Big Wet Asses

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Remy LaCroix nell'intro del film "Big wet asses 21"

Big Wet Asses (o BWA) è una serie di film pornografici prodotti da Elegant Angel nata nel 2003; dalla settima edizione (2005) i film sono stati tutti diretti dal regista William H. Nutsack.

Le scene sono incentrate sul binomio tra sesso anale ed i prorompenti fondoschiena delle pornostar bagnati con acqua o olio; nei primi film era presente anche un aspetto di feticismo verso il lattice. Considerata il coronamento di una carriera, spesso nei film di questa serie è contenuta la prima scena di sesso anale (pagata lautamente) di un'attrice.

La serie ha vinto numerosi AVN Awards[1] e XRCO Award. I film sono venduti su DVD, Blu-ray Disc, oppure come scene singole sul sito della Elegant Angel.

Dopo i cambiamenti avvenuti ai vertici della casa Elegant Angel, e lo spostamento del regista William H. alla Jules Jordan Video (dove ha riproposto lo stesso format, con il titolo Wet Asses), la serie si è fermata, nel 2013, al volume 22.

Elenco dei film[modifica | modifica wikitesto]

Sunny Lane allo stand Elegant Angel durante l'AVN Adult Entertainment Expo del 2010.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

AVN Awards[modifica | modifica wikitesto]

  • Best Anal-Themed Release:[1] 2005 (BWA 3), 2011 (BWA 16)
  • Best Anal-Themed Series:[1] 2006, 2007, 2008
  • Best Big Butt Release:[1] 2009 (BWA 13), 2010 (BWA 15), 2013 (BWA 21)
  • Best Big Butt Series:[1] 2009, 2010, 2013
  • Best Anal Sex Scene:[1] 2008 (BWA 8: Bree Olson e Brandon Iron), 2009 (BWA 13: Sunny Lane e Manuel Ferrara)

XRCO Award[modifica | modifica wikitesto]

  • 2008: Best Gonzo Series
  • 2010: Best Gonzo Release (BWA 15)

XCritic Award[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009: Top Blu-ray Title (BWA 15)

NightMoves Award[modifica | modifica wikitesto]

  • 2010: Best All-Sex Gonzo Release[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Vincitori AVN Awards
  2. ^ David Sullivan, NightMoves Crowns 16th Annual Award Winners, AVN. URL consultato il 29 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]