Branicki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma dei Branicki-Gryf.
Stemma dei Branicki-Korczak.
Jan Klemens Branicki-Gryf
Franciszek Ksawery Branicki-Korczak

Branicki (plurale Braniccy; femminile Branicka) è il cognome di una famiglia della Szlachta (nobiltà) di Polonia. Nelle regioni anticamente poste sotto il governo dei re di Polonia, la famiglia Branicki fu nota con diversi nomi: Cittus, Ciphus (latino), Karpye, Trzy Wreby (bielorusso eucraino), Wrebowe, Wreby (polacco).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I Branicki si dividono in due clan: uno più antico, i Branicki-Gryf, ed uno più recente e più longevo, i Branicki-Korczak.

La famiglia dei Branicki-Gryf, così nota per il grifone che appare nel loro stemma araldico, era già nota nel XII secolo e si legò alla schiatta reale dei Piasti di Polonia. La stirpe si originò a Branice, nel Voivodato di Cracovia, e diede al Regno di Polonia una serie di alti dignitari laici ed ecclesiastici di cui l'ultimo fu Jan Klemens Gryf Branicki, Grand Hetman di Lituania, con la cui morte (1771) la famiglia si estinse.

I Branicki-Korczak sono invece legati ad un clan Cosacco stabilitosi della Galizia (Europa centrale) e noto a partire dal 1390. La famiglia ebbe titolo comitale in Russia dal 1839 ed in Austria dal 1873.

Recentemente la famiglia Branicki si è imparentata con la casa regnante belga, essendo una contessa del clan madre della principessa Matilda di Brabante.

Membri illustri[modifica | modifica wikitesto]

Branicki-Gryf[modifica | modifica wikitesto]

Branicki-Korczak[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]