Biogeografia insulare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La biogeografia insulare è un campo d'indagine della biogeografia che esamina i fattori che condizionano la ricchezza di specie animali e vegetali entro comunità naturali geograficamente isolate. La teoria fu inizialmente sviluppata per spiegare la distribuzione e l'abbondanza di specie su isole vere e proprie, ma è stata successivamente estesa allo studio di altri ambienti circondati da una matrice differente, come frammenti forestali, cime montuose, e laghi circondati da zone asciutte[1]. Attualmente è applicata allo studio di qualunque ecosistema circondato da ecosistemi differenti. Come campo d'indagine, la biogeografia insulare è stata fondata negli anni '60 del XX secolo dagli ecologi Robert MacArthur e E.O. Wilson,[2] che coniarono il termine biogeografia insulare.

Definizione[modifica | modifica sorgente]

Teoria[modifica | modifica sorgente]

La teoria della biogeografia insulare prevede che il numero di specie che si possono trovare su una certa isola dipenda dal bilancio dinamico dei fenomeni di immigrazione ed estinzione che si verificano localmente sull'isola. L'immigrazione e l'emigrazione sono condizionate dalla distanza di ciascuna isola dalla sorgente di colonizzazione (effetto distanza), che di norma è rappresentata dal continente, ma può anche essere un'altra isola. Isole più isolate hanno minore probabilità di ricevere coloni proveniente da altre isole o dal continente.

Il tasso di estinzione delle specie stabilitesi sull'isola dipende invece dalle dimensioni dell'isola (effetto area, descritto dalla curva specie-area). Isole di maggiore estensione avranno habitat geograficamente più estesi e una maggiore varietà di habitat differenti. Habitat più estesi si traducono in una minore probabilità di estinzione a causa di fenomeni casuali, mentre una maggiore eterogeneità ambientale garantisce più alte probabilità che la colonizzazione abbia successo a seguito dell'immigrazione.

La teoria della biogeografia insulare predice che il numero di specie rinvenute su una certa isola dipenderà dall'equilibrio tra le forze contrastanti di estinzione e immigrazione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sahney, S., Benton, M.J. & Falcon-Lang, H.J., Rainforest collapse triggered Pennsylvanian tetrapod diversification in Euramerica (PDF) in Geology, vol. 38, 2010, pp. 1079–1082, DOI:10.1130/G31182.1.
  2. ^ MacArthur, R. H. and Wilson, E. O. 1967. The Theory of Island Biogeography. Princeton, N.J.: Princeton University Press.

Letture[modifica | modifica sorgente]

MacArthur, R. H. and Wilson, E. O. 1967. The Theory of Island Biogeography. Princeton, N.J.: Princeton University Press.