Boemondo I d'Antiochia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Boemondo I di Antiochia)
Boemondo e il Patriarca Daimberto in navigazione verso la Puglia. Miniatura da una edizione della Histoire d'Outremer del XIII secolo.

Boemondo I d'Altavilla, o Boemondo I d'Antiochia o Boemondo di Taranto (1058 ? – Canosa di Puglia ?, 7 marzo 1111), Principe di Taranto[1], fu uno dei comandanti della Prima Crociata[2], nel corso della quale si insignorì del Principato di Antiochia. Sposò nel 1106 Costanza figlia del re di Francia Filippo I.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Boemondo nella descrizione di Anna Comnena

Ritratto immaginario di Boemondo

La figlia dell'Imperatore, Anna Comnena, ha lasciato un bel ritratto di Boemondo nella sua Alessiade; lo incontrò per la prima volta nel 1097, quando lei aveva 14 anni e ne restò affascinata. Anna non ha lasciato alcun ritratto similare di qualsivoglia altro principe crociato. Di Boemondo scrisse:

« Ora [Boemondo] era uno, per dirla in breve, di cui non s'era visto prima uguale nella terra dei Romani, fosse barbaro o Greco (perché egli, agli occhi dello spettatore, era una meraviglia, e la sua reputazione era terrorizzante). Lasciate che io descriva l'aspetto del barbaro più accuratamente: egli era tanto alto di statura che sopravanzava il più alto di quasi un cubito, sottile di vita e di fianchi, con spalle ampie, torace possente e braccia poderose. Nel complesso il fisico non era né troppo magro né troppo sovrappeso, ma perfettamente proporzionato e, si potrebbe dire, costruito conformemente ai canoni di Policleto... La sua pelle in tutto il corpo era bianchissima, e in volto il bianco era temperato dal rosso. I suoi capelli erano biondastri, ma egli non li teneva sciolti fino alla vita come quelli di altri barbari, visto che l'uomo non era smodatamente vanitoso per la sua capigliatura e la tagliava corta all'altezza delle orecchie. Che la sua barba fosse rossiccia, o d'un altro colore che non saprei descrivere, il rasoio vi era passato con grande accuratezza, sì da lasciare il volto più levigato del gesso... I suoi occhi azzurri indicavano spirito elevato e dignità; e il suo naso e le narici ispiravano liberamente; il suo torace corrispondeva alle sue narici e queste narici... all'ampiezza del suo torace. Poiché attraverso le sue narici la natura aveva dato libero passaggio all'elevato spirito che gli traboccava dal cuore. Un indiscutibile fascino emanava da quest'uomo ma esso era parzialmente contrassegnato da un'aria di terribilità... Era così fatto di intelligenza e corporeità che coraggio e passione innalzavano le loro creste nel suo intimo ed entrambi lo rendevano incline alla guerra. Il suo ingegno era multiforme, scaltro e capace di trovare una via di fuga in ogni emergenza. Nella conversazione era ben informato e le risposte che dava erano fortemente inconfutabili. Quest'uomo del tutto simile all'Imperatore per valore e carattere, era inferiore a lui solo per fortuna, eloquenza e per qualche altro dono di natura. »

Un indiscutibile fascino emanava da quest'uomo ma esso era parzialmente contrassegnato da un'aria di terribilità..., ricorda Anna; ma qualche studioso più attento e avveduto ha rilevato che i termine greci tradizionalmente tradotti con un'aria di terribilità, corrisponderebbero a qualcosa come un olezzo terribile; d'altronde è del tutto naturale che la scarsa abitudine all'igiene del barbaro abbia colpito il sensibile olfatto di una principessa bizantina attenta nondimeno ai muscoli del suo torace...

Origine e nome[modifica | modifica sorgente]

Blasone degli Altavilla di Sicilia.

Boemondo fu il figlio primogenito di Roberto il Guiscardo, duca di Puglia e di Calabria, nato durante il matrimonio di quest'ultimo con Alberada di Buonalbergo, che fu più tardi ripudiata. Fu battezzato col nome di Marco in onore del santo patrono di San Marco Argentano (secondo una tradizione locale, senza alcun fondamento storiografico e/o documentario), ma diventò noto come Boemondo a causa di una leggendaria creatura biblica che portava tale nome, il Behemoth[3]. Fino al 1098 firmava i documenti semplicemente come Roberti ducis filius. Suo figlio e successore si riferiva a lui semplicemente come magnus Boamundus. Inoltre, a causa della sua controversia con il fratello per il ducato di Puglia, fu chiamato dux Apuliae da alcuni cronisti. Tuttavia, il titolo utilizzato più frequentemente, dagli altri capi crociati durante la sua vita ed in seguito, fu Principe d'Antiochia (Antiocenus princeps)[4]

Scontri con i bizantini[modifica | modifica sorgente]

Servì sotto suo padre nel grande attacco ai Balcani contro l'Impero bizantino (1080-1085) e comandò l'esercito normanno durante l'assenza del Guiscardo (1082-1084), penetrando in Tessaglia così come a Larissa, venendo però respinto da Alessio I Comneno. Quest'antica reciproca ostilità ebbe grande influenza nel determinare il corso della politica del regno dell'Imperatore nel periodo che va dall'epoca di Boemondo (che suo padre aveva destinato al trono di Costantinopoli) a quella di Ruggero II.

Quando Roberto il Guiscardo morì nel 1085, mentre il suo fratellastro minore Ruggero Borsa ereditava la Puglia e altri territori italiani, Boemondo avrebbe dovuto ereditare i possedimenti balcanici di suo padre, che tuttavia furono persi subito per mano dei Greci. I fratellastri pervennero così ad un aperto contrasto che fu infine risolto grazie alla mediazione di papa Urbano II, il quale ottenne per Boemondo il riconoscimento di alcuni possedimenti intorno a Taranto. Boemondo quindi riceveva da parte della matrigna Sichelgaita un piccolo principato (un possedimento allodiale) come compenso per la rinuncia ai suoi diritti sul ducato di Puglia. Ma egli mirava a conseguire un prestigio assai maggiore per sé: il cronista Romualdo Guarna disse di Boemondo che «egli sempre cercava l'impossibile».

Nel 1096 Boemondo, insieme a suo zio Ruggero I il Gran Conte di Sicilia, stava assediando Amalfi che s'era rivoltata contro il duca Ruggero, allorché bande di Crociati cominciarono ad attraversare l'Italia per dirigersi in Terra Santa. Lo zelo crociato conquistò Boemondo: è possibile che egli abbia visto nella Prima Crociata l'opportunità di realizzare la politica paterna di una espansione verso oriente e avesse sperato, in una prima fase, di ritagliare per se stesso un principato orientale. Goffredo Malaterra con schiettezza afferma che Boemondo prese la Croce con l'intenzione di razziare e conquistare terre greche.

La partecipazione alla Prima Crociata e conquista di Antiochia[modifica | modifica sorgente]

Al Terzo concilio di Melfi, dal 10 al 17 settembre 1089, il Papa Urbano II bandisce la prima Crociata. Il Pontefice, insieme ai fratellastri normanni Ruggero Borsa e Boemondo I, getta le basi per costituire una lega allo scopo di liberare dai musulmani la Terra Santa. Inizia, così, la predicazione per la crociata, che sarà formalmente indetta, in seguito, a Clermont.

