Boncompagno da Signa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Boncompagno da Signa (Signa, 1170 circa – Firenze, 1250) è stato un grammatico, scrittore e filosofo italiano.

Nato a Signa tra il 1165 e il 1175, fu professore di retorica (ars dictaminis) all'Università di Bologna e poi all'Università di Padova.

Fu uno dei primi autori medievali occidentali a scrivere in volgare. Nel corso degli anni visse in varie città, spostandosi ad Ancona, Venezia, Bologna e Padova, per poi finire la sua vita a Firenze.

Tra le opere più significative si ricordano una storia dell'assedio di Ancona del 1173 (unico suo lavoro di tipo storico), il Boncompagnus, scritto nel 1215 e diviso in sei parti, un trattato di retorica, Rethorica novissima, scritto nel 1235 e composto da tredici libri, un trattato di scacchi e il Libellus de malo senectutis et senis del 1240 nel quale, con spirito arguto, prende in giro le affermazioni di Cicerone che idealizzavano la vecchiaia.

Il suo Liber de obsidione Ancone, pubblicato nel 1937 dall'editore Zanichelli, è stato ristampato in edizione italiana (L'assedio di Ancona) nel 1999 dall'editore Viella di Roma.

Il Rota veneris è stato pubblicato nel 1996, a cura di Paolo Garbini dell'editore Salerno.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Liber de amicitia
  • Ysagoge
  • Boncompagnus
  • Tractatus virtutum
  • Rhetorica novissima
  • Libellus de malo senectutis et senis
  • Palma
  • Oliva
  • Cedrum
  • Mirra
  • Quinque tabulae salutationum
  • Rota veneris
  • Liber de obsidione Ancone
  • Bonus Socius e Civis Bononiae (disputed authorship)

Fonte[modifica | modifica sorgente]

  • Boncompagno da Signa. Rota veneris. Scholars’ Facsimiles & Reprints: Delmar, New York, 1975.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Virgilio Pini, «BONCOMPAGNO da Signa», in Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 11, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1969.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Steven M. Wight: Boncompagno's charter doctrine (Bologna 1199 - 1204), in: Medieval Diplomatic and the 'ars dictandi', Scrineum 1999

Controllo di autorità VIAF: 42637591 LCCN: nr98028467