Birmingham Boys

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Birmingham Boys (let. "i ragazzi di Birmingham") furono un'importante banda di strada londinese durante gli anni venti del XX secolo, in grado di rivaleggiare con il gruppo mafioso del boss italo-inglese Charles "Darby" Sabini per il controllo delle scommesse clandestine sulle corse dei cavalli e di altre attività illegali legate al gioco d'azzardo[1]

La banda era denominata anche Brummagem Boys. Il capo del gruppo era Billy Kimber, che controllava le corse dei cavalli nelle Midlands e nel nord, insieme alle gang di Uttoxeter and Leeds; in particolare formò un'alleanza con i Leeds Crowd. Istituì un secondo quartier generale ad Islington, nella North London, quando strinse un'alleanza con la Hoxton Gang contro la mafia italiana.[2]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ UK Chaps
  2. ^ (EN) The Race Track Gangs - By Dick Kirby. URL consultato il 5 luglio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Steve Chibnall, Steve. Brighton Rock. London: I.B. Tauris, 2005. ISBN 1-85043-400-X
  • Donaldson, William. Brewer's Rogues, Villains, and Eccentrics: An A-Z of Roguish Britons Through the Ages. London: Orion Books Ltd., 2004. ISBN 0-7538-1791-8
  • Huggins, Mike. Horseracing and the British, 1919-39. Manchester: Manchester University Press, 2003. ISBN 0-7190-6529-1
  • Moonman, Eric. The Violent Society. London: Frank Cass & Co., 1987. ISBN 0-7146-3309-7
  • Wright, Alan. Organised Crime. Portland: Willan Publishing, 2006. ISBN 1-84392-140-5

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]