Bol'šoj Ussurijskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bol’šoj Ussurijskij/Heixiazi
I confini contesi tra Cina e Russia prima del 2004. In basso a destra l'isola Bolshoi Ussuriyskiy
I confini contesi tra Cina e Russia prima del 2004. In basso a destra l'isola Bolshoi Ussuriyskiy
Geografia fisica
Localizzazione Confluenza tra i fiumi Ussuri ed Amur
Coordinate 48°21′41″N 134°48′50″E / 48.361389°N 134.813889°E48.361389; 134.813889Coordinate: 48°21′41″N 134°48′50″E / 48.361389°N 134.813889°E48.361389; 134.813889
Superficie 350 km²
Geografia politica
Stati Russia Russia
Cina Cina
Centro principale Ussurijskij
Demografia
Abitanti 628 (2008)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Cina
Bol’šoj Ussurijskij/Heixiazi

[senza fonte]

voci di isole presenti su Wikipedia

L'isola Bol’šoj Ussurijskij (russo: о́стров Большо́й Уссури́йский) o isola Heixiazi o Heziazi (cinese tradizionale: 黑瞎子島; cinese semplificato: 黑瞎子岛; pinyin: Hēixiāzi Dǎo) è un'isola sedimentaria che si trova alla confluenza del fiume Ussuri nell'Amur.

La sovranità sull'isola è, dal 2008, divisa tra la Russia e la Cina[1].

L'Unione Sovietica aveva invaso l'isola nel 1929, ma la Cina non aveva mai accettato la situazione[2]. La disputa si è protratta fino al 2004, quando i due paesi hanno ridefinito i confini, mentre l'accordo è divenuto effettivo quattro anni più tardi[3]: la Russia ha ceduto alla Cina la parte occidentale (e pressoché disabitata[4]) dell'isola oltre all'intera vicina isola Tarabov (divenuta Yinlong), per un totale di circa 174 km²[5].

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cina riceve isole russe, 16-10-2008. URL consultato il 10-05-2011.
  2. ^ Cina: Russia cede 2 isole a confine, 21-07-2008. URL consultato il 10-05-2011.
  3. ^ (EN) World’s biggest country becomes a little bit smaller, 14-08-2008. URL consultato il 10-05-2011.
  4. ^ (EN) The cockerel’s cropped crest, The Economist, 24-07-2008. URL consultato il 10-05-2011.
  5. ^ (EN) China, Russia sign border agreement, Business Standard, 21-07-2008. URL consultato il 10-05-2011.