Boris Andreevič Uspenskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Boris Andreevič Uspenskij (in russo: Борис Андреевич Успенский?; Mosca, 1º marzo 1937) è un filologo russo nonché mitografo e slavista.

Boris Uspenskij si è laureato all'Università statale di Mosca nel 1960. Ha tenuto conferenze a Mosca fino al 1982, quando ha iniziato a frequentare università prestigiose come la Harvard University, la Cornell University, l'Università di Vienna, l'Università di Graz e l'Università della Svizzera italiana come docente invitato (visiting professor). Fino al 2009 ha prestato servizio presso l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" come professore ordinario di Lingua e letteratura russa. Il suo lavoro è riconosciuto a livello internazionale, ed è membro di numerose accademie e scuole europee[senza fonte].

Uspenskij ha lavorato con Jurij Lotman e ne ha condiviso l'approccio e alcune idee.

Tra le sue opere principali ricordiamo Linguistic Situation in Kievan Rus and Its Importance for the Study of the Russian Literary Language (trad. it.: La situazione linguistica della Rus' di Kiev: il suo significato per la storia della lingua letteraria russa, a cura di Nicoletta Marcialis, Roma, Università di Roma Tor Vergata, 1990), Philological Studies in the Sphere of Slavonic Antiquities, and The Principles of Structural Topology. Sono piuttosto noti i suoi studi sulle icone russe, approfonditi in The Semiotics of the Russian Icon.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 90631286 LCCN: n82055030