Bovista plumbea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bovista plumbea
Bovista plumbea 128403.jpg
Bovista plumbea
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Sottodivisione Agaricomycotina
Classe Agaricomycetes
Sottoclasse Agaricomycetidae
Ordine Agaricales
Famiglia Agaricaceae
Genere Bovista
Specie B. plumbea
Nomenclatura binomiale
Bovista plumbea
Pers., 1795
Caratteristiche morfologiche
Bovista plumbea
Cappello no disegno.png
Cappello no
Smooth icon.png
Imenio liscio
No gills icon.svg
Lamelle no
Brown spore print icon.png
Sporata marrone
ND icona.png
Velo ND
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Saprotrophic ecology icon.png
Saprofita
Foodlogo.svg
Commestibile

Bovista plumbea Pers., 1795 è una specie di fungo della famiglia Agaricaceae.[1]

Si riconosce per la cuticola (esoperidio) fragile, che si rompe come un uovo.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino plumbeus = color piombo, per il colore che assume quando matura.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Corpo fruttifero[modifica | modifica wikitesto]

Di forma globosa, aderente al suolo per rizoidi miceliari; 2–4 cm di diametro, con un involucro esterno (esoperidio) bianco, sottile e fragile ed uno interno (endoperidio) relativamente tenace inizialmente di colore bianco, a maturità grigio-piombo che si rompe alla sommità per l'emissione delle spore.[2][3]

Gleba[modifica | modifica wikitesto]

Bianca negli esemplari giovani, poi gradatamente verdastra-bruna sino a trasformarsi in polvere bruna.[2][3]

Spore[modifica | modifica wikitesto]

4,5-6 x 4.5-5.5μ µm, ovali e brune in massa.[2][3]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Dalla primavera all'autunno, nei pascoli e prati incolti. Ubiquitaria. È diffusa in Europa.[2][3]

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Commestibile buono ma rende bene solamente "impanato"; cotto in altri modi è risultato un commestibile molto mediocre.

Come tutte le "vesce" è commestibile solo finché la gleba è bianco-candida.[2][3]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Globaria plumbea (Pers.) Quél., Mém. Soc. Émul. Montbéliard, Sér. 2 5: 371 (1873)
  • Globaria plumbea (Pers.) Quél., Mém. Soc. Émul. Montbéliard, Sér. 2 5: 371 (1873) var. plumbea
  • Bovista plumbea Pers., Ann. Bot. (Usteri) 15: 4 (1795) var. plumbea
  • Bovista plumbea Pers., Ann. Bot. (Usteri) 15: 4 (1795) f. plumbea
  • Lycoperdon bovista Sowerby, Coloured figures of English Fungi or Mushrooms (London) 3: tab. 331 (1803)
  • Lycoperdon suberosum (Fr.) Bonord.
  • Bovista suberosa Fr., Syst. mycol. (Lundae) 3(1): 26 (1829)
  • Endonevrum suberosum (Fr.) Czern., Bull. Soc. Imp. nat. Moscou 18(2, III): 151 (1845)
  • Globaria plumbea var. suberosa (Fr.) Quél., Mém. Soc. Émul. Montbéliard, Sér. 2 5: 371 (1873)
  • Lycoperdon plumbeum Vittad., Monograph Lyc.: 174 (1843)
  • Bovista ovalispora Cooke & Massee, Grevillea 16(no. 78): 46 (1887)
  • Bovista plumbea var. ovalispora (Cooke & Massee) F. Šmarda, (1958)
  • Bovista brevicauda Velen., České Houby 4-5: 832 (1922)
  • Bovista plumbea var. brevicauda (Velen.) F. Šmarda, Fl. ČSR, B-1, Gasteromycetes: 367 (1951)
  • Bovista plumbea f. brevicauda (Velen.) F. Šmarda, Fl. ČSR, B-1, Gasteromycetes 12: 239 (1958)
  • Bovista plumbea var. flavescens Hruby, Hedwigia 70: 350 (1930)[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Bovista plumbea in Index Fungorum, CABI Bioscience.
  2. ^ a b c d e Bovista plumbea Pers. ex Pers.. URL consultato il 15 marzo 2015.
  3. ^ a b c d e Bovista plumbea. URL consultato il 15 marzo 2015.
  4. ^ Bovista plumbea. URL consultato l'11 febbraio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia