Bifalina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
Bifalina
Biphalin.svg
Nome IUPAC
(2S,2'S)-N,N'-[(2R,8S,13S,19R)-8,13-Dibenzil-3,6,9,12,15,18-esaosso-4,7,10,11,14,17-esaazaicosano-2,19-dil]bis[2-ammino-3-(4-idrossifenil)propanammide]
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C46H56N10O10
Massa molecolare (u) 908.998 g/mol
Numero CAS [83916-01-2]
Codice ATC Nessuno
PubChem 5487663
Indicazioni di sicurezza

La Bifalina è un peptide oppioide dimerico (Tyr-D-Ala-Gly-Phe-NH)2, costituito da due identici tetrapeptidi correlati alle encefaline e connessi da coda a coda attraverso un ponte idrazinico.[1] La presenza di due distinti farmacofori conferisce alla Bifalina un'elevata affinità sia per i recettori oppioidi μ che per i δ (con una EC50 per i due recettori di circa 1-5 nM), mostrando quindi un'attività analgesica.[2] La Bifalina presenta un profilo antiniocicettivo degno di nota. Infatti, in seguito a somministrazione intracerebroventricolare nei topi, la Bifalina mostra una potenza 7 volte maggiore del potente agonista oppioide etorfina e 7000 volte più alta della morfina, inoltre Bifalina e morfina si sono mostrate equipotenti in seguito a somministrazione interperitoneale.[3] La straordinaria potenza in vivo di questo composto è accompagnata da ridotti effetti collaterali, in particolare riguardo alla comparsa di dipendenza in seguito all'assunzione prolungata. Per queste ragioni, diverse ricerche sono state compiute allo scopo di ottenere maggiori informazioni sulle relazioni struttura attività (SAR). I risultati hanno chiaramente indicato che, almeno per il legame al recettore μ, la presenza di due farmacofori non è necessaria.[2] La Tyr1 è indispensabile per l'attività analgesica, mentre la sostituzione della Phe in 4 e 4' con amminoacidi non aromatici ma lipofili non influenza particolarmente l'affinità recettoriale[2]; in generale la posizione 4,4' è considerata importante per la realizzazione di analoghi dotati di maggiore potenza e per modulare la selettività δ/μ.[4][5] Il linker idrazinico non è fondamentale per l'attività e l'affinità, e può essere convenientemente sostituito con vari sostituenti cicloalifatici dotati di maggiore rigidità conformazionale.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Judith Flippen-Anderson, Crystal structure of biphalin sulfate: a multireceptor opioid peptide in The Journal of Peptide Research, vol. 59, nº 3, marzo 2002, pp. 123–33.
  2. ^ a b c Andrzej Lipkowski, Biological activity of fragments and analogues of the potent dimeric opioid peptide, biphalin in Bioorganic & Medicinal Chemistry Letters, vol. 9, nº 18, settembre 1999, pp. 2763–66.
  3. ^ Peter Horan, Antinociceptive Profile of Biphalin, a Dimeric Enkephalin Analog in The Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics, vol. 265, nº 3, giugno 1993, pp. 1446–54.
  4. ^ Guigen Li, Modifications of the 4,4'-residues and SAR studies of Biphalin, a highly potent opioid receptor active peptide in Bioorganic & Medicinal Chemistry Letters, vol. 8, nº 5, marzo 1998, pp. 555–60.
  5. ^ Adriano Mollica, New potent biphalin analogues containing p-fluoro-L-phenylalanine at the 4,4' positions and non-hydrazine linkers in Amino Acids, vol. 40, nº 5, maggio 2011, pp. 1503–11.
  6. ^ Adriano Mollica, Synthesis and biological evaluation of new biphalin analogues with non-hydrazine linkers in Bioorganic & Medicinal Chemistry Letters, vol. 15, nº 10, maggio 2005, pp. 2471–5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]