Black Mask (rivista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Black Mask
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Lingua inglese
Formato magazine
Fondazione 1920
Chiusura 1951
 

Black Mask è stato un pulp magazine lanciato sul mercato statunitense nel 1920 dal giornalista H. L. Mencken e dal critico George Jean Nathan, allo scopo di supportare le pubblicazioni della prestigiosa rivista letteraria The Smart Set, anch'essa curata da Mencken e che si trovava in crisi.[1] Sotto la guida editoriale di Mencken e Nathan nella nuova rivista apparvero non solo racconti polizieschi, ma anche, come veniva pubblicizzato all'epoca "le migliori storie di avventura, i migliori mystery, le migliori storie romantiche e dell'occulto".

Negli anni 30 e 40 su Black Mask apparvero grandi autori del genere hard-boiled e noir fra cui Dashiell Hammett, creatore di Sam Spade e di Continental Op, Raymond Chandler, Erle Stanley Gardner, Paul Cain, Frederick Nebel, Frederick C. Davis, e Raoul F. Whitfield.

La rivista cessò le pubblicazioni nel 1951.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Black Mask Magazine, The History. URL consultato il 17 novembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura