Bletilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bletilla
Bletilla striata 1.jpg
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Epidendroideae
Tribù Arethuseae
Sottotribù Coelogyninae
Genere Bletilla
Rchb.f.
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Specie

Bletilla Rchb.f. è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Orchidaceae. È anche conosciuta come orchidea di terra cinese.

Il genere Bletilla comprende alcune specie di orchidee terricole di clima temperato, originarie di Cina, Giappone e Taiwan. Il nome è il diminutivo di Bletia, un genere di orchidee americano così chiamato in onore di Don Luis Blet, un farmacista e botanico spagnolo del XVIII secolo.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Fiore di Bletilla striata

Gli pseudobulbi assomigliano a cormi (bulbo-tuberi) e normalmente stanno al livello del suolo. Ogni pseudobulbo porta molte foglie plichettate lunghe circa 40 cm. L'inflorescienza spunta dal centro del nuovo getto prima che le foglie siano completamente sviluppate nella primavera e all'inizio dell'estate. I fiori possono essere di vari colori, dal bianco al giallo al viola, e tutte le specie hanno quattro pollinia.

Coltivazione[modifica | modifica sorgente]

Le specie di Bletilla sono di solito rustiche, sebbene alcune di esse richiedano protezione dal gelo. È preferibile coltivarle in vasi, con terriccio ben drenante in modo che l'acqua non ristagni attorno alle radici durante la stagione invernale, quando la pianta è in riposo vegetativo. Inoltre è meglio innaffiarle moderatamente all'inizio della stagione di crescita in quanto solitamente le nuove radici iniziano a crescere circa quattro settimane dopo la comparsa dei nuovi germogli.

Fiore di Bletilla ochracea

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Il genere comprende 5 specie[1]:

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bletilla in World Checklist of Orchidaceae, Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 15.10.2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]