Bob Roberts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bob Roberts
Titolo originale Bob Roberts
Paese di produzione USA, Regno Unito
Anno 1992
Durata 102 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, satirico
Regia Tim Robbins
Soggetto Tim Robbins
Sceneggiatura Tim Robbins
Fotografia Jean Lépine
Montaggio Lisa Zeno Churgin
Musiche David Robbins
Scenografia Richard Hoover, Gary Kosko e Brian Kasch
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Bob Roberts è un film del 1992 scritto, diretto e interpretato da Tim Robbins. Primo film di Robbins alla regia, è una pellicola satirica girata in stile falso documentario su un candidato senatore populista conservatore.

Fu presentato alla Quinzaine des Réalisateurs del 45º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tim Robbins interpreta la parte di un uomo politico, e il film è la sua storia. Figlio adottivo, da giovane vive insieme ai genitori in una comune. Da quella esperienza ricava una sorta di antipatia per i valori progressisti. Diventa cantautore folk di successo, cantando dei suoi valori di "vero statunitense", ad esempio il lavoro duro, e l'orgoglio personale. Spicca in questo periodo iniziale una canzone (che sarà importante nel seguito del film) che fa il verso a chi "non sa fare altro che protestare e lamentarsi". Parallelamente, sviluppa diverse attività affaristiche, che gli procurano un discreto successo economico. Infine, arriva il "debutto in politica".

Il film si dipana poi su un doppio binario: la versione pubblica di Bob, amato e idolatrato dai suoi fans, e alcune oscure vicende che pian piano emergono, il suo "lato oscuro". In particolare, c'è un giornalista, Bugs Raplin, che indaga su questo lato oscuro. Più volte il giornalista tenta di intervistare Bob Roberts. In uno di questi tentativi, in una situazione affollata e concitata, si sente un colpo di arma da fuoco, e Bob Roberts cade a terra ferito. Il resto del film tiene lo spettatore nel dubbio: il giornalista, preso dalla collera per quello che ha scoperto su Roberts, ha tentato di ucciderlo, oppure è lo stesso staff di Bob che ha organizzato una messa in scena? Bob non muore. In seguito, uno dei suoi fan più accesi arriva ad uccidere il giornalista. Il film finisce con Bob, su una sedia a rotelle, che canta al suo pubblico. Un primo piano del piede che tiene il ritmo sembra svelare il dubbio e rivelare la messa in scena.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Quinzaine 1992, quinzaine-realisateurs.com. URL consultato il 29 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema