collo nere, le guance color camoscio e il collo fortemente corrugato[7]. Sul collo sono presenti strisce diagonali bianche e nere[7]. Tranne che per le dimensioni inferiori, le femmine di nene presentano una colorazione simile a quella dei maschi. Negli adulti becco, zampe e piedi sono neri. Sotto il mento vi è un soffice piumino. Gli anatroccoli somigliano ai maschi, ma hanno il piumaggio di un marrone più spento, con i colori di testa e collo meno marcati; inoltre, le striature e altri disegni sono meno evidenti. Becco, zampe e piedi sono identici a quelli degli adulti[7]. Le robuste dita sono rigonfie e solo parzialmente palmate, adattamento, questo, che consente all'animale di attraversare rapidamente anche terreni accidentati, come le distese di lava[8].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Un tempo la nene era presente sulle isole di Hawaii, Maui, Kahoolawe, Lanai, Molokai e Kauai. Oggi, il suo areale si è ristretto ad Hawaii, Maui, Molokai e Kauai. La nene abita boscaglie, praterie, dune costiere e distese di lava, ma anche habitat antropogenici nei loro pressi, come pascoli e campi da golf, dal livello del mare a più di 2400 m di quota[9]. Alcune popolazioni migrano tra i terreni di nidificazione, in pianura, e le aree di foraggiamento, in montagna[8].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

La nene è erbivora, e si nutre sia pascolando che brucando, a seconda della vegetazione disponibile. La dieta comprende foglie, semi, frutti e fiori di piante erbacee e arbusti[10].

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La stagione della nidificazione della nene, da agosto ad aprile, è la più lunga di quella di qualsiasi altra oca[11]; la maggior parte delle uova vengono deposte tra novembre e gennaio[6]. Diversamente dalla maggior parte degli Anseriformi, la nene si accoppia sul terreno[7]. Nei nidi, costruiti dalle femmine in siti scelti accuratamente, vengono deposte da una a cinque uova (in media tre su Maui e Hawaii, e quattro su Kauai). Le femmine covano le uova per 29-32 giorni, mentre i maschi fanno da sentinella. Gli anatroccoli sono precoci e sono in grado di trovare il cibo da soli; rimangono con i genitori fino alla successiva stagione della nidificazione[6].

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Quando, nel 1778, arrivò nelle Hawaii il capitano Cook, c'erano probabilmente 25.000 nene, ma, come molte specie insulari, quest'oca non riuscì a resistere efficacemente agli animali introdotti dai coloni e ai mutamenti ambientali che si accompagnarono allo sviluppo dell'agricoltura[7]. Nel 1950 la popolazione dell'oca delle Hawaii, che era stata decimata anche dalla caccia, era sospesa sull'orlo dell'estinzione, e il numero degli animali selvatici restanti era stimato da trenta a cinquanta[7]. Nel 1957 i conservazionisti cominciarono a far riprodurre le oche in cattività, nella speranza di conservare un residuo della popolazione declinante e di poterla un giorno reintrodurre in natura[7]. I programmi finalizzati alla liberazione in natura di oche allevate in cattività si rivelarono inizialmente difficili, ma sforzi recenti hanno avuto maggior successo. Oggi esistono popolazioni modeste ma stabili di nene nelle isole di Hawaii, Maui e Kauai. Quelle di Hawaii ridivennero selvatiche nel 1982, dopo che l'uragano Iwa ebbe distrutto le gabbie delle oche in cattività sul versante sud-orientale dell'isola[7]. Le nene si adattarono rapidamente al bassopiano erboso, privo di manguste. In considerazione del loro grande successo, recentemente i biologi ne hanno liberate altre sulle coste settentrionali e nord-occidentali di Kauai. Oggi nelle Hawaii ci sono circa 800 nene selvatiche, il cui numero sta aumentando a ogni stagione di riproduzione, e un altro migliaio vivono in giardini zoologici e in collezioni private fuori delle Hawaii[7]. La maggiore di queste collezioni private si trova nella riserva del Wildfowl and Wetlands Trust di Slimbridge, in Inghilterra. Un piccolo gruppo di nene (probabilmente fuggite da Slimbridge) pare stia godendosi la vita nel cuore di Londra al St. James Park, un tranquillo rifugio per uccelli acquatici di fronte a Buckingham Palace. Nelle Hawaii la caccia alle nene non è più permessa, ma quest'oca è ancora minacciata dai predatori introdotti dall'uomo, le manguste e cani e gatti selvatici, che saccheggiano continuamente i loro nidi. Gli sforzi di conservazione stanno continuando, e il futuro delle nene nelle Hawaii, pur non essendo certo, è senz'altro promettente. Pare giusto che la nene, ancora nell'incertezza se entrare o no nell'elenco delle specie a rischio di estinzione, sia l'uccello rappresentativo dello stato delle Hawaii.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Branta sandvicensis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Anatidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 5 maggio 2014.
  3. ^ Pukui and Elbert, lookup of nēnē in on Hawaiian dictionary, Ulukau, the Hawaiian Electronic Library, University of Hawaii, 2003. URL consultato il 13 gennaio 2010.
  4. ^ a b Ben Harder, State Bird of Hawaii Unmasked as Canadian in National Geographic News, National Geographic Society, 6 febbraio 2002. URL consultato il 17 marzo 2009.
  5. ^ Alan C. Ziegler, Hawaiian Natural History, Ecology, and Evolution, University of Hawaiʻi Press, 2002, p. 260, ISBN 978-0-8248-2190-6.
  6. ^ a b c Richard P. Reading, Brian Miller, Endangered animals: A Reference Guide to Conflicting Issues, Greenwood Publishing Group, 2000, pp. 142–146, ISBN 978-0-313-30816-1.
  7. ^ a b c d e f g h i Richard Ellis, No Turning Back: The Life and Death of Animal Species, New York City, Harper Perennial, 2004, pp. 280–281, ISBN 0-06-055804-0.
  8. ^ a b Paul C. Banko, Jeffrey M. Black; Winston E. Banko, Hawaiian Goose (Branta sandvicensis) in A. Poole (a cura di), Birds of North America Online, Cornell Laboratory of Ornithology, 1999. URL consultato il 2009-03-18.
  9. ^ Nene or Hawaiian Goose (PDF), State of Hawaiʻi, 25 marzo 2005.
  10. ^ http://www.state.hi.us/dlnr/dofaw/cwcs/files/3.29.05%20Fact%20Sheets/Nene.pdf
  11. ^ Hawaiian Goose (Branta sandvicensis) in Audubon Watchlist, National Audubon Society. URL consultato il 18 marzo 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]