Billy Cobham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Billy Cobham
Billy Cobham nel 2005
Billy Cobham nel 2005
Nazionalità Panamá Panamá
Genere Jazz
Fusion
Funk
Rock
Soul
Periodo di attività 1968 – in attività
Strumento batteria, percussioni
Etichetta CTI Records
Album pubblicati 41
Gruppi e artisti correlati Miles Davis, Mahavishnu Orchestra
Sito web

Billy Cobham (Panamá, 16 maggio 1944) è un batterista, percussionista e compositore panamense.

Musicista di talento , Cobham ha saputo spaziare da un genere all'altro senza porre alcun limite alla sua musica, e ciò è dimostrato da una vasta discografia e dalle numerose collaborazioni con artisti provenienti da tutto il mondo. Dalla fine degli anni sessanta ha rivoluzionato il modo di concepire le parti destinate alla batteria, apportando forza creativa all'ambito ritmico . Per questi fattori è riconosciuto come uno tra i più virtuosi per la sua potenza e tecnica percussiva.

Ha raggiunto l'apice della fama a metà degli anni settanta divenendo uno dei musicisti più imitati nell'ambito jazz, fusion e rock, ed è stato insignito con il "World Class Master", premio alla carriera che viene consegnato a quei musicisti che con passione hanno portato un contributo all'arte della musica avendo anche innumerevoli collaborazioni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Panamá, a 3 anni si trasferisce a New York con tutta la sua famiglia. In questa metropoli frequenta la High School of Music and Art, diplomandosi nel 1962.

Ad una domanda su quali fossero state le tecniche dei batteristi da lui maggiormente studiate rispose:

« Ho studiato le tecniche di Max Roach, Art Blakey, Roy Haynes ma anche molti altri grandi del jazz, ecco da dove sono nato. »

L'esordio nel mondo del jazz[modifica | modifica wikitesto]

Terminati gli studi entra nella banda dell'esercito degli Stati Uniti dal 1965 al 1968. In seguito al congedo, Cobham viene contattato dal pianista Horace Silver ed entra nel suo gruppo per circa un anno (vi rimane otto mesi, durante i quali partecipa a molti concerti dei quali oggi rimangono alcune registrazioni video, disponibili anche in rete). Nello stesso periodo suona e registra con il sassofonista Stanley Turrentine, l'organista Shirley Scott, ed anche con George Benson.

Nel 1969 si unisce al gruppo jazz rock "Dreams" di cui fanno parte i fratelli Randy e Michael Brecker ed il chitarrista John Abercrombie.

In contemporanea lo chiama Miles Davis e lo fa suonare con lui in diversi dischi tra cui A Tribute to Jack Johnson e il celebre Bitches Brew (che ha dato vita in un certo senso alla fusion). Fatto strano è che in alcuni dischi del trombettista è uncredited, ma come è stato molte volte spiegato, ciò è dovuto ai problemi contrattuali dell'epoca e alle relative concessioni da parte delle case discografiche.

Il periodo Mahavishnu[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1971 lui e il chitarrista John McLaughlin lasciano Miles Davis e formano la Mahavishnu Orchestra che presto passerà alla storia con due storici dischi. A partire dal brano di apertura Meeting of the Spirits di Inner Mounting Flame, emergono subito un'energia ed una tecnica fuori dal comune e nasce così un nuovo linguaggio musicale.

Questa esperienza gli porterà fortuna e successo perché da quel momento in tanti chiederanno la sua collaborazione.

Esistono molti bootleg e video dei concerti dei tour europeo ed americano, oggetti molto ricercati tra fan.

Ma il sodalizio tra i componenti della Mahavishnu Orchestra si dissolve dopo soli 4 anni, a causa di conflitti artistici ben spiegati in un libro pubblicato recentemente Power, Passion and Beauty: The Story of the Legendary Mahavishnu Orchestra. Billy Cobham, del resto, aveva già in mente di iniziare la sua carriera come solista perché la difficoltà dei brani a cui era sottoposto lo faceva sentire sotto pressione, avvertiva la necessità di sentirsi più libero.

Nel 1973 dopo Inner Mounting Flame e il successivo Birds of Fire la Mahavishnu Orchestra inizia le registrazioni di The Lost Trident Sessions che a causa delle divergenze notevoli tra McLaughlin e Jan Hammer non verrà mai pubblicato fino al 2002; in questo album si notano già alcuni pattern che Cobham inserirà in Spectrum.

Spectrum e gli anni settanta[modifica | modifica wikitesto]

Billy Cobham nel 1974

È sempre nel 1973 che in un momento di grande creatività e libertà artistica esce Spectrum, unanimemente considerato il suo miglior album, ed uno degli album "jazz-rock" più venduti di tutti i tempi. Facendosi così conoscere al mondo come il batterista che univa la scuola e gli arrangiamenti del jazz all'energia del rock.

È enorme il contributo innovativo di quest'album al genere fusion: in esso emergono parti futuristiche e introspettive che antecedono brani ormai divenuti "standard" come Stratus o Red Baron. Non è casuale la scelta del virtuoso Tommy Bolin (cardine fondamentale del disco) oltre a quella di altri musicisti di notevole caratura riconosciuti universalmente come Ron Carter, Lee Sklar, Jan Hammer.

Negli anni 70 Cobham continua comunque a fare da session man lavorando intensamente anche alla realizzazione di brani composti per film e serie televisive come Shaft di Isaac Hayes, Mission Impossible di Lalo Schifrin e molte altre.

Importante è la collaborazione con George Duke presente i molti suoi dischi come A Funky Thide of Sings o Life & Times usando talvolta lo pseudonimo di "Dawilli Gonga". Probabilmente la sua migliore performance è quella avvenuta al Montreux Jazz Festival nel 1976 con Alphonso Johnson e John Scofield e lo stesso George Duke. Da questa collaborazione uscirà Billy Cobham / George Duke Band live in Europe.

Molto importanti per la carriera di Cobham sono gli album: Crosswinds, Total Eclipse e il mistico Inner Conflicts.

Nel 1977 Cobham passa all'etichetta CBS, la quale lo rende maggiormente accessibile a progetti più commerciali. In questi anni produce degli album che mirano alla piacevolezza di ascolto, caratterizzati da una minuziosa pulizia della registrazione e da arrangiamenti raffinati con groove "disco": Magic/ Symplicity of Expression Depth Of Though che contengono brani melodici come Bolinas, Pocket Change e dei brani più impegnativi dal punto di vista tecnico che conservano lo stile esplosivo: La Guernica e "On A Magic Carpet Ride" contenuta nell'album "Magic". In questo gruppo di album alla fine degli anni settanta incide B.C che contiene anche due brani cantati come "Mendocino" e "I don't wanna be without you".

Oltre agli album che lo vedono come leader, rimane notevolmente attivo come session drummer e si focalizza su questa opportunità ancor più alla fine degli anni settanta. John McLaughlin nel 1978 sceglie di nuovo il suo tocco in Electric Guitarist che segna l'inizio di un nuovo periodo per la fusion. Da notare come i due leader non suonavano insieme nello stesso album dal 1973 (Love Devotion Surrender di Santana / McLaughlin), se si esclude la loro presenza nell'album School Days di Staley Clarke pur non registrando insieme nello stesso brano. Sempre nel 1978 esce un album live dal titolo "AliveMutherForYa" dove troviamo un Cobham in piena forma che suona insieme ad Alphonso Johnson, Tom Scott, Steve Khan, e Mark Soskin. Nota: nel disco sono contenuti in versione live 2 brani dall'album "Magic"(1977) dello stesso Cobham.

Gli anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 1979 Billy si trova ad Englewood Cliffs nel New Jersey per registrare il disco New York Slick di Ron Carter. Tra i due c'è sempre stata una grande collaborazione ed un'intesa sin dalle partecipazioni in numerosi album di stelle jazz già affermate. Nei primi anni ottanta infatti si vedono insieme in numerosi concerti con Herbie Hancock nel celebre Trio Hurricane e compaiono insieme nell'album Uptown Conversation dello stesso Ron Carter.

Dal 1980, realizza con l'etichetta CBS nuove collaborazioni e situazioni musicali, suonando dal vivo con i Grateful Dead, Jack Bruce, e perfino nella Saturday Night Live band. Il progetto parallelo Bobby & the Midnites (dei Grateful Dead) lo vede nuovamente impegnato con la band.

Nel 1982 registra tre album per l'etichetta Elektra con la nuova formazione da lui creata e denominata Glass Managerie (con l'esordiente Mike Stern, Gil Goldstein, Tim Landers, Michael Urbaniak). Inoltre viene pubblicato un disco live Flight Time con la presenza del pianista Don Grolnick, che è l'autore del brano The Whisperer incluso nell'album.

Nel 1984 dopo sei anni John McLaughlin vuole nuovamente la sua partecipazione all'album Mahavishnu che conserva ancora il nome del gruppo che li aveva resi celebri Mahavishnu Orchestra. Sarà spesso ospite in trasmissioni televisive europee di cui si ricorda particolarmente quella avvenuta alla trasmissione di RAIUNO Fantastico nel 1986 in cui lui e Tullio De Piscopo vengono accolti da un pubblico caloroso e nella quale si esibiscono in un Drum Contest in diretta. Al termine dello show gli spettatori li acclamano con una lunga ovazione, evento presente oltre che negli archivi Rai anche in un video ospitato su YouTube (vedere collegamenti esterni di questa pagina).

Registra per la GRP Records Powerplay, Picture This, Warning album orientati sempre di più commercialmente nei quali l'artista si avvicina all'elettronica e nei quali avviene un ritorno alle origini con sonorità che ricordano l'Africa miscelato ad un uso di strumentazioni e suoni digitalizzati. Caratteristica originale di questi tre album è che essi sono concepiti per essere reinterpretati e suonati dal vivo. Cobham ritornerà ospite alla RAI nel dicembre del 1987 e gli verrà dedicata una settimana di interviste al programma televisivo D.O.C di Renzo Arbore condotto da Gegè Telesforo.

Nel 1988 viene contattato da Peter Gabriel per la creazione della colonna sonora del film L'ultima tentazione di Cristo diretto da Martin Scorsese, Cobham in una intervista rivelò che un pomeriggio fu chiamato da Gabriel che aveva qualche problema con alcune tracce della colonna sonora, e quella stessa sera le tracce di batteria vennero registrate di getto basando il tutto sull'improvvisazione.

Negli anni successivi continua i suoi tour internazionali, assorbendo una dose vitale di World Music.

Dal 1990 al 2005[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere andato in tour con Peter Gabriel alla fine degli anni 80, dal 1990 al 91 si dedica a diverse collaborazioni e concerti in tutto il mondo suonando anche al WOMAD festival organizzato da Peter Gabriel, sempre nel 1991 esce il video didattico "Drums By Design" nel quale si può ammirare la notevole preparazione tecnica, la creatività e la musicalità di Billy Cobham, nel 1992 esce l'album "By Design" con partecipazioni illustri come Larry Coryell, Sheila Escovedo, Ernie Watts, e Brian Bromberg.

Nel 1994 prodotto da Stanley Clarke esce l'album Live at the Greek dove Cobham voluto dallo stesso Clarke sarà invitato a suonare con amici come Larry Carlton, Deron Johnson e Najee, album live dove vengono interpretati brani storici come All Blues di Miles Davis e Goodbye Pork Pie Hat di Charlie Mingus, ma l'album include anche una versione del classico "Stratus" dello stesso Cobham con due soli da parte di Larry Carlton e Najee.

Ispirato da un soggiorno in Brasile registra l'album The Traveler che esce nel 1994 ma che in realtà contiene brani registrati nel novembre 1983 al Real World Studios di proprietà di Peter Gabriel. Nel 1996 forma una quartetto orientato maggiormente ai suoni acustici chiamato Nordic con tre musicisti norvegesi, con cui registra due album "Nordic" e "Nordic/Off Color". Nello stesso anno si concentra su un progetto prodotto in Germania formando insieme al chitarrista Bill Bickford e al bassista Wolfgang Schmid il trio fusion Paradox da cui prende il nome anche l'album stesso, successivamente nel 1998 il trio realizzerà un secondo album live intitolato "First/Second". Nel 1998 esce anche un album solista dal titolo "Focused" in cui suonano tra gli altri insieme a Cobham il trombettista Randy Brecker, e Gary Husband alle tastiere, nello stesso anno Cobham collabora nuovamente con alcuni elementi della band Grateful Dead e con la partecipazione del bassista Alphonso Johnson registra "Jazz is Dead/Blue Light Rain".

Per tutti questi anni Cobham mantiene la sua attività incessante di touring come leader o con musicisti noti al mondo jazz (tra cui Kenny Baron e l'amico di vecchia data Ron Carter), infatti con quest'ultimi realizza a cavallo tra il 2001 e il 2002 l'album "The Art of Three" un suo particolare progetto che produce insieme all'etichetta tedesca "In and Out records" mirato al voler far conoscere alle nuove generazioni ma naturalmente destinato anche ai cultori del genere il jazz più classico, seguiranno i lavori "The Art of Five" (2002/2003) con la partecipazione del sassofonista Donald Harrison. Nel frattempo escono molteplici antologie e raccolte che tentano di sintetizzare e selezionare il grande lavoro discografico.

Nel 2001 Cobham produce in collaborazione con i fratelli Nicolosi (alias "Novecento storica band italiana degli anni 80) l'album di grande successo mondiale "Drum'n'Voice-All that Groove" con grandi partecipazioni fra le quali Randy e Michael Brecker, l'album venne stampato in tutto il mondo ed ottenne un ottimo successo di pubblico.

Contemporaneamente ai progetti jazz Cobham alterna negli stessi periodi progetti paralleli editi sempre dalla "In and Out records" dedicati ad una sorta di nuova fusion che tende a miscelare i suoni caraibici con il rock e il jazz, da qui Cobham dà vita ai Culturemix che realizzano il primo album nel 2002 intitolato per l'appunto "Culture Mix" seguito nel 2004 da "Colours", sempre nel 2004 Cobham viene contattato dal chitarrista Frank Gambale per registrare l'album di quest'ultimo dal titolo "Raison D'Être", quindi Cobham vola da Mosca a Los Angeles per le sedute di registrazione da cui ne uscirà un album fusion.

Dal 2006 ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Billy Cobham nel 2006

Il 2006 vede Cobham più impegnato che mai: escono diversi lavori, realizza l'album "Drum'n voice 2" prodotto da Nicolosi productions, che sull'onda del precedente "Drum'n'Voice-All that Groove" sfrutta la formula delle partecipazioni straordinarie con ospiti come Jan Hammer, Buddy Miles, John Patitucci, Jeff Berlin, Dominic Miller, Mike Lindup, Airto Moreira, Frank Gambale, Brian Auger, Guy Barker e i Novecento. A questo disco seguirà un tour in giro per l'Italia. Rilascia in questo periodo un'intervista.

Riprendendo il filone della collana dedicata al jazz classico esce nel 2006 "The Art of Four" (sempre con Carter e Harrison) dedicato alla memoria del pianista James Williams che figura nell'album, Nota: Alcune delle registrazioni dell'album risalgono ad un tour estivo del 2001. Ancora nel 2006 Billy Cobham realizza in collaborazione con l'arrangiatore/compositore inglese Colin Towns e con la HR-BigBand un tributo alla Mahavishnu orchestra, un progetto live intitolato "Meeting of the Spirits - a celebration of the Mahavishnu orchestra" edito dall'etichetta (IN and OUT records).

Di recente è uscito il film-documentario Sonic Mirror dedicato all'impegno umanitario di Billy Cobham per i bambini che hanno difficoltà sociali nel Sud America. Il suo ruolo è trasmettere un messaggio di armonia e di forza attraverso il ritmo.

