Bione di Boristene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bione di Boristene (? – ...) è stato un filosofo greco antico appartenente alla scuola cinica; vissuto nel III secolo a.C.[1]. Figlo di un commerciante e di un'etera, divenne schiavo di un retore che lo liberò lasciandolo erede di tutti i suoi beni. Esercitò l'attività di oratore girovago di discorsi ispirati al cinismo e allo stoicismo trattati anche con toni umoristici dando inizio al genere letterario delle διατριβαί diatribe la cui invenzione gli viene attribuita. Bione è considerato l'autore del cosiddetto "cinismo edonistico" poiché i toni severi della dottrina cinica per influsso del cirenaico Teodoro Ateo vengono notevolmente attenuati dall'opposta dottrina edonistica: questo diverso cinismo riscosse presso gli intellettuali del tempo un certo favore che portò alla pubblicazione delle diatribe delle quali sono a noi pervenuti pochi frammenti.

Del suo rapporto col re macedone Antigono Gonata esistono alcuni aneddoti come quello riguardante la sua nascita: «al re di Macedonia Antigono Gonata che gli chiedeva di chi fosse il figlio rispose: 'di un vecchio schiavo furfante e di una prostituta'»[2] e in altri episodi riferiti da Diogene Laerzio[3] [4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Guido Calogero, Enciclopedia Italiana (1930) alla voce corrispondente
  2. ^ Rosella Frasca, Donne e uomini nell'educazione a Roma, La nuova Italia, 1991 p.72
  3. ^ Le vite dei filosofi di Diogene Laerzio, Volume 1, Tipografia Molina, 1842 p.352
  4. ^ Citato anche da Giacomo Leopardi - Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura, Pagina 4469 :«Τῷ Βίωνι (Boristenita, filosofo) δοκεῖ μὴ δυνατὸν εἶκαι τοῖς πολλαῖς ἀρέσκειν, εἰ μὴ πλακοῦντα γενόμενον ἢ ϴάσιον. (Dio Chrys. Orat, 66. de gloria, p. 612. ed. Reisk.) Bione diceva: non è possibile piacere ai più, se tu non divieni un pasticcio o un vin dolce»

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hoogvliet, De vita, doctrina et scriptis Bionis, Leida 1821
  • O. Hense, in Proleg. alle Teletis reliquiae; e cfr. id., B. bei Philon, in Rhein. Museum, XLVII (1892), pp. 219-240
  • Überweg, Grundriss d. Gesch. d. Philos., I, 12ª ed., p. 130 dell'Appendice (Notizie bibliografiche)

Controllo di autorità VIAF: 77115578