Bolesław Bierut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bolesław Bierut
Bolesław Bierut nel 1950

Bolesław Bierut nel 1950


Segretario Generale del Partito Operaio Unificato Polacco
Durata mandato 22 dicembre 1948 –
12 marzo 1956
Predecessore Władysław Gomułka
Successore Edward Ochab
(come Primo Segretario)

Presidente della Polonia
Durata mandato 5 febbraio 1947 –
21 novembre 1952
Primo ministro Józef Cyrankiewicz
Predecessore Se stesso in qualità di Presidente del Consiglio Popolare
Successore Aleksander Zawadzki (come Presidente del Consiglio di Stato )

Primo ministro della Repubblica Popolare di Polonia
Durata mandato 21 novembre 1952 –
12 marzo 1956
Predecessore Józef Cyrankiewicz
Successore Józef Cyrankiewicz

Presidente del consiglio Popolare della Polonia
Durata mandato 31 dicembre 1944 –
4 febbraio 1947
Predecessore Władysław Raczkiewicz (come presidente del (Governo polacco in esilio)
Successore se stesso come Presidente della Polonia

Dati generali
Partito politico Partito Comunista della Polonia
Partito Operaio Polacco
Partito Operaio Unificato Polacco

Bolesław Bierut (Lublino, 18 aprile 1892Mosca, 12 marzo 1956) è stato un sindacalista e politico polacco.

Fu il primo presidente della Repubblica Popolare Polacca dal 1947 al 1952.

Operaio tipografo e sindacalista, aderì prima al Partito Socialista Polacco (1912) e poi al Partito Comunista Polacco fin dalla sua fondazione (1919). Dal 1925 al 1933 si recò a Mosca e collaborò col Komintern, compiendo svariate missioni in tutta Europa. Condannato nel 1933 a sette anni di carcere, fu amnistiato nel 1938 e l'anno dopo, dopo la spartizione del Paese, fuggì nell'Unione Sovietica.

Nel 1943 tornò a Varsavia e fu uno dei comandanti della Resistenza contro i tedeschi. Nel dicembre 1943 entrò a far parte del Comitato di Lublino (dei due governi polacchi in esilio, quello appoggiato dall'URSS), e ne diventò presidente nel luglio 1944.

Fu il primo presidente della Repubblica Popolare di Polonia (1947-1952), poi sostituì Władysław Gomułka (allontanato dai sovietici perché troppo indipendente) come segretario generale del Partito Operaio Unificato Polacco (Polska Zjednoczona Partia Robotnicza, o PZPR) e presidente del Consiglio dei ministri (1952-1954). Morì a Mosca mentre guidava la delegazione del partito al XX congresso del Partito Comunista dell'Unione Sovietica. Per il suo autoritarismo e la sua sottomissione alle direttive di Stalin fu soprannominato lo Stalin polacco.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine dei Costruttori della Polonia Popolare - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dei Costruttori della Polonia Popolare
Ordine della Croce di Grunwald di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Croce di Grunwald di I Classe
Medaglia della Vittoria e della Libertà del 1945 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia della Vittoria e della Libertà del 1945

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • B.P.Boschesi - Il chi è della Seconda Guerra Mondiale - Mondadori Editore, 1975, Vol. I, p. 49-50

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della Polonia Successore Flag of Poland.svg
Ryszard Kaczorowski 31 dicembre 1944 - 4 febbraio 1947 Bolesław Bierut
Predecessore Presidente della Polonia Successore Flag of Poland.svg
Bolesław Bierut 5 febbraio 1947 - 20 novembre 1952 Wojciech Jaruzelski
Predecessore Primo ministro della Polonia Successore Flag of Poland.svg
Józef Cyrankiewicz 20 novembre 1952 - 18 marzo 1954 Józef Cyrankiewicz

Controllo di autorità VIAF: 47559141 LCCN: n88018609