Bitis arietans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Vipera soffiante
Bitis arietans.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Serpentes
Famiglia Viperidae
Sottofamiglia Viperinae
Genere Bitis
Specie B. arietans
Nomenclatura binomiale
Bitis arietans
(Merrem, 1820)
Areale

Areale

La vipera soffiante (Bitis arietans (Merrem, 1820)) è un serpente della famiglia dei Viperidi.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il corpo è tozzo e la testa, contenente le ghiandole velenifere, è grande con i denti veleniferi che arrivano a 4 cm di lunghezza. Ha una dimensione massima di 190 cm[2]. Visto che con la sua colorazione poco vistosa si mimetizza facilmente, può venire calpestata per sbaglio, e un suo morso può uccidere un uomo adulto[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È una specie diffusa in tutta l'Africa, ad eccezione del Sahara settentrionale e la fascia tropicale[1].

Bilogia[modifica | modifica sorgente]

Se disturbata si gonfia d'aria, che rilascia sotto forma di un forte sibilo, da cui deriva il nome. Il corpo della vipera pesa così tanto che è costretta a spostarsi in modo rettilineo.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di roditori e cattura la preda con un morso con cui inietta molto veleno[4].

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

È una specie ovovivipara e può avere fino a 150 uova anche se la media è molto più bassa[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Bitis arietans in The Reptile Database. URL consultato il 23 luglio 2014.
  2. ^ su www.snakes uncovered
  3. ^ Chris Mattison, il libro completo dei serpenti, 2006, Istituto geografico De Agostini, Novara
  4. ^ Animal,volume 1, 2001, Dorling Kindersley books
  5. ^ Animalitaly Italia - Vipera soffiante, Bitis arietans

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili