Blaise Compaoré

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blaise Compaoré
Blaise Compaoré.jpeg

Presidente del Burkina Faso
Durata mandato 15 ottobre 1987 –
31 ottobre 2014
Predecessore Thomas Sankara
Successore Yacouba Isaac Zida (ad interim)

Dati generali
Partito politico Congresso per la democrazia e il progresso

Blaise Compaoré (Ziniaré, 3 febbraio 1951) è un politico burkinabè, Presidente della Repubblica dal 15 ottobre 1987 al 31 ottobre 2014, giorno delle sue dimissioni.

Ha fondato il partito politico attualmente al potere, il Congresso per la democrazia e il progresso.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Compaoré nacque a Ziniaré, vicino a Ouagadougou, la capitale del Burkina Faso, a quel tempo chiamato Alto Volta. Divenne capitano nell'esercito voltiano e fu Ministro della Giustizia durante la presidenza di Thomas Sankara. Compaoré conobbe Sankara nel 1976 in un centro di addestramento militare in Marocco, e da allora si pensa che Compaoré e Sankara fossero buoni amici. Compaoré ebbe un ruolo importante nel colpo di Stato ai danni di Saye Zerbo e Jean-Baptiste Ouedraogo.

Dal 1985 è sposato con Chantal Compaoré (nata Chantal Terrasson), nipote del defunto presidente della Costa d'Avorio Félix Houphouët-Boigny. Divenne presidente del Burkina Faso il 15 ottobre 1987 in un sanguinoso colpo di Stato in cui egli stesso uccise il suo predecessore Sankara. Compaoré descrisse l'uccisione di Sankara come un "incidente", anche se vi sono forti dubbi. Dopo aver assunto la presidenza, annullò molte delle riforme portate avanti da Sankara, giustificandosi dicendo che la sua politica era una "rettifica" nella rivoluzione burkinabè.

Poco dopo esser diventato Presidente fece eliminare due dei principali leader rivoluzionari, Henri Zongo e Jean-Baptiste Boukary Lingani, accusati di aver tramato contro il regime. La salita al potere di Compaoré diede al paese una stabilità politica che fino ad allora era mancata, a discapito dell'indipendenza economica (appena risollevata dal suo predecessore Thomas Sankara, il cui obiettivo era la cancellazione del debito internazionale, proposta annunciata anche durante il discorso di Sankara sul debito all'Organizzazione per l'Unità Africana del 29 luglio 1987[1]). Il Presidente Compaoré e la Guardia Presidenziale sono stati coinvolti nella morte del giornalista Norbert Zongo ed hanno continuato ad intimidire i media in Burkina Faso, secondo l'ONG Reporter Senza Frontiere.

La responsabilità di Blaise Compaoré nell'assassinio dell'ex-Presidente è stato oggetto della prima azione contro il Burkina Faso, iniziata da Mariam Sankara, vedova di Thomas Sankara[2]. Nell'aprile 2006, il Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite ha emesso una condanna per il fallimento da parte del Burkina Faso nell'investigazione sulle circostanze della morte di Thomas Sankara (e per non aver processato i responsabili della morte di Sankara[3]). Compaoré ha proposto una "Riconciliazione Nazionale" che non ha trovato supporto nell'opposizione.

Compaoré fu eletto presidente nel 1991. Nel 1998 fu rieletto per la prima volta. Nell'agosto 2005 annunciò l'intenzione di candidarsi alle successive elezioni presidenziali. I politici dell'opposizione ritenevano che la candidatura del 2005 fosse incostituzionale, a causa di un emendamento del 2000 che limitava ad un massimo di due mandati presidenziali e ne riduceva la durata da sette a cinque anni, impedendo così a Compaoré di candidarsi per un terzo mandato. I sostenitori di Compaoré contestarono questa tesi, sostenendo che l'emendamento non potesse essere applicato retroattivamente.[4]

Nonostante le obiezioni dell'opposizione, nell'ottobre 2005 la Corte Costituzionale stabilì che, dato che Compaoré era il Presidente in carica nel 2000, l'emendamento non sarebbe stato applicato prima della conclusione del secondo mandato, permettendogli così di presentare la candidatura per le elezioni del 2005. Il 13 novembre 2005 Compaoré fu rieletto presidente, battendo 12 avversari e conquistando l'80,35% dei voti. Successivamente è stato nuovamente eletto per un quarto mandato nel 2010.

Dopo 27 anni di governo, il 31 ottobre 2014 Compaoré si dimette dalla carica di Presidente dopo 4 giorni di proteste di massa per le strade della capitale, rifugiandosi in Costa d'Avorio. Al suo posto prende provvisoriamente il potere il colonnello Yacouba Isaac Zida[5][6]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze burkinabè[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine Nazionale del Burkina Faso - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Nazionale del Burkina Faso
Gran Maestro dell'Ordine al Merito Burkinabè - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito Burkinabè
Gran Maestro dell'Ordine al Merito dello Sviluppo Rurale - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito dello Sviluppo Rurale
Gran Maestro dell'Ordine delle Palme Accademiche - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine delle Palme Accademiche
Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Gioventù e dello Sport - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Gioventù e dello Sport
Gran Maestro dell'Ordine al Merito delle Arti, delle Lettere e della Comunicazione - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito delle Arti, delle Lettere e della Comunicazione
Gran Maestro dell'Ordine al Merito dell'Economia e delle Finanze - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito dell'Economia e delle Finanze
Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Salute e dell'Azione Sociale - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Salute e dell'Azione Sociale
Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Commercio e dell'Industria - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Commercio e dell'Industria

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine de La Pléiade (Francofonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine de La Pléiade (Francofonia)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale al Merito (Guinea) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale al Merito (Guinea)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La dette
  2. ^ Ombre africane: Assassinio di Thomas Sankara. Testimonianze dalla Liberia
  3. ^ [1]
  4. ^ Burkina Faso
  5. ^ Burkina Faso: presidenza transitoria a n.2 guardia presidenziale, ansa.it. URL consultato il 31 ottobre 2014.
  6. ^ Burkina : Le lieutenant-Colonel Isaac Yacouba Zida, président de la transition, burkina24.com. URL consultato il 31 ottobre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente del Burkina Faso Successore Flag of Burkina Faso.svg
Thomas Sankara 15 ottobre 1987 - 31 ottobre 2014 Isaac Yacouba Zida (ad interim)

Controllo di autorità VIAF: 27267233 LCCN: n91086962