Borago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Borago
Illustration Borago officinalis0.jpg
Borago officinalis L.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Lamiales
Famiglia Boraginaceae
Genere Borago
Specie
  • Vedi testo

Al genere Borago, della famiglia Boraginaceae, appartengono piante annuali o perenni i cui fiori sono portati da cime ramificate più o meno ispide, più o meno dense, di solito bratteate.
Il calice, diviso fin quasi alla base, è accrescente.
La corolla di colore blu, rosa o bianca, può assumere forma da rotata a campanulata, con tubo corto o assente e con corte scaglie, glabre, smarginate, eserti.
Gli stami eserti, sono inseriti vicino alla base della corolla; con le antere conniventi e mucronate; i filamenti hanno una lunga e stretta appendice all'apice.
Stilo è incluso e porta uno stimma capitato.
Le nucule obovoidi, erette, rugose, sono concave e con uno spesso anello a guisa di collare alla base.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Le specie di questo genere si rinvengono in luoghi coltivati e macereti in tutta la penisola italiana isole comprese, Istria e in generale in tutta la regione mediterranea e, naturalizzata, nell'Europa media.
Spesso vengono coltivate come piante ornamentali.

Specie in Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, secondo Pignatti, il genere è presente con due specie:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia, Edagricole, Bologna 1982. ISBN 88-506-2449-2
  • T.G. Tutin, V.H. Heywood et Alii, Flora Europea, Cambridge University Press 1976. ISBN 0-521-08489-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]