Boemondo radunò un esercito normanno, forse la miglior compagine dello stuolo crociato: sicuramente il suo contingente non era particolarmente numeroso, assommando all'incirca 500 uomini[5] su un totale di circa 35.000 crociati[6]. Alla testa del suo esercito egli traversò, partendo da Trani, il Mare Adriatico e, dopo essere sbarcato a Durazzo, si diresse per la Via Egnatia alla volta di Costantinopoli percorrendo, sotto la prudente scorta di Peceneghi inviatagli incontro dall'Imperatore di Costantinopoli, la via che egli aveva tentato di seguire nel 1084. Fece grande attenzione a osservare un atteggiamento "corretto" nei confronti di Alessio e quando arrivò a Costantinopoli nell'aprile 1097 rese omaggio all'Imperatore.

Mentre Baldovino di Boulogne e Tancredi d'Altavilla si dirigevano verso est dall'Asia Minore per stabilirsi nella Contea di Edessa, l'esercito principale della Prima Crociata continuò verso sud per assediare Antiochia. Boemondo fu il primo a prender posizione davanti ad Antiochia (ottobre 1097) e prese parte in modo massiccio all'assedio della città, sconfiggendo i tentativi dei musulmani di portar soccorso da est e mantenendo i collegamenti a ovest degli assedianti col porto di San Simeone e con le navi genovesi che erano alla fonda. Con oltre quattrocento torri, la città era quasi impenetrabile. L'assedio si protrasse per tutto l'inverno, con grandi difficoltà tra i crociati, che furono spesso costretti a mangiare i propri cavalli, o, secondo la leggenda, i corpi dei loro compagni cristiani che non sopravvivevano.

Comunque, Boemondo convinse una guardia di una torre, un cristiano convertito di nome Firouz, a permettere ai Crociati di entrare in città. Questo accadde il 3 giugno 1098, e seguì un grande massacro di musulmani. Solo quattro giorni dopo, un esercito musulmano proveniente da Mossul guidato dall'atabeg Kerbogha arrivò ad assediare gli stessi Crociati. Alessio I Comneno, l'Imperatore bizantino, stava venendo in soccorso dei cristiani, ma tornò indietro quando gli giunse notizia che la città era già stata riconquistata dai musulmani.

Tuttavia, i Crociati stavano ancora fronteggiando l'assedio, con l'aiuto di un mistico chiamato Pietro Bartolomeo. Pietro annunciò di aver avuto una visione di Sant'Andrea Apostolo, che gli avrebbe detto che la lancia di Longino, che aveva trafitto il costato di Cristo sulla croce, si trovava ad Antiochia. Si scavò sotto la cattedrale di San Pietro, e la lancia fu trovata da Pietro stesso. Anche se molto probabilmente questa era stata messa lì da lui stesso (questa era l'opinione anche di Ademaro di Le Puy, legato papale), ciò risollevò il morale dei crociati. Con la reliquia appena scoperta alla testa dell'esercito, Boemondo marciò incontro a Kerbogha, che fu miracolosamente sconfitto — miracolosamente perché, secondo i Crociati, un esercito di santi apparve sul campo di battaglia in loro aiuto.

Il controllo della città fu oggetto di una lunga disputa. Vi erano nell'esercito dei Franchi nove conti preposti al loro comando, Boemondo li raccolse a consiglio e domandò a chi dovesse andare Antiochia una volta conquistata, si accordarono, dato che ognuno la richiedeva per sé, a guidare l'assedio una settimana l'uno, concordando che essa sarebbe andata a chi, nella sua settimana, sarebbe riuscito ad espugnarla.[7]A seguito del corrompimento della guardia Firouz ci riuscì Boemondo e fu così nominato Principe dagli altri capi crociati[8].

Carta politica del vicino Oriente nel 1102, subito dopo la Prima Crociata.
Blasone di Boemondo d'Antiochia attribuito a posteriori.
Liberazione di Boemondo, miniatura da un ms. del XII secolo
Matrimonio con Costanza, miniatura da un ms. del XII secolo

Boemondo fece valere le sue pretese contro Raimondo IV, che sosteneva i diritti di Alessio e ottenne il pieno possesso di Antiochia nel gennaio 1099. Si trattenne quindi nelle vicinanze della città conquistata per rendere sicure le proprie posizioni, mentre gli altri Crociati si spostavano a sud per la conquista di Gerusalemme.

