Bonifacio II di Toscana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bonifacio II di Toscana, o di Lucca, o di Tuscia (788847), fu marchese di Toscana dall'828 all'834 e Tutor Corsicae.

Non è noto l'anno di nascita, qualcuno lo pone nel 788, altri nell'800. Lo stesso anno di morte non è certo, potrebbe essere l'846 o l'847.

Era figlio di Bonifacio I di Toscana di cui divenne erede, e discendente di una famiglia di origine bavarese. Divenne signore di Lucca, e poi prefetto di Corsica dall'828 quando occupò l'isola in seguito ad una spedizione contro i pirati che infestavano il Tirreno. Fu anche margravio di Toscana dall'828 fino alla morte.

Probabilmente era sposato con Bertha da cui, sembra che ebbe Adalberto I di Toscana, che fu anch'egli margravio.

Secondo la tradizione, nell'833 rifondò la cittadina romana di Calcosalto in Corsica per difendersi dagli attacchi dei saraceni; e la città prese il nome di Bonifacio in suo onore. Essa venne abitata da coloni toscani provenienti soprattutto dalla provincia di Lucca, che poi verranno espulsi dai genovesi nel 1490.

Nelle lotte tra Ludovico il Pio e Lotario, il marchese Bonifacio si schierò con il primo, concedendo la libertà all'imprigionata moglie di Ludovico, Giuditta di Baviera reclusa a Tortona; ma essendo Ludovico il Pio sconfitto e nominato Lotario re d'Italia, questi lo privò del feudo. Trascorse gli ultimi anni della sua vita in esilio in Francia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Margravio di Toscana Successore
Bonifacio I di Toscana 828-834
 ?