BitTornado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
BitTornado
BitTornado su Windows XP
BitTornado su Windows XP
Sviluppatore John Hoffman, a.k.a. Shad0w
Ultima versione 0.3.17
Ultima beta 0.3.18
Sistema operativo Multipiattaforma
Linguaggio Python
Genere Client BitTorrent
Licenza Licenza MIT
(Licenza libera)
Sito web bittornado.com

BitTornado è un client per la rete BitTorrent scritto in linguaggio Python e basato sul client ufficiale di Bram Cohen. È conosciuto anche con il nome di SHAD0W's EXPERIMENTAL BITTORRENT CLIENT, dal soprannome del suo ideatore.

Le origini di un successo[modifica | modifica sorgente]

Sviluppato a partire dal 2003, BitTornado riuscì prepotentemente a imporsi nello scenario perché incluse caratteristiche assai richieste dall'utenza ma non contemplate dal client ufficiale, in particolar modo la possibilità di limitare la banda in ingresso. Funzionalità particolarmente apprezzate dai releaser furono anche informazioni di maggiore dettaglio sullo stato della connessione e la funzione di super seeding (ora inclusa nei client più importanti), che risulta essere particolarmente apprezzata al momento dell'immissione di nuovo materiale nella rete.

La diatriba con BitComet[modifica | modifica sorgente]

Nel gennaio 2007 TheSHAD0W annuncia dalla pagine del forum ufficiale con un furioso comunicato di avere bandito le connessioni con il client BitComet. Il motivo è che BitComet conteneva un hack in grado di alterare la politica con cui BitTornado alloca la banda in modalità super seed. Questa modalità infatti, aprendo pochi slot, privilegia i client più efficienti con lo scopo di accelerare la diffusione nei primi minuti. BitComet era in grado di camuffarsi ottenendo sempre lo slot a discapito degli altri.

La decadenza[modifica | modifica sorgente]

Con l'avvento di client più evoluti BitTornado perde via via la popolarità acquisita nel tempo. L'ultima versione risale al dicembre del 2006 ma non è chiaro se il progetto sia stato abbandonato.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Telematica Portale Telematica: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di reti, telecomunicazioni e protocolli di rete