Booth School of Business

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The University of Chicago Booth School of Business
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Città Chicago
Motto Crescat scientia; vita excolatur
Fondazione 1898
Tipo Scuola di alta formazione privata
Studenti 43,000
Dipendenti 177 (di cui 130 a tempo indeterminato)
Colori Marrone e bianco
Affiliazioni Università di Chicago
Sito web www.chicagobooth.edu
 
Il soffitto a volta in vetro della Booth School.

La Booth School of Business è una scuola di alta formazione dottorale (graduate school) in direzione d'azienda (business school) dell'Università di Chicago. Nota, in precedenza, come The University of Chicago Graduate School of Business, la Booth School è la seconda tra le più antiche business school degli Stati Uniti[1], la prima del genere a offrire un programma di Executive Master in Business Administration (MBA)[2] e la prima a inaugurare un programma Ph.D. in Economia d'impresa[1].

La scuola ha assunto l'attuale nome nel 2008 dopo un finanziamento di 300 milioni di dollari ricevuto in dono dall'ex-allievo David G. Booth. La dotazione finanziaria di cui può disporre la scuola gli permetti di collocarsi al terzo posto tra le scuole di economia aziendale[3].

Il campus principale della scuola si trova nel quartiere Hyde Park di Chicago, all'interno del campus principale dell'Università di Chicago. La scuola detiene altri campus a Londra e a Singapore, e un altro in Downtown Chicago, sul Magnificent Mile.

Oltre all'attività didattica post-laurea, la scuola conduce ricerche nel campo della finanza, dell'economia, della contabilità e delle ricerche di mercato quantitative.

Docenti[modifica | modifica sorgente]

  • Eugene Fama (Robert R. McCormick Distinguished Service Professor of Finance)
  • Luigi Zingales (Robert C. McCormack professor of Entrepreneurship and Finance)
  • Raghuram Rajan (Eric J. Gleacher Distinguished Service Professor of Finance)
  • Austan D. Goolsbee (Robert P. Gwinn Professor of Economics)

Alumni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Chicago Booth History, Booth School of Business. URL consultato il 6 settembre 2009.
  2. ^ History of Executive MBA Council, Executive MBA Council (www.emba.org). URL consultato il aprile 2010.
  3. ^ Subtle Strategist, Financial Times, FT.com. URL consultato il aprile 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]