Boerewors

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Boerewors cruda

Boerewors è una salsiccia spiraliforme tipica della cucina sudafricana. Il nome deriva dall'olandese boer ("contadino") e dall'afrikaans wors ("salsiccia").

Gastronomia[modifica | modifica sorgente]

Il boerewors è composto da carne di manzo tritata grossolanamente (a volte combinata con carne tritata di suino, agnello o entrambi) e condita con spezie[1].
È servito spesso insieme al pap, una polenta tradizionale bantu, il cui nome però deriva dall'olandese Pap (polenta).
Il boerewors è molto comune anche in Paesi diversi dal Sudafrica quali Australia, Paesi Bassi, Regno Unito, Stati Uniti d’America e Irlanda.

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

Si parla di boerewors nel racconto della scrittrice sudafricana Nadine Gordimer Beethoven era per un sedicesimo nero (Ed. Feltrinelli, 2010). Il protagonista visita le township della città di Kimberley alla ricerca d'improbabili parenti, figli illegittimi come lui di un suo antenato cercatore di diamanti, si ferma ad una bancarella e «...mangiò un panino con un boerewors a una bancarella, chiedendolo in afrikaans, la lingua che veniva parlata tutt'intorno a lui»

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Boerewors Recipe in africhef.com. URL consultato il 18/04/2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina