Bicinium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con bicinium si intende, nella musica rinascimentale e barocca, una composizione didattica a due sole voci.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine bicinium venne usato per la prima volta dal polacco Jan z Lublina in un trattato del 1540. Negli anni successivi, diversi volumi contenenti bicinium vennero pubblicati in Germania, Paesi Bassi e Italia. Martin Lutero, che sosteneva che i bambini dovessero apprendere sia la musica che i salmi, compose diversi bicinium.

Generalmente un bicinium era pensato per essere cantato o suonato da studenti della stessa età e capacità, piuttosto che da uno studente e da un insegnante. Il modello di studio del bicinium venne adottato da Heinrich Glarean nel suo Dodecachordon del 1547, uno dei più influenti trattati di teoria musicale e pedagogia del Rinascimento.

In modo simile, gli studenti di musica, attualmente, in genere imparano il contrappunto prima scrivendo in due parti, e poi in tre, aumentando a quattro o più parti solo dopo aver acquisito piena padronanza delle fasi precedenti.

Una composizione didattica a tre voci è invece conosciuta con il termine tricinium.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica classica