Bourvil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Artista musicale}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Bourvil

Bourvil, nome d'arte di André Robert Raimbourg (Prétot-Vicquemare, 27 luglio 1917Parigi, 23 settembre 1970), è stato un attore e cantante francese, noto al grande pubblico in prevalenza per ruoli brillanti, come in Tre uomini in fuga (1966).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Suo padre morì nella grande guerra nel 1918, così il piccolo André visse infanzia e adolescenza nel villaggio di Bourville, luogo che gli ispirò il suo futuro nome d'arte. Sposò Jeanne Lefrique il 23 gennaio 1943. Ammalatosi di mieloma multiplo, una malattia neoplastica delle plasmacellule, morì all'età di 53 anni. Fu sepolto a Montainville (Yvelines).

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nelle vesti comiche, Bourvil incarnava solitamente figure di indole gentile e benevola spesso ottuse ed ingenue, come nei ruoli che lo contrapposero all'energico Louis de Funès. Nei film della coppia, la caratteristica di Bourvil non era principalmente quella di far ridere il pubblico, ma di proteggersi dalle frenetiche manovre del suo machiavellico compagno d'avventure. Da citare il maggiore successo comico della coppia, Tre uomini in fuga (La Grande Vadrouille) di Gérard Oury (1966).

Bourvil era in grado di affrontare anche parti impegnate, come nelle vesti di Thénardier nell'adattamento cinematografico de I miserabili (Les misérables) di Jean-Paul Le Chanois (1958), o nel film L'albero di Natale (L'arbre de Noël, 1969) con il ruolo del tuttofare. Vinse la prestigiosa Coppa Volpi quale migliore attore alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia per La traversata di Parigi (La Traversée de Paris) di Claude Autant-Lara (1956).

Concluse la carriera con la straordinaria interpretazione del commissario Mattei ne I senza nome (Le cercle rouge) (1970) di Jean-Pierre Melville, opera considerata un classico del noir. In quel personaggio drammatico e complesso, fornì una prova maiuscola, dalle molteplici sfaccettature, dando la misura di quanto le sue capacità recitative fossero state sottovalutate dal cinema francese. Si spense a poche settimane dal termine delle riprese.

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 2655503 LCCN: n82093805