Bill de Blasio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bill de Blasio
Bill de Blasio 11-2-2013.jpg

109° sindaco di New York
In carica
Inizio mandato 1º gennaio 2014
Predecessore Michael Bloomberg

Public Advocate di New York
Durata mandato 1º gennaio 2010 –
31 dicembre 2013
Predecessore Betsy Gotbaum
Successore Letitia James

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Tendenza politica liberal di sinistra progressista

Bill de Blasio, nato Warren Wilhelm Jr.[1] (New York, 8 maggio 1961), è un politico statunitense del Partito Democratico, sindaco di New York.

Bill de Blasio con la moglie (a sin.) Chirlane McCray e i figli Chiara e Dante

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Manhattan, distretto della città di New York, da Warren Wilhelm e Maria De Blasio. Il padre, militare dislocato nell'Oceano Pacifico, aveva ascendenze tedesche mentre i nonni materni, Giovanni De Blasio e Anna Briganti, erano italiani: il primo era originario di Sant'Agata de' Goti (provincia di Benevento, dove il cognome è diffuso con la "d" maiuscola), mentre la nonna era natìa di Grassano, in provincia di Matera.[2]

È cresciuto a Cambridge, nel Massachusetts, e ha studiato la lingua italiana a Brooklyn. De Blasio aveva sette anni quando suo padre, alcolizzato e fumatore accanito, andò via di casa creando i presupposti per il successivo divorzio[3] ottenuto circa un anno dopo; il genitore finirà per suicidarsi nel 1979 con un colpo d'arma da fuoco all'esterno di un hotel, anche per la volontà di porre fine alle sue sofferenze causate da un enfisema e dalle metastasi di un tumore ai polmoni, sviluppatesi in seguito all'abuso di tabacco.[4] Nel 1983 cambiò legalmente il suo nome in Warren de Blasio–Wilhelm; dal 1990 in poi si fece chiamare Bill de Blasio, adottando legalmente tale nome nel 2002.[1]

Ottiene il titolo accademico di bachelor of arts (baccelliere delle arti) in studi metropolitani[5] alla New York University[6] e in seguito consegue un master in Affari Internazionali alla Columbia University.[7] Nel 1981 viene premiato con una borsa di studio intitolata al 33º presidente degli Stati Uniti d'America, l'Harry S. Truman Scholarship.[8]

Socialista da giovane, de Blasio supportò, tra la fine degli anni ottanta e l'inizio della decade successiva, la lotta dei sandinisti in Nicaragua, combattuti dall'allora presidente statunitense Ronald Reagan.[9] È poi stato consigliere del presidente americano Bill Clinton e dirigente della campagna elettorale del 2000 per il Senato degli Stati Uniti, risultata vincente, di sua moglie Hillary.[10] Esponente dell'ala sinistra del Partito Democratico, de Blasio si definisce liberal e progressista.

Sposato dal 1994 con la poetessa afroamericana Chirlane McCray, attivista per i diritti degli omosessuali dichiaratamente lesbica nel periodo di nubilato precedente[11][12], fece il viaggio di nozze a Cuba nonostante l'embargo. Ha avuto da lei due figli, Dante e Chiara[13].

Già Public Advocate di New York, nel 2013 si candida come sindaco di New York impostando la sua campagna elettorale su come far pagare più tasse ai residenti ricchi per finanziare gli asili nido e il salario minimo. Il 6 novembre viene eletto quindi sindaco con oltre il 73% delle preferenze, vent'anni dopo l'ultimo sindaco democratico della "Grande Mela", David Dinkins.[14] È il quarto sindaco italoamericano di New York dopo Fiorello La Guardia (1934–45), Vincent Impellitteri (1950–53) e Rudolph Giuliani (1994–2001).[15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Mayoral hopeful Bill de Blasio has had three different legal names, court records show in Daily News (New York), 22 settembre 2013. URL consultato il 6 novembre 2013.
  2. ^ Voto a New York: Grassano per De Blasio, ANSA, 5 novembre 2013. URL consultato il 6 novembre 2013.
  3. ^ (EN) Bill de Blasio mayoral campaign ad tells of demons of an alcoholic father, Daily News, 10 giugno 2013. URL consultato il 6 novembre 2013.
  4. ^ (EN) Exclusive: Bill de Blasio Speaks with WNYC About His Father's Suicide, WNYC.org, 30 settembre 2013. URL consultato il 6 novembre 2013.
  5. ^ (EN) Metropolitan Studies, nyu.edu. URL consultato il 10 novembre 2013.
  6. ^ (EN) Bill de Blasio's student activist at New York University work prepared him for the world of city politics, nydailynews.com, 6 ottobre 2013.
  7. ^ (EN) New York City mayoral candidates: A look at Bill de Blasio, Daily News, 12 settembre 2013. URL consultato il 6 novembre 2013.
  8. ^ (EN) America's Truman Scholars (PDF), truman.gov, 16 agosto 2013, p. 9. URL consultato il 6 novembre 2013.
  9. ^ (EN) A Mayoral Hopeful Now, de Blasio Was Once a Young Leftist, The New York Times, 22 settembre 2013. URL consultato il 10 novembre 2013.
  10. ^ (EN) Profile: New York Mayor-elect Bill de Blasio, BBC News, 6 novembre 2013. URL consultato il 10 novembre 2013.
  11. ^ Iscritta al Wellesley College, aderisce al collettivo di femministe e lesbiche nere (Combahee River Collective) identificandosi come tale anche in un saggio da lei stessa scritto nel 1979 chiamato I Am a Lesbian (letteralmente dall'inglese: Io Sono una Lesbica). Dopo aver sposato de Blasio, le amiche lesbiche della McCray rifiutarono il suo nuovo stile di vita; lei si difese affermando: «Ci sono alcune persone che s'identificano come una cosa o l'altra, ma per il resto di noi c'è molta zona grigia». (EN) Andrew Marantz, Significant other, The New Yorker, 5 agosto 2013. URL consultato il 6 novembre 2013.
  12. ^ (EN) Andrew Belonsky, When Bill de Blasio's Wife Was a Lesbian, OUT.com, 3 settembre 2013. URL consultato il 6 novembre 2013.
  13. ^ (EN) Family in the Spotlight, The Wall Street Journal, 1º gennaio 2013. URL consultato il 6 novembre 2013.
  14. ^ (EN) De Blasio Is Elected New York City Mayor in Landslide, The New York Times, 6 novembre 2013. URL consultato il 6 novembre 2013.
  15. ^ Simone Cosimi, De Blasio sindaco di New York, una sfida hi-tech, Wired Italia, 6 novembre 2013. URL consultato il 6 novembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Sindaco di New York Successore Flag of the Mayor of New York City.svg
Michael Bloomberg dal 1º gennaio 2014