Biblioteca nazionale austriaca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biblioteca Nazionale Austriaca
Österreichische Nationalbibliothek
Josefsplatz Wien.jpg
La facciata principale
Ubicazione
Stato Austria Austria
Land Flag of Vienna.svgViennese
Località Vienna
Indirizzo Josefsplatz
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1723-37
Stile Barocco
Uso sede della Biblioteca Nazionale Austriaca
Realizzazione
Architetto Johann Bernhard Fischer von Erlach e figlio
Proprietario storico Asburgo
 

La Biblioteca Nazionale Austriaca (in tedesco: Österreichische Nationalbibliothek, ÖNB) è la biblioteca nazionale della Repubblica d'Austria. Fondata a metà del XV secolo dagli Asburgo come biblioteca di Corte (Hofbibliothek) era nota come "Biblioteca imperiale di Vienna" fino al 1920. Ha sede nell'Hofburg, ma alcune raccolte sono conservate a palazzo Mollard-Clary.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

la Sala Magnifica

L'edificio odierno venne eretto su progetto di Johann Bernhard Fischer von Erlach dal figlio, tra il 1723 e il 1737. Presenta un'imponente facciata a tre ordini di grandi finestre impostata sul padiglione centrale sormontato dal gruppo scultoreo di Minerva sulla quadriga. All'interno lo scalone d'onore barocco conduce alla grandiosa Prunksaal, la "Sala Magnifica", fatta erigere dall'imperatore Carlo VI d'Asburgo. Con i suoi 78 metri di lunghezza attraversa tutto l'edificio.

Con 7,4 milioni di documenti è la più ricca biblioteca austriaca. Ha diritto al deposito legale e svolge l'attività di controllo bibliografico. Possiede anche importanti raccolte di incunaboli, mappe e globi, papiri, lingue artificiali, partiture musicali e immagini.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Servizio Stampa federale (a cura di), I tesori dell'Austria : la Biblioteca nazionale austriaca. Vienna : Cancelleria federale, Servizio Stampa federale, 1995.
  • "Della Biblioteca Imperiale di Vienna". In: Adriano Balbi, L'Austria e le primarie potenze: saggi di statistica comparativa. Milano: C. Turati, 1846, pp. 307-327 (on-line).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]