Nel 2007 riprende l'idea di riportare in tour il suo capolavoro Spectrum, infatti è stato di recente impegnato nell'US Spectrum Tour con Dean Brown, Brian Auger e Baron Browne, nel frattempo alterna alcuni concerti con i Culturemix, senza tralasciare un disco del pianista milanese Massimo Colombo dal titolo "Caravaggio" in cui Cobham suona accompagnato al basso da Jeff Berlin. Nel 2008 realizza un disco con la band cubana ASERE dal titolo "Billy Cobham & Asere De Cuba Y De Panama" un lavoro che riporta Cobham alle sonorità della madre patria. Il suo nuovo album studio da solista è "Fruit From The Loom" (2008) album che inizialmente è stato venduto solo on line e di recente stampato in CD (import).

Nel 2008 Cobham realizza un album con la Orrenmaa Band, una band originaria di Helsinki; nell'album inoltre partecipa la sezione fiati della storica funk band Tower Of Power, il titolo dell'album è: Orrenmaa Band - Feat. Billy Cobham & Tower Of Power Horns - Make My Day" A seguire nel 2009 Billy Cobham collabora con il chitarrista fusion Hiram Bullock per un progetto/tributo al chitarrista Jimi Hendrix, L'album porta il titolo: "Hiram Bullock Plays the Music of Jimi Hendrix with Billy Cobham and WDR Big Band Koln".

Nel 2010, esce "Drum'n'voice vol.3", prodotto e arrangiato da Lino Nicolosi e Pino Nicolosi, Nicolosi productions /Novecento. in questo terzo capitolo della collaborazione Cobham/Nicolosi partecipano anche Chaka Khan, Gino Vannelli, George Duke, Bob Mintzer, John Scofield, Brian Auger, Alex Acuna e i Novecento. Quasi contemporaneamente a "Drum'n'voice vol.3" nel 2010 esce anche il nuovo album "Palindrome", dove figurano oltre ai nuovi brani inediti anche alcuni grandi classici di Cobham totalmente ri-arrangiati.

Gli anni tra il 2011 ed il 2013 vedono Billy Cobham impegnato nel lungo "Palindrome Tour", proprio nel 2011 esce un album live di una specifica tappa del tour, intitolato "Billy Cobham Band - Live in Leverkusen", a seguire nel Gennaio del 2013 arriva un altro album live intitolato "Compass Point", che contiene un concerto registrato nel 1997 al Compass Point Hotel, nelle isole Bahamas.

Nel Gennaio 2014 il nuovo album studio di Cobham, intitolato "Tales From The Skeleton Coast".

Formazione attuale[modifica | modifica wikitesto]

  • Billy Cobham - batteria
  • Jean-Marie Ecay - chitarra
  • Michael Mondesir - basso
  • Christophe Cravero - tastiera e violino
  • Camelia Ben Naceur - tastiere

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

1970

  • Billy Cobham - Spectrum (WEA)
  • Billy Cobham - Crosswind (WEA)
  • Billy Cobham - Total Eclipse (WEA)
  • Billy Cobham - Shabazz (WEA)
  • Billy Cobham - A Funky Thide Of Sings (WEA)
  • Billy Cobham - Life and Times (WEA)
  • Billy Cobham - Cobham/Duke Live (WEA)
  • Billy Cobham - Inner Conflicts (WEA)
  • Billy Cobham - Magic (CBS)
  • Billy Cobham - Simplicity of Expression Depth Of Thought (CBS)
  • Billy Cobham - Magic/ Symplicity of Expression Depth Of Thought (Columbia) (2 records in 1 CD)
  • Billy Cobham - B.C (album rarissimo)

1980

  • Billy Cobham - Flight Time (InAkustik)
  • Billy Cobham - Stratus (InAkustik)
  • Billy Cobham - Observations & Reflections (Elektra/Musician)
  • Billy Cobham - Smokin' (Elektra/Musician)
  • Billy Cobham - Warning (Eagle Rock)
  • Billy Cobham - Power Play (Eagle Rock)
  • Billy Cobham - Best Of (Atlantic)
  • Billy Cobham - Picture This

1990

  • Billy Cobham - The Traveler (Eagle Rock)
  • Billy Cobham - Nordic (Eagle Rock)
  • Billy Cobham - Nordic / Off Color (Eagle Rock)
  • Billy Cobham - By Design
  • Billy Cobham - Focused
  • Mississippi Nights: Billy Cobham Live
  • Billy Cobham - Ensemble New Hope Street (Eagle)
  • Billy Cobham - North By NorthWest (Creative MultiMedia Concepts)
  • Billy Cobham - Incoming (K-tel)
  • Billy Cobham - Paradox - Paradox (Enja)
  • Billy Cobham - Paradox - First/Second (Enja)
  • Billy Cobham - Rudiments, The Billy Cobham Anthology (Warner)

2000 - Presente

  • Billy Cobham - Drum'n'Voice-All That Groove (Nicolosi Productions - Just Groove)
  • Billy Cobham - Art Of Three (In And Out Records)
  • Billy Cobham - Billy Cobham Culture Mix (In And Out Records)
  • Billy Cobham's Culture Mix - Colours (In And Out Records)
  • Billy Cobham - The Art Of Five (In And Out Records)
  • Billy Cobham - The Art Of Three, Live in Japan 2003 vol.1 (Sound Hills)
  • Billy Cobham - The Art Of Three, Live in Japan 2003 vol.2 (Sound Hills)
  • Billy Cobham - Drum'n'Voice 2 (Nicolosi Production - Just Groove) 2006
  • Billy Cobham - The Art Of Four (In And Out Records)
  • Billy Cobham/Colin Towns - Meetings Of The Spirits (In And Out Records)
  • Billy Cobham & Asere - De Cuba Y De Panama [Astar Mwldan]
  • Billy Cobham - Fruit From The Loom (Creative Multimedia Concepts)
  • Billy Cobham "Drum'n'Voice vol.3" (Nicolosi Productions Italy for Soul Trade)
  • Billy Cobham - "Palindrome" (Varese Sarabande Records)
  • Billy Cobham & band - "Live in Leverkusen"
  • Billy Cobham - Compass Point
  • Billy Cobham - Tales From The Skeleton Coast

Alcune partecipazioni ad altri album[modifica | modifica wikitesto]

1960

  • Horace Silver - Serenade To A Soul Sister (Blue Note)
  • Horace Silver - You've got to take a little love (Blue Note)
  • Kenny Burrell - God Bless The Child (CTI)
  • Dreams - Dreams (CBS)
  • Dreams - Imagine My Surprise (CBS)
  • Miles Davis - Jack Johnson (CBS)
  • Miles Davis - On the Corner (CBS)
  • Miles Davis - Live Evil (CBS)
  • Miles Davis - Bitches Brew (CBS)
  • George Benson - Giblet Gravy (Verve)
  • Quincy Jones - The Anderson Tapes (A&M)

1970

1980

1990 - Presente

  • Larry Coryell - Spaces Revisited (Shanukie)
  • Larry Coryell - +Live From Bahia (CTI)
  • Stanley Clarke, Larry Carlton, Billy Cobham, Najee Live at the Greek - (Epic)
  • Jazz Is Dead - Blue Light Rain CD(Zebra/WEA)
  • Mahavishnu Orchestra - The Lost Trident Session (Columbia/Legacy)
  • Frank Gambale - Raison D'Être (ESC)
  • Donald Harrison - Heroes (Nagel Heyer)
  • Massimo Colombo - Caravaggio
  • Billy Cobham & Asere - De Cuba Y De Panama [Astar Mwldan]

2000 - Presente

  • Marco Testoni & Hang Camera - Impatiens (Tre Lune Records) 2009
  • Massimo Barbiero Odwalla Kratos & Bia - featuring Billy Cobham - (record Splasc(h)) 2002

Aneddoti e fatti che riguardano la vita di Billy Cobham[modifica | modifica wikitesto]

  • Il primo album di Cobham, il progetto interamente strumentale Spectrum, per la qualità dell'incisione realizzata dal produttore Ken Scott, era utilizzato nei laboratori dalla rivista specializzata in alta fedeltà Suono, per provare le doti di tenuta in potenza degli amplificatori audio.
  • In molti album di Cobham, a partire dagli anni '70, le foto di alcune copertine furono scattate da Cobham stesso, che sin da giovane manifestò la passione per la fotografia.
  • Paul McCartney lo chiamò per formare i Wings ma lui pensò che si trattasse di uno scherzo e riagganciò il telefono.
  • Tra i suoi batteristi preferiti ha citato Stewart Copeland dei Police che a sua volta lo cita in un'intervista parlando del suo studio sui ritmi. [1]
  • È amico di Tullio De Piscopo con il quale ha suonato in vari contesti, dal quale è stato definito "colui che ha rivoluzionato la batteria dal '70 in poi".
  • Nel concerto a Montreux del 76 lo si vede parlare tranquillamente con il tecnico del suono dietro di lui durante un brano di difficoltà notevole.
  • Suonando è solito riposizionarsi gli occhiali velocemente scivolati per causa del sudore.
  • Nel concerto Mahavishnu Orchestra live at BBC "Sounds for Saturday" suona con la batteria Fibes in plexiglas, la stessa che usa in Spectrum.
  • Il brano "Stratus" grazie al suo groove incalzante e alla linea di basso innovativa e orecchiabile è stato utilizzato nella colonna sonora di molti programmi televisivi di tutto il mondo.
  • Cobham è stato tra i primi batteristi a innovare la tecnica del single stroke, (colpo singolo), è ambidestro cioè riesce a suonare la scansione del beat principale sia con la destra che con la sinistra, quindi si potrebbe definire anche un "mancino parziale" nel senso che per quanto sia ambidestro Cobham suona cassa e hi-hat in posizione normale, rispetto ai batteristi totalmente mancini che hanno cassa a sinistra e hi-hat a destra.
  • Nel 1981 periodo in cui suona con i Glass Menagerie (dove figura un giovane Mike Stern) alla fine di un concerto Miles Davis che aveva assistito al concerto disse a Cobham: "Mi presti il tuo chitarrista per alcune registrazioni?" e Cobham rispose: "Chiedi a Mike, non a me!", dopo che Stern ebbe l'invito da Davis la stessa sera Stern disse a Cobham: "Sai mi ha chiesto di suonare con lui... ma non so, forse rifiuterò", e replicando Cobham disse: "Ma dai! È un'opportunità! Devi andare!"; Cobham e Stern da quella volta non suonarono più insieme se non fino al 2007, insieme al bassista Alain Caron durante il Montréal Jazz Festival.
  • Dennis Chambers ha raccontato che la prima volta che sentì una performacee di Cobham, rimase vivamente impressionato e si disse: "Voglio suonare come lui."
  • Non molti sanno che Billy Cobham ha un fratello musicista, Wayne Cobham, meno conosciuto al grande pubblico ma conosciuto più nell'ambiente discografico. È tastierista e flicornista, nonché un ottimo arrangiatore che ha collaborato in passato con molti artisti tra cui anche Michael Jackson. Wayne Cobham figura nell'album "Picture This" (1987) del fratello Billy come arrangiatore e tastierista, e lo troviamo a suonare con il fratello anche nel DVD live "Crosswinds: Live in Cannes 1989", dove peraltro figura anche la pianista jazz italiana Rita Marcotulli.
  • Il programma televisivo musicale D.O.C gli dedicò alcune giornate nel dicembre del 1987. In un clima molto divertente e amichevole lo si vede scherzare assieme a Gegè Telesforo e in alcuni momenti anche con Renzo Arbore.
  • È possibile vederlo suonare assieme ad Horace Silver una batteria italiana, la Hollywood Meazzi modello President, che aveva la particolarità di avere un pedale tendipelle collegato al timpano (Floor Tom), con funzionalità simile ai timpani orchestrali.
  • Billy Cobham, quando suona a Milano, raggiunge l'Italia con la sua auto guidando lui stesso e portandosi la batteria da casa.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 15969646 LCCN: n83196104