Blinatumomab

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Blinatumomab
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C2367H3577N649O772S19
Massa molecolare (u) 54.1 kDa
Numero CAS [853426-35-4]
Proprietà chimico-fisiche
Temperatura di fusione °C
Temperatura di ebollizione °C
Indicazioni di sicurezza

Il blinatumomab è un anticorpo monoclonale di tipo murrino, il primo appartenente ad una nuova classe di anticorpi bispecifici chiamati BiTE (bi-specific T-cell engagers), che esercitano un'azione selettiva e dirigono il sistema immunitario umano ad agire selettivamente contro le cellule tumorali. Esso che viene studiato per il trattamento di alcune forme tumorali.

Il blinatumomab agisce in modo specifico sull'antigene CD19, che è presente sulle cellule B, con una singola catena dell'anticorpo, e sull'antigene CD3, con l'altra singola catena dell'anticorpo.[1]

Il farmaco è prodotto dalla MedImmune In., insieme alla Micromet Inc.

Meccanismo d'azione[modifica | modifica wikitesto]

Il Blinatumomab consente ai linfociti T di un paziente di riconoscere la cellula B maligna. Una molecola di blinatumomab combina due siti di legame: un sito per il CD3 delle cellule T e un sito per il CD19 B cellule B bersaglio. Il CD3 è parte del recettore della cellula T. Il farmaco agisce facendo da collegamento tra questi due tipi di cellule e consentendo l'attivazione della cellula T che esercita l'attività citotossica sulle cellule bersaglio.[2]

Applicazioni cliniche[modifica | modifica wikitesto]

Sono attualmente in corso alcuni Clinical Trials che utilizzano il blinatunomab in pazienti con:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) www.ama-assn.org.
  2. ^ M. Mølhøj, S. Crommer; K. Brischwein; D. Rau; M. Sriskandarajah; P. Hoffmann; P. Kufer; R. Hofmeister; PA. Baeuerle, CD19-/CD3-bispecific antibody of the BiTE class is far superior to tandem diabody with respect to redirected tumor cell lysis. in Mol Immunol, vol. 44, nº 8, marzo 2007, pp. 1935-43, DOI:10.1016/j.molimm.2006.09.032, PMID 17083975.
  3. ^ D. Nagorsen, PA. Baeuerle, Immunomodulatory therapy of cancer with T cell-engaging BiTE antibody blinatumomab. in Exp Cell Res, marzo 2011, DOI:10.1016/j.yexcr.2011.03.010, PMID 21419116.
  4. ^ (EN) Safety Study of the Bispecific T-cell Engager Blinatumomab (MT103) in Patients With Relapsed NHL - Full Text View - ClinicalTrials.gov.
  5. ^ (EN) Phase II Study of the BiTE Blinatumomab (MT103) in Patients With Minimal Residual Disease of B-precursor Acute ALL - Full Text View - ClinicalTrials.gov.
  6. ^ (EN) Micromet initiates MT103 phase 2 trial in adult ALL patients.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

BiTE[modifica | modifica wikitesto]

Blinatumomab[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]