Brachyphylla nana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Brachyphylla nana
Immagine di Brachyphylla nana mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Phyllostomidae
Sottofamiglia Brachyphyllinae
Genere Brachyphylla
Specie B.nana
Nomenclatura binomiale
Brachyphylla nana
Miller, 1902
Sinonimi

R.pumila

Areale
Distribution of Brachyphylla nana.png

Brachyphylla nana (Miller, 1902) è un pipistrello della famiglia dei Fillostomidi diffuso nei Caraibi.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 65 e 97 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 51,5 e 61,4 mm, la lunghezza del piede tra 12 e 23 mm e la lunghezza delle orecchie tra 16 e 26 mm.[3]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

La pelliccia è corta, lanosa e si estende sulle ali fino ai gomiti e alle cosce. Le parti dorsali sono brunastre, con la base dei peli bianca, mentre le parti ventrali sono grigiastre. Il muso è corto, con una piega cutanea sopra le narici, delle piccole verruche intorno ad un profondo solco presente sul labbro inferiore e agli angoli posteriori della bocca. Le orecchie sono di dimensioni normali, separate e appuntite. Il trago è lungo meno della metà del padiglione auricolare. Le ali sono attaccate posteriormente alla base della caviglia. I pollici sono relativamente lunghi. È privo di coda, mentre l'uropatagio è ben sviluppato. Il calcar è piccolo.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si rifugia all'interno di grotte dove forma grandi colonie, talvolta insieme ad altre specie di pipistrelli. Lascia i siti molto dopo il tramonto.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre si frutta, polline, nettare e insetti.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Femmine gravide sono state osservate da dicembre a maggio a Cuba, mentre altre che allattavano sono state catturate tra maggio e agosto. Sulle Isole Caicos, sono state inoltre catturate femmine gravide nel mese di marzo ed un'altra che allattava nel mese di agosto.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa sull'isola di Cuba, Isola della Gioventù, Hispaniola, Grand Cayman e Middle Caicos. Resti fossili sono stati rinvenuti in Giamaica.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerata la popolazione presumibilmente numerosa, la presenza in diverse aree protette e l'habitat non eccessivamente in declino, classifica B.nana come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Dávalos, L. & Mancina, C. 2008, Brachyphylla nana in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Brachyphylla nana in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Silva Taboada, 1979, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gilberto Silva Taboada, Los Murcielagos de Cuba, Academia de Ciencias de Cuba, 1979.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi