Bonita Granville

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bonita Granville nel film Gallant Sons (1940)

Bonita Granville (Chicago, 2 febbraio 1923Santa Monica, 11 ottobre 1988) è stata un'attrice cinematografica e televisiva statunitense.

Nel 1937 ottenne una nomination all'Oscar alla miglior attrice non protagonista per il film La calunnia (1936) di William Wyler.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Chicago da una coppia di attori teatrali, Bonita Granville fece il suo debutto cinematografico all'età di nove anni nel western Westward Passage (1932) e nei due anni successivi apparve in una serie di ruoli non accreditati in film come Piccole donne (1933) di George Cukor e Cavalcata (1933) di Frank Lloyd.

Nel 1936 apparve nel dramma La calunnia (1936) di William Wyler, tratto dalla pièce teatrale The Children's Hour di Lillian Hellman. Nel ruolo di Mary, la perfida bambina che sconvolge l'esistenza delle sue due insegnanti (Merle Oberon e Miriam Hopkins) con calunniose bugie sulla loro vita privata, la Granville ottenne una nomination all'Oscar quale miglior attrice non protagonista.

Dopo una serie di ruoli in drammi come L'aratro e le stelle (1936) di John Ford e commedie quali Dolce inganno (1937) di George Stevens, la Granville ottenne il ruolo della brillante detective dilettante Nancy Drew, protagonista di una serie di romanzi gialli per ragazzi popolare negli anni trenta, nel film Nancy Drew -- Detective (1938) di William Clemens. Il successo consentì all'attrice di riprendere il medesimo personaggio in altri tre film della serie, Nancy Drew... Reporter (1939), Nancy Drew... Trouble Shooter (1939) e Nancy Drew and the Hidden Staircase (1939).

Nella prima metà degli anni quaranta, la Granville continuò ad apparire in ruoli di supporto in celebri film quali Bufera mortale (1940) di Frank Borzage, nel melodramma Perdutamente tua (1942), accanto a Bette Davis, e nel noir La chiave di vetro (1942), a fianco di Alan Ladd e Veronica Lake. Tra le sue migliori interpretazioni di questo periodo è da ricordare quella di Anna Muller nel film Hitler's Children (1943), pellicola dai forti toni antinazisti.

Nel 1947, la Granville sposò il produttore Jack Wrather e diradò le sue apparizioni cinematografiche per dedicarsi alla produzione di programmi e serial televisivi. Con il marito formò la Wrather Corporation, che ebbe tra i suoi maggiori successi la serie per ragazzi Lassie. In alcuni episodi della serie, la Granville prestò la propria voce come narratrice non accreditata.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal matrimonio con Jack Wrather, la Granville ebbe due figli, Linda e Christopher. Wrather morì nel 1984, mentre l'attrice lo seguì quattro anni più tardi, l'11 ottobre 1988, all'età di 65 anni, per un cancro ai polmoni.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 72651202