Boing Boing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Boing Boing
Boingboinglogo.png
URL http://www.boingboing.net/
Commerciale no
Tipo di sito blog
Proprietario Happy Mutants
Creato da Mark Frauenfelder, Cory Doctorow, David Pescovitz, Xeni Jardin
Lancio 1998
Stato attuale attivo

Boing Boing (originariamente bOING bOING) è una pubblicazione, inizialmente nata come rivista cartacea ed in seguito diventata un blog in internet. Secondo Technorati è il sesto blog più visitato al mondo.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli editori di Boing Boing, 2008. Da sinistra a destra: David Pescovitz, Xeni Jardin, Cory Doctorow, Mark Frauenfelder.

Boing Boing nacque nel 1988, pubblicato inizialmente come rivista cartacea fondata da Mark Frauenfelder e Carla Sinclair. Nonostante il buon riscontro che la rivista ebbe sulla scena cyberpunk e le buone vendite considerando il settore di riferimento, la rivista fu chiusa dopo appena un numero per via del fallimento del suo editore.[2]

Frauenfelder, già autore della rivista Wired, decise di riavviare nel 1995 Boing Boing, ma stavolta in forma di pagina web. Nel gennaio 2000 il sito fu trasformato in un blog, ed a Fraunfelder, si unirono altri autori che avevano collaborato con lui in Wired. Fra questi Cory Doctorow, David Pescovitz e Xeni Jardin. Oltre ai contributi del gruppo di blogger fisso, su Boing Boing collaborano occasionalmente anche blogger provenienti da altre testate.

La popolarità del blog Boing Boing aumenta enormemente, facendolo diventare uno dei blog più frequentati al mondo[1] grazie a circa tre milioni di visitatori unici al mese e 600.000 iscritti.[3] Nel 2004 e nel 2005 ha vinto il riconoscimento Blog Award come "Miglior Blog americano" e "Miglior gruppo di blogger", ed è stato nominato nel 2006 per i Webby Awards.[4][5][6]

Nell'agosto 2007 il blog è stato ampliato, affiancandogli Boing Boing Gadgets, blog dedicato all'elettronica di consumo, curato da Joel Johnson, precedente editore di Gizmodo. Ad ottobre 2007 viene introdotto anche Boing Boing TV.

Il contenuto del blog è sotto licenza Creative Commons.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Technorati Top 100 (1–25)
  2. ^ (DE) Elektrischer Reporter: Videointerview mit Cory Doctorow, abgerufen am 22. Januar 2009
  3. ^ BoingBoing - Federated Media Publishing, abgerufen am 24. Januar 2009
  4. ^ Bloggies 2004 Siegerverkündung, abgerufen am 22. Januar 2009
  5. ^ Bloggies 2005 Siegerverkündung, abgerufen am 22. Januar 2009
  6. ^ 10th Annual Webby Awards Nominees, abgerufen am 24. Januar 2009
  7. ^ Boing Boing ‚Copyright Notice‘, abgerufen am 22. Januar 2009

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]