Birra Forst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Birra Forst
Spezialbier-Brauerei Forst
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1857 a Foresta, Lagundo
Fondata da Johann Wallnöfer e Franz Tappeiner
Sede principale Foresta, Lagundo
Persone chiave Josef Fuchs, fondatore
Settore Alimentare
Prodotti birra
Sito web www.forst.it

Birra Forst (in tedesco Spezialbier-Brauerei Forst) è il maggiore produttore italiano indipendente[1] di birra. Detentore anche del marchio Menabrea.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Bottiglia di Forst da 33 cl
Bottiglia di Sixtus

L'azienda venne fondata nel 1857 a Forst dai meranesi Johann Wallnöfer e Franz Tappeiner. Forst è una località che oggi, col nome di Forst-Foresta è una frazione di Lagundo (Algund), ma all'epoca era frazione di Marlengo, Marling, si trova al termine della superstrada Bolzano-Merano.

Josef Fuchs, il capostipite della famiglia che rilevò nel 1863 l'azienda e che ancora oggi ne possiede le azioni, fece costruire il primo stabilimento della birreria Forst dove è ancora oggi, per servirsi delle notevoli quantità di acqua di sorgente del monte San Giuseppe-Josefsberg.[2]

Nel 1948 la Forst s.p.a. stipulò un contratto con i fratelli siciliani Andrea e Francesco Vesco che assicurava alla costruendo Centro Imbottigliamento Siciliano Prodotti Alimentari (CISPA) di Palermo l'esclusiva per l'imbottigliamento e la fornitura della birra Forst in tutto il territorio siciliano[3].

Un nuovo grande reparto cottura, su progetto della Stahlbau Pichler di Bolzano, è stato inaugurato nel 2011.[4]

Forst Premium
Bottiglia di Forst da 66 cl
Tipo di birra Premium
Nazione Italia
Gradazione alcolica 4,8
Gusto gradevole equilibrato di luppolo e malto
Colore oro scarico
Tipo di fermentazione bassa
Temperatura di servizio 7-10 °C
Sito Forst.it

Nel corso degli anni, la Forst si è sviluppata sino a divenire una delle principali aziende produttrici di birra in Italia. A tutt'oggi l'azienda è di proprietà della famiglia Fuchs-von Mannstein senza essere stata assorbita da una delle grosse aziende straniere che dominano il settore.[1]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

L'azienda produce, nello stabilimento altoatesino, diverse tipologie di birra, tra cui quelle maggiormente diffuse sono:

  • Luxus Light: birra chiara leggera - 2,9% vol
  • 1857: birra chiara, prodotto di punta creato per il 150º anniversario - 4,8% vol
  • Premium: birra chiara di tipo lager - 4,8% vol
  • V.I.P. Pils[5]: birra chiara di tipo pilsener - 5,0% vol
  • Kronen: birra chiara, prodotto principale della Forst - 5,2% vol
  • Sixtus: doppelbock scura, con note di miele e liquirizia - 6,5% vol
  • Heller Bock: bock chiara - 7,5% vol

Inoltre Birra Forst produce due tipi di birra stagionale:

  • Osterbier: birra di Pasqua - 5,4% vol
  • Christmas Brew: birra di Natale di tipo pilsener - 5,2% vol

Altre produzioni[modifica | modifica sorgente]

La birra Forst produce annualmente 700,000 hl di birra, operando principalmente nel mercato nazionale. La società produce anche acqua minerale con marchio Kaiserwasser e altre bevande non alcoliche.[6]

Galleria immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Il settore in Italia è dominato da grandi aziende multinazionali straniere che operano direttamente con le loro etichette o avendo acquisite le maggiori etichette nazionali. Birra Forst è il marchio italiano indipendente di maggiori dimensioni avendo i suoi omologhi cambiato proprietà passando in mani straniere, ad esempio: Birra Moretti (Heineken), Birra Poretti (Carlsberg), Birra Peroni (SABmiller).
  2. ^ Roman Drescher, Bier in Südtirol, op. cit., pp. 91ss.
  3. ^ CISPA
  4. ^ (DE) «Detail. Das Architekturportal», n. 11, 2011 (con fotografie)
  5. ^ Forst V.I.P. Pils http://www.forst.it/it/birre/vip_pils
  6. ^ Vedi sito ufficiale di Kaiserwasser

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Roman Drescher, Bier in Südtirol. Geschichte des Brauereiwesens und Wirtshausbrauereien heute, Raetia, Bolzano, 2012, pp. 90-98. ISBN 978-88-7283-410-7

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]