Il declino e la morte[modifica | modifica sorgente]

Si recò a Gerusalemme nel Natale del 1099, quando Dagoberto da Pisa fu eletto patriarca, forse al fine di impedire la crescita di un forte potere lotaringio nella città. Tutto faceva sembrare che Boemondo fosse destinato a gettare le fondamenta di un grande principato ad Antiochia che avrebbe potuto contenere Gerusalemme. Aveva un buon territorio, una buona posizione strategica e un esercito forte. Doveva però fronteggiare due grandi forze: l'Impero bizantino, che reclamava tutti i suoi territori appoggiato nella sua pretesa da Raimondo di Tolosa, e le forti municipalità musulmane del nord-est della Siria. Contro queste forze egli fallì.

Nel 1100, nella battaglia di Melitene fu catturato dai Danishmendidi di Sivas e languì in prigione fino al 1103. Il nipote Tancredi prese il suo posto ma nel frattempo Raimondo s'installava con l'aiuto di Alessio a Tripoli e riusciva così a contenere l'espansione verso sud di Antiochia.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Battaglia di Harran.

Riscattato nel 1103 dalla generosità del principe armeno Kogh Vasil, Boemondo ebbe come suo primo obiettivo quello di attaccare le vicine potenze musulmane per garantirsi rifornimenti. Nell'attaccare tuttavia Harran nel 1104 egli fu severamente sconfitto sul fiume Balikh, presso al-Raqqa, sull'Eufrate. La disfatta fu decisiva, rendendo irrealizzabile quel grande principato orientale che Boemondo aveva progettato. Seguì un attacco greco in Cilicia e, disperando delle sue proprie risorse, Boemondo tornò in Europa per cercare rinforzi al fine di difendere la sua posizione. Giunto a Roma, Boemondo riuscì a convincere il papa Pasquale II della perfidia Graecorum e così il legato pontificio Bruno di Segni (che accompagnò Boemondo in Francia) ricevette l'incarico di predicare la guerra santa contro Bisanzio. A Saint-Léonard-de-Noblat davanti all'urna di san Leonardo Boemondo depose delle catene d'argento in ricordo di quelle che per tre anni gli avevano torturato il corpo nella prigione di Gümüştekin[9]. Poi si trovò a Chartres con il re di Francia Filippo I. La sua personalità affascinante gli fece guadagnare la mano di Costanza, la figlia del sovrano francese Filippo I, che sposò a Chartres nel 1106. Di questo matrimonio Sugerio di Saint-Denis scrisse:

« Boemondo venne in Francia per ottenere con ogni mezzo a sua disposizione la mano di Costanza, sorella di monsignore Luigi, una giovane dama di eccellente educazione, d'aspetto elegante e di splendido viso. Tanto grande era la reputazione del valore del regno di Francia e di monsignore Luigi che anche i Saraceni erano terrorizzati dalla prospettiva d'un tale matrimonio. Ella non fu fidanzata fin quando non venne rotto l'accordo matrimoniale che la legava a Ugo, conte di Troyes, volendosi evitare un altro inadatto partito. Il principe di Antiochia era navigato e ricco di doni e promesse; egli meritò il matrimonio che fu celebrato con grande pompa dal vescovo di Chartres alla presenza del re, di monsignore Luigi, di numerosi arcivescovi, vescovi e nobiluomini del regno. »
Il Mausoleo dove giace Boemondo, a Canosa di Puglia.

In questo modo Boemondo poté reclutare col consenso regio un vasto esercito. Abbagliato dal suo successo, Boemondo decise di usare il suo esercito non per difendere Antiochia contro i Greci, ma per attaccare Alessio. Così fece, ma Alessio aiutato dai Veneziani si dimostrò troppo forte e Boemondo dovette sottomettersi a una pace umiliante col trattato di Devol del 1108, che lo rese vassallo di Alessio, piegandosi a ricevere la sua ricompensa col titolo di Sebastos, con la promessa di rinunciare ai territori disputati e di ammettere un patriarca greco ad Antiochia. D'allora in poi Boemondo fu un uomo finito.

Tornò quindi in Italia nella speranza di trovare mezzi e uomini che gli consentissero di proseguire con efficacia e determinazione la sua politica in Terra Santa, ma nel 1111 morì a Bari[10] e fu sepolto a Canosa di Puglia.

Matrimonio e figli[modifica | modifica sorgente]

Boemondo sposò nel 1106 a Chartres Costanza figlia del re di Francia Filippo I, dalla quale ebbe un solo figlio:

  • Boemondo (1108 circa - 1130) che fu Principe di Taranto e 2º Principe d'Antiochia.

Nella letteratura[modifica | modifica sorgente]

Boemondo compare spesso in cronache e resoconti della Prima Crociata. Inoltre figura tra i co-protagonisti di opere letterarie che hanno come sfondo quell'epopea (come La Gerusalemme liberata del Tasso).

  • Giovan Leone Sempronio, Vincenzo Nolfi, Carlo Sempronio, Il Boemondo ouero Antiochia difesa poema heroico, Bologna: per Carlo Zenero, 1651
  • Alfred Duggan, Count Bohemund è una novella storica riguardante la vita di Boemondo e gli avvenimenti riguardanti la caduta di Gerusalemme nelle mani dei Crociati.
  • Niccolo Molinini, All'ombra della croce: Boemondo (romanzo storico pugliese dell'11. secolo), Corato, Bari 1951
  • Boemondo compare anche nella novella fantastica Pilgermann di Russell Hoban.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Boemondo, durante la sua vita, non appare come principe di Taranto. Questo titolo fu utilizzato per la prima volta nel 1132 da Ruggero II di Sicilia; ed applicato retroattivamente a Boemondo, prima nel 1153 come Antiocenus et princeps Tarentinus nel Codice diplomatico barese ed in seguito comunemente come princeps Tarentinus.
  2. ^ Secondo alcuni autori (Condra, Yewdale, Wendell David e Nicholson) ha comandato la prima crociata fino alla conquista di Antiochia, mentre altri autori (Stevenson, Runciman, Cardini e Madden) ricordano come l'esercito dei "baroni" nella Prima Crociata non avesse un comandante militare in capo, limitandosi ad avere come unica guida spirituale il Legato pontificio, nella persona del vescovo di Le Puy, Ademaro di Monteil.
  3. ^ Carroll Quigley, Weapons systems and political stability: a history, University Press of America, 1983, pag.852
  4. ^ Enciclopedia Treccani
  5. ^ Hiestand, p. 71
  6. ^ Nicolle, p. 21
  7. ^ Italo Pizzi, Letteratura araba pagina 249, U. Hoepli, 1903. URL consultato il 29 luglio 2009.
    «Erano allora, nell'esercito dei Franchi, nove Conti preposti al loro comando: Goffredo e suo fratello il Conte, Boemondo e il figlio d'una sua sorella, Tancredi, Saint-Gilles, Baldovino e altri. Boemondo li raccolse a consiglio e disse loro: Se noi espugneremo questa città d'Antiochia, a chi toccherà essa?- Furon discordi in ciò; ciascuno, anzi, la richiedeva per sé. Egli allora disse: il consiglio migliore è che ciascun di noi ne guidi l'assedio per una settimana e che essa tocchi a quel tale che nella sua settimana l'avrà espugnata.- Così, su questo punto, s'accordarono. Quando venne il turno di Boemondo, Al-Razzâd (lo maledica Iddio!) calò ai Franchi una corda, ed essi così poteron montar sulle mura. V'accorsero anzi in folla e l'uno si trasse dietro l'altro. Vennero quindi alle scolte e le ammazzarono. Così Boemondo figlio di Guiscardo ebbesi in mano la città».
  8. ^ Enciclopedia Treccani
  9. ^ Francesco Cognasso, Storia delle crociate, Dall'Oglio, 1967
  10. ^ Alberto di Aquisgrana, Historia Ierosolimitana, II.XI, p. 177.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie[modifica | modifica sorgente]

Letteratura critica[modifica | modifica sorgente]

  • B. von Kugler, Bohemund und Tancred, Tubingen 1862
  • L. von Heinemann, Geschichte der Normannen in Sizilien und Unteritalien, Leipzig 1894
  • R. Rohricht, Geschichte das Königreichs Jerusalem, Innsbruck 1898
  • R. Rohricht, Geschichte des ersten Kreuzzuges, Innsbruck 1901
  • (EN) Ralph Bailey Yewdale, Bohemond I, Prince of Antioch pagina 38, New York, University of Toronto library, 1924.
  • Raoul Manselli, Normanni d'Italia alla prima crociata: Boemondo d'Altavilla, in "Japigia", XI (1940), pp. 45-79 e 154-184; poi in Italia e Italiani alla prima crociata, Jouvence, Roma 1983
  • (EN) Steven RUNCIMAN, The First Crusade and the Foundations of the Kingdom of Jerusalem in A history of the Crusades, Vol. I, Cambridge, Cambridge University Press [1951], 1965; (traduzione italiana di E. Bianchi, A. Comba, F. Comba, in due volumi: Storia delle Crociate, Torino, Einaudi, 1966 (4ª ed.); ISBN 978-88-06-17481-1). ISBN 978-0-521-06161-2.
  • Dieter Girgensohn, voce BOEMONDO I (Boamundus), Dizionario Biografico degli Italiani, Volume XI (1969), Istituto dell'Enciclopedia italiana Treccani
  • Giuseppe Morea, Marco Boemondo d'Altavilla, Centro di servizio e programmazione culturale regionale: Canosa 1986
  • Benito Paolo Lomonte, Boemondo: principe di Taranto e di Antiochia, Martina Franca 1993
  • William B. Stevenson, La prima Crociat, in Cambridge Medieval History, vol. IV, edizione italiana Garzanti, Milano 1979, pp. 727-8
  • Rudolf Hiestand, Boemondo I e la prima Crociata in Giosuè Musca, Università di Bari. Centro di studi normanno-svevi (a cura di), Il mezzogiorno normanno-svevo e le crociate: atti delle quattordicesime giornate normanno-sveve, Bari, 17-20 ottobre 2000, Bari, Edizioni Dedalo, 2002, pp. 65 - 94. ISBN 978 8822041609.
  • Boemondo: storia di un principe normanno, atti del convegno di studio su Boemondo, da Taranto ad Antiochia a Canosa: storia di un principe normanno (Taranto-Canosa, maggio-novembre 1998), a cura di Franco Cardini - Nunzio Lozito - Benedetto Vetere, Congedo, Galatina 2003
  • Luigi Russo, Oblio e memoria di Boemondo d'Altavilla nella storiografia normanna, in "Bullettino dell'Istituto storico italiano per il Medio Evo", CVI (2004), pp. 139-165
  • Thomas F. Madden, Le Crociate, Torino, Lindau, 2005
  • Jean Flori, Bohémond d'Antioche. Chevalier d'aventure, Paris 2007
  • Luigi Russo, Boemondo: figlio del Guiscardo e principe di Antiochia, (Medievalia; 10), Elio Sellino, Avellino 2009. ISBN 978-88-88991-90-0

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Principe d'Antiochia Successore Armoiries Bohémond d'Antioche.svg
Nuovo Titolo 1098-1111 Boemondo II

Controllo di autorità VIAF: 52981517 LCCN: n80030588