Black Sunday (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Black Sunday
Black sunday.JPG
Una scena del film
Titolo originale Black Sunday
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1977
Durata 143 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, thriller
Regia John Frankenheimer
Soggetto Black Sunday
Sceneggiatura Ernest Lehman, Kenneth Ross e Ivan Moffat
Effetti speciali Logan Frazee e Jean Warren Jr.
Musiche John Williams
Scenografia John A. Alonzo
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Black Sunday è un film del 1977 diretto da John Frankenheimer, tratto dall'omonimo romanzo di Thomas Harris.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Siamo nel 1976: la giovane ed attraente palestinese Dahlia Iyad sta progettando con altri colleghi un attentato-strage negli Stati Uniti, da effettuarsi con la complicità di un ex pilota militare americano, Michael J. Lander, che Dahlia si porta a letto; ciò per punire gli americani per il loro sostegno allo stato d'Israele e, allo stesso tempo, per convincerli che se non cambiano alleanza incorreranno in guai ancor peggiori. Dahlia si reca a Beirut, in una villa occupata dai miliziani dell'organizzazione paramilitare a cui appartiene, per discutere gli ultimi dettagli e registrare il messaggio che verrà trasmesso agli americani dopo l'esecuzione dell'attentato. Ma la notte stessa in cui Dalia ha registrato il messaggio, un commando dei Servizi Speciali di Israele, guidato dal maggiore David Kabakov, irrompe armi in pugno nella villa sterminandone tutti gli occupanti tranne Dahlia, sorpresa mentre è sotto la doccia dallo stesso Kabakov che, inspiegabilmente, la risparmia.

Poco tempo dopo, si rivede Kabakov negli USA, che fa ascoltare il nastro della registrazione sequestrato durante l'attacco di Beirut ad alcuni autorevoli membri dell'FBI. La registrazione non lascia dubbi: è in preparazione un grave attentato sul territorio nazionale, ma non si sa dove né come e né quando, anche se si arguisce molto presto. Anche Dahlia è negli USA con il suo amante, un pilota della marina che, dopo essersi fatto sei anni di prigionia in Vietnam dapprima è stato piantato dalla moglie, che se n'è andata con un altro durante la prigionia del marito portandosi con sé i figli, per poi iniziare a dare un po' di testa ed è quindi ridotto a far da pilota ai dirigibili utilizzati per riprese televisive aeree di avvenimenti sportivi. Il suo spirito di revanche nei confronti del Paese che, dopo averlo decorato con stelle varie e altri riconoscimenti, lo ha pressoché dimenticato, lo porta a studiare un attentato-strage trovandosi così in accordo con l'organizzazione palestinese che gli fornisce volentieri, oltre all'amante, anche l'esplosivo necessario e quant'altro. L'idea, infatti, è quella di far esplodere su uno stadio un ordigno dall'alto, trasportato da un dirigibile per riprese televisive: l'esplosione irradierà un paio di centinaia di migliaia di dardi d'acciaio, con un numero di vittime previste intorno alle 80.000 persone. L'esplosivo e i dardi - questi ultimi nascosti in statuette della Madonna - giungono al porto di New York su una nave battente bandiera libica. I due amanti-attentatori imbarcano su un motoscafo l'esplosivo: vengono sorpresi da una motovedetta della guardia costiera ma riescono a scappare. Intanto l'FBI e Kabakov, indagando, giungono anch'essi alla nave libica, ma troppo tardi. Urge quindi avere i connotati della donna: Kabakov incontra il colonnello Riat, eminente esponente del KGB, convincendolo a fornirgli informazioni su Dahlia. Riat non se lo fa dire due volte, e ne fornisce fotografia ed un dettagliato curriculum. Giunge però negli USA anche uno dei capi dell'organizzazione palestinese, Fasil, per ordinare a Dahlia di soprassedere: non solo non ci riesce, ma viene anche riconosciuto dall'FBI e ci lascia le penne, dopo un inseguimento, in una sparatoria sulla spiaggia. Kabakov e l'agente FBI che si occupa del caso, Sam Corley, giungono alla conclusione che l'attentato avrà luogo a Miami durante il Super Bowl, la finale del campionato di football americano, alla quale parteciperà come spettatore, tanto per complicare la vita ai federali, anche il Presidente degli Stati Uniti, che non vuol sentir ragioni per rinunciarvi.

All'ultimo momento però lo sfortunato Lander vuole rinunciare: già declassato da pilota di guerra, ora lo hanno declassato anche da pilota di dirigibili poiché gli vengono imputate le cattive riprese nel corso della precedente partita. Con argomenti e toni da consumata psicologa, Dahlia lo convince a proseguire: il pilota designato verrà da lei eliminato nella sua camera d'albergo con una pistolettata, e Lander, che conosce bene sia il secondo pilota che il team di operatori televisivi volanti, ne prenderà all'ultimo momento il posto con il pretesto che questi si sia ferito accidentalmente. Il piano dei terroristi riesce e, mentre un nugolo mai visto di operatori della sicurezza sorveglia a terra lo stadio, il pericolo giunge dal cielo. Ma il diavolo fa le pentole senza i coperchi: il cadavere del pilota designato viene casualmente scoperto, e l'FBI ne è immediatamente informato: a Corley ed al maggiore israeliano è ormai chiaro da dove giunge la minaccia. A questo punto, Kabakov tenta il tutto per tutto: con un elicottero si getta all'inseguimento di Lander e Dahlia che sono a bordo del dirigibile per compiere la loro missione suicida. Ne deriva un violento conflitto a fuoco a mezz'aria: Kabakov si ritrova nuovamente faccia a faccia con Dahlia, ma questa volta non ha indecisioni e la falcia con una raffica di mitra che abbatte anche Lander. Purtroppo non è ancora finita: il dirigibile, rimasto senza pilota, si è abbassato di parecchio e sfiora paurosamente lo stadio, abbattendo un traliccio di sostegno di alcuni riflettori e causando il panico fra gli spettatori che si abbandonano a un fuggi fuggi generale. Per giunta, Lander è riuscito, prima di morire, ad innescare la miccia dell'ordigno e quindi l'aeromobile può ancora provocare la strage. Kabakov, non senza rischi, appeso ad una corda dall'elicottero, aggancia la coda del dirigibile e trascina via il mezzo aerostatico sul mare aperto. Appena giunti ad una distanza di sicurezza dalla terraferma, Kabakov sgancia la corda e si allontana con l'elicottero mettendosi in salvo. Passano pochi secondi e il dirigibile esplode, ma i dardi di acciaio sono tutti sparati in mare senza causare vittime. Il tentativo di Kabakov ha avuto successo e il pauroso attentato è stato sventato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema