Black Racer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il personaggio Marvel, vedi Black Racer (Marvel Comics).
Black Racer
Universo Universo DC
Lingua orig. Inglese
Alter ego William "Willie" Walker
Autore Jack Kirby
Editore DC Comics
1ª app. aprile 1971
1ª app. in New Gods (vol. 1) n. 3
Sesso Maschio
Etnia Afroamericano
Luogo di nascita Terra
Abilità
  • Volare attraverso lo spazio
  • Passare attraverso oggetti solidi
  • Immortalità
  • Portare la morte con un tocco

Black Racer (in italiano tradotto anche come Nero Corridore[1]) è un personaggio immaginario, una divinità ed un avatar dell'Universo DC. Comparve per la prima volta in New Gods vol. 1 n. 3 (luglio 1971) e fu creato da Jack Kirby.

Nel nome e nell'idea si rifà al personaggio Marvel Silver Surfer, creato dallo stesso Kirby.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Black Racer è la personificazione della morte nel Quarto Mondo dell'universo DC.

La forma corporea di Black Racer è quella del sergente William Walker, rimasto paralizzato dopo la guerra del Vietnam e ora costretto a letto. Walker fu contattato dalla Fonte quando Darkseid portò la guerra degli Dei sulla Terra, e gli fu detto che era sua responsabilità avere un ruolo in essa. Il Racer fa uso di quello che sembrano essere un paio di sci come mezzo di trasporto, simile allo "snowboard" di Silver Surfer, altra creazione di Kirby. I Nuovi Dei vengono presi da Black Racer al momento della loro morte, e portati nell'Ade (versione del Quarto Mondo del nostro Ade).

Secondo Capitan Atom n. 42, il Black Racer rappresenta "la morte come inevitabilità", come la Morte degli Infiniti rappresenta "la morte come un rilascio compassionevole". Tutto ciò fu contestato da Neil Gaiman, che affermò che la Morte degli Infiniti è l'incarnazione finale della morte nell'Universo DC.

Durante il crossover Our Worlds at War, giunse per reclamare l'anima di Acciaio, ma Superman riuscì a fargli cambiare idea parlando con lui. Nel crossover Darkseid Vs Galactus, Silver Surfer fu in grado di ritardare l'arrivo di Racer quando giunse per reclamare l'anima di Orion, dando tempo alla Scatola Madre di Orion di guarirlo dalle sue ferite.

Sette Soldati[modifica | modifica sorgente]

Nella miniserie Seven Soldiers: Mister Miracle di Grant Morrison, Black Racer comparve come un utilizzatore di una sedia a rotelle (di sicuro non era Walker, in quanto questo Racer era caucasico), dopo la distruzione di Apokolips e di Nuova Genesi. Fece una scommessa con Metron in cui volevano vedere se Mister Miracle sarebbe o no riuscito a salvare i Nuovi Dei. La forma originale di Black Racer comparve brevemente per testare le abilità di Shilo Norman.

Morte dei Nuovi Dei[modifica | modifica sorgente]

Willie Walker fu ucciso nel primo numero della miniserie divisa in otto parti di Death of the New Gods. Fu ucciso dall'Uomo Infinito che gli strappò il cuore. Serifan dei Forever People fu visto uscire dalla sua stanza dopo la sua morte.

Crisi Finale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Crisi Finale.

Black Racer comparve brevemente nel n. 1, presentandosi alla morte di Orion. Come per tutti gli altri Nuovi Dei, la sua comparsa fu ridisegnata; ora indossava un'armatura più liscia somigliante solo in parte alla sua vecchia veste, ed i suoi sci sembrarono molto più delle falci. Lo sketchbook di Crisi Finale affermò che J. G. Jones e Grant Morrison decisero di giocare il nuovo aspetto del Cavaliere Nero in questo nuovo disegno.

Il Black Racer comparve anche alla fine del n. 2, mentre inseguiva Barry Allen/Flash e il proiettile divino che fu sparato indietro nel tempo.

Nel n. 7, Barry e Wally West, inseguiti dal Black Racer, lo portarono ad un Darkseid ferito mortalmente, che decise di prenderlo al loro posto.

Altre versioni[modifica | modifica sorgente]

  • Doorman, personaggio Marvel del gruppo dei Vendicatori dei Grandi Laghi, diventa una personificazione della morte e vola con degli sci in omaggio a Black Racer. Il suo predecessore in questo ruolo, Death-urge, aveva lo stesso mezzo di trasporto.[2]
  • Il Black Racer viene mostrato in un futuro alternativo nella storia di JLA "Rock of Ages", sebbene sembrò un po' diverso in questa linea alternativa.
  • In Crisi Finale n. 6, Wally West suggerì che Black Racer e il Flash Nero sono la stessa persona. In Flash: Rebirth n. 2 quest'idea fu menzionata di nuovo.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sette Soldati della Vittoria: Mister Miracle, ed. Planeta DeAgostini
  2. ^ 404 Uh-ohs! @ Comics Bulletin

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics