Bimbo (lingua inglese)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bimbo è un termine emerso nel linguaggio popolare americano degli anni dieci e venti del XX secolo per descrivere un uomo stupido. L'Oxford English Dictionary cita un numero dell'American Magazine del 1919 come prima fonte scritta ad usare la parola. Non vi sono spiegazioni sulla nascita del termine né su un eventuale uso dispregiativo del termine italiano indicante un bambino, un fanciullo, anche se certi pregiudizi razziali emersi negli USA del tempo possono far pensare a questo uso.

Nel giro di un decennio, a partire dagli anni trenta, la parola ha volto il suo uso verso un altro genere criticabile, quello delle donne fisicamente molto attraenti e sciocche. Non è stato condotto un cambio di genere del termine, né ha preso forza l'uso di una desinenza alla francese (bimbette), restando l'espressione in uso bimbo al singolare e bimbos al plurale.

Esempi diversi di uso del termine[modifica | modifica sorgente]

  • Nel film Chinatown, J.J. Gittes (interpretato da Jack Nicholson) usa il termine nella sua accezione originale, chiedendo al proprio barbiere: "Who is this bimbo, Barney? Is he your regular customer or what?", riferendosi ad un uomo che lo aveva fatto arrabbiare.
  • Nel 1997 la band danese Aqua ha usato il termine "bimbo" nel suo significato di bionda stupida ("I'm a blonde bimbo girl..."), nella canzone Barbie Girl, cosa che ha portato ad un'azione legale da parte della Mattel, per l'immagine fortemente negativa data alla sua popolarissima bambola.
  • Binbō Danshi, dorama del 2008 in cui il protagonista è un giovane ingenuo e un po' sciocco.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]